La smagliatura

Media utenti
Titolo originale: La faille
Anno: 1975
Genere: drammatico (colore)
Note: Il film è tratto dal romanzo di Antonis Samarakis "To Làthos" (1965).
Numero commenti presenti: 5

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/07/09 DAL BENEMERITO BRAINIAC
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Brainiac 1/07/09 20:32 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

Cupo On the road politico, film raro, da riscoprire. Ho avuto la fortuna di vederlo a tarda notte su una Tv privata e mi ha molto colpito. Tognazzi è braccato dal regime, controllato da un poliziotto che forse gli è amico. Tratto da un romanzo di Samarakis, ha in realtà più di un aspetto in comune con i film basati sui romanzi di Buzzati (Il deserto dei tartari). Come le surreali storie dello scrittore infatti, l'ambientazione è incerta e la trama ambigua (pur lanciando una critica feroce contro i totalitarismi). Cult!

Skinner 9/01/10 20:59 - 593 commenti

I gusti di Skinner

Grande, misconosciuto gioiello, grottesco apologo anti-totalitario, che non ha comunque perso un briciolo di attualità (sebbene meno contingente). Ma al di là del messaggio, funziona molto bene anche come film di genere, con suspence e colpi di scena riusciti e intelligenti. Grande prova per Tognazzi (in un raro nudo integrale). Da riscoprire.

Blsabbath 19/11/10 18:49 - 46 commenti

I gusti di Blsabbath

Notevole lavoro di Fleischmann con un Tognazzi atipicamente impegnato; film cupo e claustrofobico, una satira grottesca sui metodi di controllo dei paesi comunisti con chiari riferimenti a Ddr e Urss. Trama a metà strada fra il distopico 1984 e alcuni libri di Solzenicyn. Rarità assolutamente da vedere.

Pigro 28/02/11 15:11 - 7794 commenti

I gusti di Pigro

Lo sfondo è la Grecia dei colonnelli, ma potrebbe essere quello di qualsiasi feroce dittatura, perché il cuore vero del film è la tensione psicologica tra un "servo dello stato" e un eversore catturato, durante un trasferimento. Anche se vagamente prevedibile e per certi versi poco credibile, l'evoluzione del rapporto tra i due è intrigante e mette in luce più la dinamica scacchistica della sfida e della simulazione che non quella più schiettamente politica. Bel duello attoriale tra Tognazzi (in un ruolo per lui davvero strano) e Piccoli.

Rufus68 25/05/17 23:45 - 3090 commenti

I gusti di Rufus68

Si trascina stancamente per quasi due ore, con rarissimi o inesistenti sussulti. La vicenda squisitamente politica (la dittatura dei colonnelli greci) è usata esclusivamente quale labile sfondo di cartapesta; le psicologie dei personaggi appena abbozzate; l'inversione dei ruoli, da carnefice a vittima e viceversa, risulta, invece, alquanto meccanica. In realtà il film si regge sulla presenza e sul mestiere indiscutibile dei due grandi attori (che, tuttavia, sembrano poco convinti). Buone le musiche. Adorf non rinuncia alle capocciate.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Caesars • 20/04/11 15:01
    Scrivano - 10749 interventi
    Questo film lo vidi, qualche decina di anni fa, su una tv privata. Mi piacerebbe rivederlo. Qualcuno sa se è disponibile su qualche supporto, o con i soliti canali alternativi?
  • Discussione Brainiac • 20/04/11 16:02
    Addetto riparazione hardware - 1469 interventi
    la seconda che hai detto!
    Io lo vidi sulla storica Super 3 e ne rimasi estasiato.
  • Discussione Caesars • 20/04/11 16:41
    Scrivano - 10749 interventi
    Grazie Brainiac, proverò a cercarlo.
  • Musiche Lucius • 13/03/13 10:04
    Scrivano - 8325 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius, il cd della colonna sonora (limited edition):



    Ultima modifica: 13/03/13 10:52 da Zender
  • Curiosità Zender • 21/10/16 18:39
    Consigliere - 43533 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film:

  • Curiosità Rufus68 • 25/05/17 23:42
    Gestione sicurezza - 194 interventi
    Il film è tratto dal romanzo di Antonis Samarakis "To Làthos" (1965).
    Venne tradotto in italiano nel 1971 col titolo "Lo sbaglio" e ripubblicato (sempre per la traduzione di Anna Cortese) nel 1975, in occasione dell'uscita del film.