LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Si apre con un prologo che c'entra col resto del film come i cavoli a merenda e fa subito capire quanto la logica sottesa a certe operazioni di Fred Olen Ray sfugga ai più: un Indiana Jones dei poveri (David O'Hara) ha un appuntamento con una bella bionda; s'incontrano, si baciano e un secondo dopo si comincia a sparare da tutte le parti, coi complici di uno e dell'altro che compaiono ovunque fronteggiandosi. Stacco. Siamo in un bar egiziano e comincia la storia: un tizio del posto contatta il falso Indy di prima (anche se questo più che un archeologo è al massimo un tombarolo) e un suo amico per dir loro che sa dov'è sepolto il “tesoro dei re” che starebbero cercando. Quelli lo seguono, finiscono in una tomba con sarcofago in bella...Leggi tutto vista e armeggiando un po' liberano la regina vampiro Nefratis (Michelle Bauer, la sua apparizione in scena può essere catalogata come la più scarica di tensione di ogni tempo), che subito accoppa l'egiziano e strappa il cuore al più fesso dei due dopo che l'altro se n'è scappato coi gingilli sacri trafugati. Gingilli che Nefratis dovrà recuperare, naturalmente, e per questo la regina ritornata in vita si dà una rinfrescata, si acconcia come la moda del tempo esige e se ne va a Hollywood, dove Indy ha già piazzato ai collezionisti uno scarabeo d'oro, qualcosa di Horus e altri preziosi ammennicoli. La donna, per vendetta, rintracciato il poveretto, gli piazza uno scarabeo in pancia che sale fino al cuore: quando lei vuole, lo scarabeo punzecchia il cuore e Indy soffre. Gli conviene obbedire... Cominciano le morti legate alle vendite egizie sottobanco (tutte di vecchi che già non avevan più molto da chiedere alla vita) finché la nipote di un egittologo e il figlio di un altro uniscono le forze e danno la caccia alla bella regina. Un low budget movie sull'onda delle varie mummie post-Karloff, che mescolando avventura e horror anticipa - almeno inizialmente - in qualche modo la MUMMIA di maggior successo, quella con Brendan Fraser. Purtroppo qui i mezzi sono infinitamente inferiori e gli imbarazzi registici di Olen Ray si traducono in penosi faccia a faccia tra attori che sembrano sbagliare regolarmente i tempi. Tra questi non manca di fare la solita apparizione il vecchio John Carradine, giusto per sparare quattro boiate su Nefratis e la sua inquietante leggenda (“morta? Chi dice che è morta?”). Insomma, tra musica elettronica puramente eighties, intermezzi danzerecci in discoteca o al pub, qualche tetta gratuita in bella mostra, effetti speciali fatti con rozzi lampi di luce e palle di fuoco (ma lo scarabeo che entra sottopelle non è male) si arriva a un finale pirotecnico di fattura scarsa quanto il resto. La polizia azzarda due indagini ma non gli bada nessuno (gli spettatori men che meno), le scene classiche di riempitivo e i dialoghi inutili allungano il metraggio, la fotografia è pessima e fa calare definitivamente il sipario su un horroraccio il cui soggetto, tutto sommato, non era nemmeno dei peggiori.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 24/09/09 DAL BENEMERITO UNDYING POI DAVINOTTATO IL GIORNO 30/05/14
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 24/09/09 01:14 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Un ladro ha la cattiva idea d'impadronirsi di preziosi reperti egiziani, appartenuti a Nephratis, principessa possessiva che ritorna dall'aldilà per riappropiarsi dei suoi oggetti... a discapito di chi li ha acquistati. La sceneggiatura non è certo brillante e il buon cast è malamente diretto, però nel complesso The tomb figura come una delle migliori cose dirette da Fred Olen Ray qua affiancato, al reparto make-up, da un giovane Robert Kurtzman. Nel cast figura anche la porno attrice Michelle Bauer.

Cotola 2/10/10 00:00 - 7392 commenti

I gusti di Cotola

Terribile film del solito Olen Ray che definire regista sarebbe troppa grazia. Siamo dalle parti dell’invedibile poiché, pur essendo trash, non risulta nemmeno divertente. La storia è un pastrocchio senza senso che si fa fatica a capire come sia stato partorito da persona con un po’ di sale in zucca.

