La bella e la bestia

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1976
Genere: erotico (colore)
Regia: [4e] Luigi Russo
Note: Episodi: "La schiava", "Zooerastia", "La fustigazione", "La promessa".
Numero commenti presenti: 6
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Film erotico a episodi, passato alla storia del cinema italiano più per le vicissitudini in sede di censura (è uscito nelle sale solo nel 1976) che per l'effettiva qualità. Comunque va detto che la regia di Luigi Russo non è del tutto peregrina e anzi, a tratti sa essere sinuosa ed estatica al punto giusto. Il primo episodio è LA SCHIAVA, dove la gelida protagonista per concedersi allo zar gli chiederà in cambio un giorno di potere assoluto. Lo otterrà, costringendo però lo spasimante a umiliazioni eccessive finché... Ottimamente recitato (lo zar è convincente e sa giocare con l'espressività del volto), è forse l'episodio migliore. ZOOERASTIA è invece il più celebre, ritenuto scandaloso per le sue (velatissime) allusioni sessuali...Leggi tutto nel rapporto tra la bionda protagonista e i cani e cavalli rinchiusi con lei nella stalla. Punita così per aver tradito il marito, finirà per impazzire. Girato con particolare scelta nelle inquadrature e buona sincronia con le belle musiche di Piero Umiliani (uno dei punti di forza del film). In LA FUSTIGAZIONE si racconta la giovinezza di Masoch, che diventerà chi sappiamo dopo aver visto a letto la madre con l'amante ed essere stato punito. È l'episodio più “caldo” ed esplicito, ma in sé piuttosto insulso. Chiusura con LA PROMESSA, dove una giovane prima di sposarsi vorrebbe concedersi alla sua vecchia fiamma, l’insulso cugino (una rara faccia da tonno). Lui esita, poi per non rubarle la verginità la prende da dietro mentre lei finge di dormire. Tutto un gioco di sguardi (da pesce), di allusioni... come l'intero film, che per lunghi tratti è praticamente muto. Fortunatamente la fotografia di Aldo De Robertis non è male e una discreta capacità del regista va riconosciuta, oltre a una confezione di qualità. Comunque un film “per educande”, rispetto a quanto si potrebbe immaginare leggendone le vicissitudini censorie...
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 17/02/08 14:32 - 3840 commenti

I gusti di Undying

Quattro episodi incentrati sul "lato estremo" dell'erotismo, ma diretti da un regista che ha buon gusto e stile e che rifugge, grazie al cielo, da facili volgarità. Il titolo sortisce dal segmento intitolato "Zooerastia", nel quale assistiamo alla vendetta crudele di un marito, che rinchiude in una stalla la moglie traditrice, non immaginando che anche lì sarebbe stato "cornificato". Distribuito in VHS nel ciclo Sex & Violence (Shendene e Moizzi), è titolo meritevole di essere rivalutato, per la composizione di uno script di pregevole fattura...

B. Legnani 19/02/08 22:15 - 4717 commenti

I gusti di B. Legnani

Palloso. Quasi insostenibile pellicola ad episodi, spesso dotata di grande (ma vuota) eleganza formale, ma appesantita da una lentezza da primato. Ovviamente è il secondo episodio con Lisbeth Hummel (reduce da La Bestia di Walerian Borowczyk, del quale questo film è non casuale quasi omonimo) a tenere b(r)anco, ma questo e il precedente sono popolati da manichini più che da attori. Si fa ricordare anche Brigitte Petronio. La bionda dell'ultimo episodio è Franca Gonella sotto pseudonimo.

Renato 8/03/09 21:26 - 1555 commenti

I gusti di Renato

Qualche momento che potrei definire "stracult" il film lo offre, ma prevale una certa noia; i presunti temi shockanti sono trattati in realtà quasi con pudore, e vedere Lisbeth Hummel aggirarsi ignuda per quella che mi è parsa un'eternità intorno ad un cavallo, non è che elevi il film ad una categoria superiore, anzi. Resta la ridicola scena della fustigazione (anche questa decisamente troppo lunga) e la presenza angelica della bella Brigitte Petronio.

Schramm 27/10/12 17:12 - 2414 commenti

I gusti di Schramm

Con Borowczyk in pectore, ma anche con incredibile verve para-viscontiana che detta legge a tutto un genere, Russo leviga la pietra grezza dell'eros con fare pallido e assorto, freddo e crudele, pudico e in levare, sferrando un uppercut nei cosiddetti a chi incorre nell'errore di approcciarlo cercando quello sleaze che imbratta coevi prodotti tematicamente affini. La zooerastia è questione di bergmaniani silenzi, il sesso è più declamato che mostrato, la psychopathia sexualis insinuata anziché squadernata, quasi a voler rendere rispettabile, se non nobile o ieratico, il sexploitation.

Homesick 29/12/15 18:17 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Quattro racconti erotici su altrettante anomalie sessuali diretti da Russo con cura formale - palese il riferimento alle opere di Borowcyk -, ma molto carenti dal punto di vista narrativo ed emotivo. Nel primo episodio "La schiava", da fonte letteraria, si riscontra qualche interessante spunto sul potere e l'avidità e la seria prova dei due protagonisti, mentre nel masochistico "La fustigazione" si rileva correttamente che il biblico Onan non praticava la masturbazione, bensì il coitus interruptus. Dimenticabile "Zooerastia"; "La promessa" valevole solo per il nudo completo di Franca Gonella.
MEMORABILE: «Battimi sul culo, ti supplico!!!».

Markus 30/12/19 11:41 - 3291 commenti

I gusti di Markus

Quattro novelle che esplicano i lati estremi della sessualità. "La schiava" (**): la servetta che per un giorno diventa padrona ha un qualcosa di sinistro, che però riesce a essere a tratti avvincente. "Zooerastia" (**!): c'è la passione e poi... la tortura di una morte lenta e dolorosa. La storia riesce ad appassionare. "La fustigazione" (*!): lo scolaretto con la passione per il masochismo. L'episodio parte bene ma poi si avvita nell'ovvietà. "La promessa" (*): "sacrificare" il lato B per preservare la verginità. Non molto avvincente.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.