L'uovo del serpente

Media utenti
Titolo originale: The serpent's egg / Das Schlangenei
Anno: 1977
Genere: drammatico (colore)
Note: Parlato parte in tedesco, parte in inglese.
Lo trovi su

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 4/07/07 DAL BENEMERITO RENATO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Renato 4/07/07 13:58 - 1648 commenti

I gusti di Renato

Un film indubbiamente minore nella filmografia di Bergman, girato in Germania nel periodo del suo esilio dalla Svezia. Racconta di un artista circense americano di origine ebrea (David Carradine) indagato per omicidio nella Berlino in crisi nel 1923... E' senz'altro un film complesso, che tenta di porre molte domande (forse troppe) sul perché il nazismo abbia trovato terreno fertile. A mio avviso non gli giova un intreccio contorto, ma resta comunque interessante almeno per i bergmaniani di ferro.

Cotola 7/12/09 22:03 - 8403 commenti

I gusti di Cotola

Potente e angosciante film di Bergman ambientato nella Germania post Grande Guerra e pre hitleriana in cui avvengono misteriosi delitti. L'assunto di base è evidente ed il meccanismo pseudo giallo è solo un pretesto attraverso il quale il maestro svedese si interroga più in generale sul male oltre che su quello specificamente nazista. Splendida la ricostruzione d'epoca così come le ambientazioni fotografate in maniera gelidamente funzionale. Col passare dei minuti diventa sempre più claustrofobico e teso fino a sfociare nel terribile finale.
MEMORABILE: Il perdono reciproco tra il prete e la Ullman. La scoperta finale.

Pigro 27/02/09 09:37 - 8871 commenti

I gusti di Pigro

Una catena di morti porta alla scoperta di esperimenti sugli esseri umani nella Germania dei primi anni 20, prima dell'avvento di Hitler di cui si inizia a sentir parlare. E' un apologo livido e terribile quello evocato da Bergman, che attraverso la follia di una scienza autoreferenziale denuncia i prodromi del terrore distruttivo della razza superiore. Agghiacciante e filosofico, disturbante e profondo. L'orrore del pensiero tecnico che non conosce l'etica né la pietà umana: il finale è da brivido e getta ombre lugubri fin sui nostri tempi.

Patrick78 24/03/09 12:19 - 357 commenti

I gusti di Patrick78

Strana opera bergmaniana che già dal cast anomalo si fa riconoscere come il lavoro più atipico nell'intera filmografia del grande regista svedese. Un viaggio allucinato nella Germania pre-nazismo in cui il trapezista ebreo Abel Rosenberg interpretato con carisma dal bravissimo Carradine si trova coinvolto suo malgrado in una spirale di violenza e depravazione. Eccellente Bergman nel creare un clima di oppressione che lentamente porterà il protagonista a conoscenza dei piani e degli esperimenti del fanatico dottor Vergerus (Bennent). Angosciante.
MEMORABILE: La scoperta da parte di Abel degli esperimenti.

Homesick 26/04/09 17:52 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Plumbeo e labirintico, restituisce con toni e contorni espressionisti il clima di angoscia e afflizione della Germania del 1923, devastata dalla crisi economica e prossima all’avvento degli orrori hitleriani. Oltre a questa eccellente fotografia, Bergman – più a suo agio nell’introdursi nei moti interiori del singolo individuo che nell’affrontare complicati discorsi politici come qui – si avvale di comprimari come Carradine, ebreo tesissimo e attonito, e Bennent, mellifluo prototipo di scienziato nazista. Irrisolto, ma dotato di un'innegabile attrattiva.

Lythops 15/04/11 10:50 - 984 commenti

I gusti di Lythops

Angosciante, profondamente espressionista, kafkiano, considerato erroneamente "opera minore" di Bergman che lo definì il film più forte che avesse mai fatto, possiede un'incisività storica ed emotiva ben difficilmente reperibile altrove. David Carradine e la Ullmann si muovono in un ambiente denso, trasudante ogni solitudine, propria o di altri, reale o causata dal micidiale gas introdotto nel loro appartamento. Da manuale sceneggiatura, fotografia, montaggio. Anche il senso di liberazione quando, finito il film, si guarda il sole.
MEMORABILE: Hitler e la sua banda hanno sottovalutato la forza della democrazia tedesca.

Enzus79 15/05/11 16:10 - 2345 commenti

I gusti di Enzus79

Il film più cupo ed angosciante che abbia visto firmato Ingmar Bergman; non per questo mi ha deluso, anzi. Ad un certo punto della storia ci si domanda dove si voglia andare a parare, ma poi c'è il finale spiazzante... Carradine e Ullmann buoni interpreti.