Minitina80 21/03/15 10:23 - 2264 commenti

I gusti di Minitina80

Horror scalcinato e inguardabile che nasce da una sceneggiatura improbabile che fa acqua da tutte le parti. La storia è scontata e banale e avvilita da una recitazione poco incisiva e approssimativa. A volte anche la scelta delle musiche risulta inadeguata alle scene. Da evitare come la cioccolata con il pesce.

Rigoletto 29/05/15 20:32 - 1483 commenti

I gusti di Rigoletto

Un ibrido fra horror e avventura ma di sicuro è un fiasco di razza purissima, noioso ma per fortuna non eccessivamente lungo. Cast non entusiasmante nel quale brilla poco anche John Carradine. Spiace dire che entrambi i generi non avevano bisogno di un prodotto totalmente "trasparente", in fatto di contenuti. Il regista Ray ci mette del suo per renderlo tale, il che lascia immaginare quanto stesse volando basso.

Ciavazzaro 14/06/17 01:18 - 4754 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Nulla di che, senza essere però un totale disastro. Cast molto ricco (il buon Mitchell protagonista, la sexy e pericolosa mummia egiziia Bauer), purtroppo sprecati in due brevi camei Carradine professore e la Danning avventuriera che però nei pochi minuti a loro riservati bucano come al solito lo schermo. Non ci sono punti morti e comunque il film si fa seguire; certo il personaggio del poliziotto stupido è atroce e odioso e ci sono alcune baracconate, ma l'amore per la decade lo salva dal monopallino. C'è di peggio...
MEMORABILE: I titoli di testa.

Rufus68 18/12/17 01:34 - 2994 commenti

I gusti di Rufus68

Purtroppo ciò che si inizia va terminato. Un proposito lodevole nella vita, ma esiziale per chi guarda film così. Dopo un inizio incomprensibile (a cosa si voleva ammiccare? Bond? Indiana Jones?) si prosegue imperterriti verso uno dei nadir del genere archeo-horror. Lo sforzo produttivo appare proporzionato alla meschinità dell'insieme. L'entrata in scena della protagonista è uno dei più fallimentari e ridicoli all time. Sul resto del cast inutile dire.

Daidae 13/11/18 19:48 - 2716 commenti

I gusti di Daidae

Mediocre film dell'orrore dal ritmo assai lento, con pochissime scene che si possano definire "da film dell'orrore" e musiche neanche male, ma totalmente fuori tema. Il cast è discreto e vede in lista diversi nomi conosciuti come Sybil Danning (che però fa un poco più di un cameo), Cameron Mitchell e John Carradine. C'è sicuramente in giro di peggio di peggio, ma il film resta sotto la sufficienza.
MEMORABILE: Una sola pallottola e l'elicottero esplode.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Undying • 23/04/10 20:26
    Scrivano - 7638 interventi
    Un film nato per scherzo Appreso che la New World ha in cantiere la realizzazione di un film ispirato dal libro di F. Paul Wilson (dal titolo, appunto, di The Tomb), Fred Olen Ray batte sul tempo la più nota casa di produzione sfruttando la scenografia "egiziana" realizzata per una pubblicità dei jeans Wrangler's: scrive due paginette di sceneggiatura e gira un teaser in grado di avvalorare l'ipotesi che ha realmente in produzione un film dal titolo... The Tomb. Nell'idea del regista la New World avrebbe - di certo - sborsato una cospicua cifra pur di ostacolare la realizzazione del film omonimo ed il materiale girato sarebbe eventualmente servito per dare vita ad un'altra pellicola. Lo spot promozionale del film "falso" raccoglie però parere favorevole presso una casa di produzione rivale alla New World, ovvero la Trans World, che decide di sborsare un discreto budget (duecentomila dollari) e finanziare, così, per davvero il The Tomb di Olen Ray. L'incasso al box office di tre milioni e mezzo di dollari sancisce lo start (ahinoi) alla carriera del cineasta, in seguito attivissimo nella realizzazione di (brutti quando non bruttissimi) apocrifi, spin-off e remake realizzati a basso budget e a tempo di record.
  • Homevideo Daidae • 13/11/18 19:45
    Compilatore d’emergenza - 852 interventi
    È uscito in vhs per "Eureka video"