Idolo infranto

Media utenti
Titolo originale: The Fallen Idol
Anno: 1948
Genere: drammatico (bianco e nero)
Regia: Carol Reed
Note: Tratto dal racconto "The Basement Room" di Graham Greene, autore anche della sceneggiatura
Numero commenti presenti: 4

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/11/10 DAL BENEMERITO DANIELA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 18/11/10 13:32 - 9369 commenti

I gusti di Daniela

Figlio trascurato di un ambasciatore a Londra, il piccolo Felice si affeziona al maggiordomo, oppresso da una moglie bisbetica. La relazione di questi con una giovane donna complicherà le cose, con esiti drammatici. Film che riesce a filtrare la realtà attraverso la sensibilità infantile (tutti gli ambienti sembrano enormi, le motivazioni degli adulti appaiono incomprensibili). Accanto a Richardson, al solito eccellente, spicca Morgan con il suo sguardo luminoso e triste. Evitare la versione colorizzata che rovina la bella fotografia.
MEMORABILE: La ricostruzione della caduta dalle scale, in cui la verità (fuorviante) e la menzogna (utile) si confondono

Fritz 5/05/12 16:24 - 1 commenti

I gusti di Fritz

Un anno dopo Fuggiasco e uno prima de Il terzo uomo, il secondo dei 3 cult-movie di Carol Reed tratta i temi a lui consueti: crollo delle certezze, malleabilità della giustizia, perdita dell'innocenza. L'inusuale asprezza del regista inglese risulta all'avanguardia anche nella forma: fotografia creativa, montaggio frenetico (per l'epoca), narrazione sciolta (anche perché svincolata dall'invasivo Codice Hayes delle produzioni statunitensi).

Lucius 9/08/12 11:08 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Un marchingegno perfetto di suspence e regia di altri tempi, tecnicamente valido con oltre mille inquadrature e una sceneggiatura alla base intrigante. Scorrevole quanto basta per catapultare lo spettatore nel susseguirsi degli eventi, ma labirintico per la tecnica adottata dal regista. Nonostante sia caratterizzato dalla presenza di pochi attori, risulta corale per il lavoro di squadra del cast. In un palazzo signorile, una rigida governante più odiata che amata farà una brutta fine. Il rovescio della medaglia è la perdita dell'innocenza.

Cotola 31/12/14 01:25 - 7513 commenti

I gusti di Cotola

Notevolissimo film che delizia l'occhio dello spettatore con una tecnica sopraffina che si dispiega in centinaia di inquadrature (un migliaio per la precisione) di grande bellezza. Anche la storia è di alto livello col suo mescolare verità (nocive) e menzogne (benefiche), ma soprattutto la perdita della fiducia (da qui il titolo). Ci sono anche tantissimi piccoli particolari che sono raffinati che mi sembrano denotare una fierezza tutta britannica, così come lo è lo spirito antifrancese di cui la pellicola è permeata in più punti. Grande esempio di cinema.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Columbo • 13/05/11 17:01
    Magazziniere - 1102 interventi
    Di questo piccolo capolavoro di Reed ne esiste anche una versione colorizzata con il computer.
  • Curiosità Lucius • 9/08/12 11:11
    Scrivano - 8326 interventi
    Premio internazionale per il miglior soggetto e sceneggiatura a Graham Greene alla Nona Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia (1948)

    Candidato all'Oscar per la migliore sceneggiatura

    BAFTA 1948 come miglior film.

    Fonte: Ciak.