Il Gobbo 7/02/12 23:59 - 3013 commenti

I gusti di Il Gobbo

Bergman stravagante e cupissimo, quasi-horror (lo diceva lui stesso), che incrocia uno dei suoi temi portanti (la lontananza di Dio) con la storia, in una raggelata rappresentazione del nazismo allo stato nascente (e dell'antisemitismo eterno). Ineccepibile nella ricostruzione ambientale, ma non del tutto a fuoco e con qualche lungaggine. Carradine così così, grande Gert Froebe

Rebis 4/10/12 16:57 - 2193 commenti

I gusti di Rebis

Prodotto con ingenti capitali e la partecipazione di Dino De Laurentis, è uno dei rari film "storici" realizzati dal maestro svedese, nonché la sua opera più cruda e violenta: "l'uovo del serpente" infatti è la Repubblica di Weimar, luogo di incubazione del regime nazista. Quasi una versione horror de Il settimo sigillo in cui l'insensatezza kafkiana mira a ricostruire un clima specifico di livore e degrado umano, un medioevo dell'anima, ancora una distanza dolorosa e incolmabile da Dio. I colori, emulsionati da Sven Nykvist, colano dai volti e dalle pareti con isteria espressionista.
MEMORABILE: Il cavallo smembrato e divorato in strada; la decapitazione con l'ascensore; l'imbuto kafkiano; i filmati e le deliranti teorie di Vergérus.

Minitina80 29/07/18 23:20 - 2746 commenti

I gusti di Minitina80

Bergman racconta i primi vagiti antisemiti di una Germania irrequieta e pronta a deflagrare da coperte sotto le quali fremono pulsioni pericolose e torbide derive autoritarie. È l’anticamera dell’inferno che arriverà da lì a poco, descritto attraverso le vicissitudini di un immigrato ebreo immerso in una città morta, senza più nulla da offrire se non dolore e povertà. Purtroppo il film, a fronte di un innegabile nobiltà d’intenti, non riesce a essere sempre incisivo, disperdendosi in più di un’occasione e tardando ad alzare il tiro.

David Carradine HA RECITATO ANCHE IN...

Daniela 19/12/20 11:15 - 11655 commenti

I gusti di Daniela

Si apre con la scoperta di un suicidio ed è costellata da morti misteriose la vicenda di Abel, ebreo americano acrobata che, perso il lavoro, tira a campare nella Berlino fredda e fangosa dei primi anni Venti. Bergman, autore anche della sceneggiatura, dirige in uno stile cupo modellato sul cinema espressionista tedesco, mentre le scene teatrali rinviano a Cabaret di Fosse. Film imperfetto ma angoscioso come un incubo, culminante nella profezia del trionfo del nazismo affidata all'analisi spietata di uno scienziato che ne ha anticipato gli orrori con i suoi folli esperimenti. 

Magerehein 10/08/22 10:13 - 349 commenti

I gusti di Magerehein

Un tetro viaggio, fatto di interni decadenti ed esterni lugubri, nella Berlino del 1923 divorata da disoccupazione e carestia, con prodromi di un nuovo sinistro male. Il protagonista alcoolizzato e donnaiolo (reso abbastanza bene da Carradine) non suscita troppa simpatia, ma è un ottimo specchio della consunzione morale che lo circonda e di cui egli stesso è parte. Riuscita, sebbene sin troppo prolissa, la componente drammatica del film, ma ciò che lascia maggiormente il segno sono la parte finale (un sorprendente tuffo nel cinema horror) e l'assai impattante prologo. Funereo.
MEMORABILE: L'incipit; Il cavallo macellato per strada; La bellezza appassita della Ullmann; Vergerus mostra i propri esperimenti.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Buiomega71 • 20/05/19 17:46
    Pianificazione e progetti - 24144 interventi
    Non mi risulta che L' UOVO DEL SERPENTE sia un film per la televisione
  • Discussione Lucius • 20/05/19 19:43
    Scrivano - 8855 interventi
    Si avete ragione. Mi sono confuso, sono i suoi due film tedeschi, non per la tv.
  • Discussione Raremirko • 20/05/19 21:50
    Addetto riparazione hardware - 3825 interventi
    Il film, non tra i migliori dell'artista, tratta temi parecchio scomodi.
  • Discussione Lucius • 21/05/19 00:10
    Scrivano - 8855 interventi
    Tipo?
  • Discussione Raremirko • 21/05/19 22:53
    Addetto riparazione hardware - 3825 interventi
    Lucius ebbe a dire:
    Tipo?


    Tipo la sperimentazione ad opera dei nazisti su cavie umane.
  • Discussione Gestarsh99 • 21/05/19 22:57
    Vice capo scrivano - 20712 interventi
    Lucius ebbe a dire:
    Tipo?

    Lucius, l'hai già visto il film?
  • Discussione Rebis • 21/05/19 23:25
    Compilatore d’emergenza - 4335 interventi
    A me piace moltissimo, è tra i film più violenti di Bergman, con sconfinamenti nell'horror puro.
  • Discussione Lucius • 21/05/19 23:36
    Scrivano - 8855 interventi
    Non ancora.
  • Discussione Raremirko • 22/05/19 00:14
    Addetto riparazione hardware - 3825 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    A me piace moltissimo, è tra i film più violenti di Bergman, con sconfinamenti nell'horror puro.


    Per lui è un film insolito
  • Homevideo Digital • 20/05/22 16:02
    Portaborse - 3522 interventi
    Dvd Sinister disponibile dal 27/07/2022.