LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 29/08/07 DAL BENEMERITO SKINNER
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

skinner 30/08/07 00:59 - 593 commenti

I gusti di skinner

Uno Scola dimenticato, con Mastroianni in versione sicula e brillante; piccolo gioiello da rivalutare. Molto originale il montaggio a mosaico di andirivieni temporali; molto bella la costruzione in crescendo, con l'escalation di rapporti tra Lauren Hutton, bella e fredda e il "pesante" Papaleo. Un pò tirato via il finale, comunque beffardo e anarcoide. Caso raro, non è granchè il cast di comprimari, sicuramente causa location. Film comunque oggi ancora molto fresco.

Fauno 26/03/11 20:37 - 1907 commenti

I gusti di Fauno

Altro che American Dream, questo è il lato oscuro, è la miseria più nera nella sua forma più esplicita, ed è anche la sconfitta più cocente per quei poveri ingenuoni che credono che ci sia sempre un mare di bontà dietro un paio di begli occhi... Boccadoro, Gengis Khan, la confessione finale di una Hutton scelta magnificamente, Papaleo che fa il resto, ma anche un Trovajoli che sforna uno dei suoi brani più belli, le scene al ralenti... ma cosa si può volere di più?
MEMORABILE: La scena al salumificio (peraltro di Bondeno, non degli States!), la Hutton di una bellezza dannata, una scelta molto embrionale per quei tempi...

Pinhead80 27/07/12 16:41 - 3891 commenti

I gusti di Pinhead80

Rocco Papaleo è il protagonista di questo film di Scola. Un personaggio alla ricerca di accettazione e amicizia in un mondo carogna che non vuole saperne di queste cose. Un mondo schiavo dell'apparenza e dell'arrivismo. Mastroianni è perfetto nel portare alla luce l'ingenuità e le illusioni di Papaleo. Eppure al film manca qualcosa per poter essere considerato completamente riuscito. Concettualmente molto forte, l'opera perde colpi nell'eccessiva svagatezza di alcune scene e nell'uso non sempre apprezzabile del ralenti.

Lupoprezzo 29/07/12 15:31 - 635 commenti

I gusti di Lupoprezzo

Uno Scola in trasferta a stelle e strisce imbastisce questa pellicola col solito tocco popolare, giocando molto con la novità dei paesaggi americani, mostrandoci (forse ricordandosi della lezione di Schlesinger e del suo uomo da marciapiede) un'umanità reietta e miserabile, ai confini col grottesco. Il quadro d'insieme francamente non incide: troppo macchiettistico per convincere, con una sceneggiatura che si prende le sue pause. Marcello Mastroianni presta degnamente i tratti ad un personaggio timido, buono e ingenuo; ma non basta. Finale insipido.

Lucius 6/02/14 23:12 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Ennesima grande performance di Mastroianni in un film da tempo assente dai palinsesti tv. In cerca di accettazione, di amicizia, di se stesso, Rocco si imbatte in una serie di situazioni e personaggi che lo fan sentire ancora più emigrante in terra straniera. I dialoghi sono brillanti e le tematiche del film sono tratteggiate con verismo e sensibilità (in particolare quelle dell'omosessualità e della presunta impotenza). In alcuni momenti il film ha un vago sapore felliniano. Da riscoprire.

Deepred89 14/03/16 20:03 - 3269 commenti

I gusti di Deepred89

Non riuscitissimo, ma imperdibile in quanto testimonianza della capacità del cinema tricolore settantiano di ibridare alto e basso, italianità e internazionalità, leggerezza e sgradevolezza. E così un Mastroianni più o meno compaesano del barone Cefalù veste i panni di un piccolo principe risucchiato da una metropoli statunitense tutta rock-blues (lode a Trovaioli), prostitute, clochard e poliziotti corrotti. A non convincere un soggetto fatto di alti e bassi, che alla resa dei conti lascia perplessi. Ardita la parentesi maladolescente.
MEMORABILE: Credi a me, un figlio ti dà una sola grande soddisfazione nella vita: esattamente 9 mesi prima di nascere.

Paulaster 30/07/18 10:22 - 2731 commenti

I gusti di Paulaster

Minatore finisce a Chicago dove conoscerà una modella. Visione pessimista a livello sociale e malvagia a livello umano: c’è solo un barlume minimo, in un ambiente sporco e corrotto (ben delineato). Mastroianni interpreta un ingenuo al limite dello stupido e sembra sia sbarcato da una nave d’inizio Novecento; meglio la Hutton, anche se acerba. Scola in trasferta americana non sembra in linea coi tempi per quanto riguarda l’omosessualità e accenna solo alla prostituzione minorile.
MEMORABILE: Il pupazzo Pancho col coltello nella schiena; La croce con la rotella; In negativo: i replay.

Ryo 19/07/19 00:35 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Insolito ruolo per Mastroianni reso con grande efficacia. La commedia, dai risvolti melodrammatici, riesce con semplicità a introdurre temi come la bonaria ingenuità del protagonista, lo stalking (o è amore?) e la solitudine interiore, mascherata da una vita piena e mondana della co-protagonista. Regia talvolta spiazzante con cambi repentini di location sia fisica che temporale, che mostra le vicende quasi come un puzzle da ricostruire.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Zender • 12/05/16 20:28
    Consigliere - 43516 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film:

  • Musiche Lucius • 9/06/18 11:47
    Scrivano - 8345 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius, il 45 giri originale:



    Ultima modifica: 9/06/18 15:36 da Zender
  • Discussione Raremirko • 10/06/18 21:24
    Addetto riparazione hardware - 3449 interventi
    Il film mi è piaciuto molto, con una regia piena di brio e simpatia (i ralenty), un Mastroianni in forma (ad un passo dal patetico), un ambiente credibile e una bella Hutton.

    L'American dream, mi sa, ha più lati negativi che altro.


    Buono.