Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 10/04/07 DAL BENEMERITO IL GOBBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 10/04/07 13:21 - 3013 commenti

I gusti di Il Gobbo

Da un romanzo di Elmore Leonard (uscito in Italia nella benemerita collana western di Longanesi). Grande Burt Lancaster nei panni di Valdez, vice-sceriffo apparentemente non sveglissimo, costretto a uccidere un nero ingiustamente accusato di omicidio. Quando va a chiedere al possidente che l'ha spinto a farlo dei soldi per aiutare la vedova viene picchiato e torturato. Errore. Il titolo italico fa perdere il senso di minaccia del messaggio "Arriva Valdez" che scandirà nel film l'inesorabile vendetta. Coinvolgente, grandi locations, da vedere.

Rambo90 2/02/15 18:51 - 7111 commenti

I gusti di Rambo90

Western niente male, dove Lancaster interpreta un personaggio cocciuto in linea con il coevo Io sono la legge. La differenza sta nei modi: Valdez all'inizio cerca di risolvere i problemi con le parole e modi gentili, prima di capire di essere costretto a usare le armi. Un po' fiacco il ritmo nella prima parte, il film si riscatta nella seconda, dove tutti i personaggi vengono approfonditi meglio e c'è spazio per bei paesaggi e per la ruvida interpretazione del villain di turno.

Rigoletto 31/10/14 16:49 - 1727 commenti

I gusti di Rigoletto

Grande Lancaster, il suo sceriffo Valdez è l'antitesi del Maddox di Io sono la legge: il tutore delle legge tutto d'un pezzo lascia il posto a uno accomadante nei modi, pacifico, dialogante. Laddove trionfava la legge a ogni costo, ora la fanno da padrone l'etica e la morale. Ma guai a rompere le scatole a Valdez, che si ricorda di essere uno incapace di scendere a compromessi. Davvero un gran bel western, apparentemente crepuscolare ma che si riscopre forte e capace di fare presa. Nel cast da segnalare sia Jon Cypher che Barton Heyman.
MEMORABILE: La punizione della croce.

Saintgifts 13/08/15 15:16 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Valdez ha combattuto gli Apache con il settimo cavalleria quando ancora, come lui stesso ammette, capiva poco. Valdez è un uomo che ha capito, che sa ciò che è giusto e cosa non lo è. Non è un caparbio, è un uomo che cerca di portare a termine ciò che si è prefisso in nome di una giustizia di là da venire in quei territori e fra quegli uomini. Dopo un incipit che carica sempre più strettamente una molla di soprusi e definisce i caratteri dei protagonisti, inizia un'avvincente caccia all'uomo, all'uomo diverso che sovverte ordini precostituiti.
MEMORABILE: Il rispetto finale di El Segundo.

Nando 26/04/16 13:21 - 3641 commenti

I gusti di Nando

Western abbastanza convenzionale con il tema della vendetta protagonista assoluto. Un tranquillo vice sceriffo e il suo orgoglio e il senso di giustizia che lo conducono a difendere i più deboli. Lancaster è appropriatissimo nella parte, discretamente coadiuvato dal resto del cast. Belle location.

Puppigallo 9/01/18 18:59 - 4879 commenti

I gusti di Puppigallo

Non stuzzicare il messicano che dorme, soprattutto se è un ex esperto di caccia agli Apaches dotato di ottima mira. Il classico muro contro muro, che porterà a inevitabili, pessime conseguenze. Trattasi di discreto western, con un protagonista, che inizia sottomesso, ma poi si rivela essere una macchina inarrestabile, pur di raggiungere lo scopo. Non male anche il giovane senza dignità e il secondo del meschino possidente. Meno interessante il cattivo di turno. Il finale regge piuttosto bene, sottolineando ancora di più la differenza tra i due antagonisti.
MEMORABILE: Messo in croce, ma con possibilità di deambulare "Non cadere di schiena, o farai la fine di una tartaruga"; "Cercate qualcuno?"; Il tiro da lontano.

Rufus68 15/01/18 14:02 - 3560 commenti

I gusti di Rufus68

Me lo ricordavo decisamente meglio. Un western che mi ha lasciato freddo: un po' datato, anche se i meccanismi drammaturgici, pur usurati (il passato da rinnegare), funzionano ancora; certo, avrebbero avuto bisogno di qualche frizione di grasso (inventivo) per scorrere meglio. La trasformazione di Lancaster in killer convince poco, così come quella di tutti i protagonisti nel finale (dagli al cattivo!). Si rivede, tuttavia, sempre con piacere, adagiato com'è sullo schema del vendicatore a ogni costo, alla Michael Kohlhaas.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.