LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 22/03/13 DAL BENEMERITO BELFAGOR
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Deepred89 31/03/13 21:51 - 3253 commenti

I gusti di Deepred89

Tremendo, probabilmente il peggior Almodovar di tutti i tempi. Volgare, noiosissimo, quasi senza trama, carico di un umorismo stucchevole e fastidioso scandito tramite caratteri eccessivi e battute che non fanno ridere nemmeno per sbaglio. Cast ottimo e confezione sgargiante impediscono allo scriba di turno di scagliargli contro il monopallino, ma la visione è davvero umiliante e l'effetto che suscita non si discosta troppo da quello evocato da filmoni del calibro di La compagna di viaggio. A buon intenditor...

Mark70 29/03/13 23:17 - 118 commenti

I gusti di Mark70

Un gruppo di persone ognuna con un segreto da confessare, un ambiente chiuso e claustrofobico, l'imminenza del pericolo, il rischio di perdere la vita... quanti film abbiamo visto con questi ingredienti? Almodovar compie un'ennesima variazione sul tema, ma anche se il ritmo è buono e si ride per le battute (e per le pesanti allusioni a sesso e droga...) alla fine resta molto poco. Filmetto vedibile e nulla di più; il maestro spagnolo ci ha regalato opere di ben altro spessore.

Belfagor 22/03/13 11:38 - 2620 commenti

I gusti di Belfagor

Caos a bordo di un aereo spagnolo fra alcol, droghe, passeggeri diffidenti e steward improbabili. Pochade surreale girata in uno stile più leggero del solito, anche se la firma di Almodóvar si vede: colori accesi, femmes fatales, erotismo e sessualità trattati in modo diretto e catartico. Grazie al ritmo sostenuto (90 minuti sono più che sufficienti) e ai dialoghi nevrotici quanto i personaggi, il film diverte anche se ogni tanto cede alle soluzioni triviali. Si ride; basta non prenderlo mai sul serio e apprezzarne l'alto livello di camp.
MEMORABILE: I due piloti che discutono della loro sessualità mentre si preparano per l'atterraggio di emergenza.

Berta61 25/03/13 12:20 - 17 commenti

I gusti di Berta61

Almodovar danza sullo sprofondo, utilizzando il linguaggio dei suoi primi film, dissacrante e sboccato, per raccontare questi tempi terribili, per la Spagna e l'Europa. Si ride molto, ma è una risata che arriva dal baratro. Notevolissimi gli interpreti, bella la grafica, intelligente la sceneggiatura anche se il ritmo, a tratti forsennato, di battute e situazioni conosce qua e là qualche pausa. L'esibizione canora dei tre steward vale il prezzo del biglietto. Da vedere comunque.
MEMORABILE: L'atterraggio di emergenza in un aeroporto buio e deserto, accompagnato dal rumore osceno dello schianto a terra.

Rebis 28/03/13 12:35 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Ritorno alle origini? Niente affatto, perché la vitalità dissacrante saldamente ancorata agli anni della movida post-franchista lascia spazio alla placida irriverenza di un'epoca in cui la disinibizione è ormai norma. Abbandonati i torbidi del metacinema (un cartello in incipit assicura che i fatti NON sono realmente accaduti...) Almodovar si fa salottiero pur volando ad alta quota, rilassato e comunque iperbolico, gradevole benché ammantato da un senso di fatuità duro a estinguersi. Una parentesi piuttosto effimera, o semplicemente non memorabile, come un week-end di relax in famiglia (?).

Nancy 30/03/13 00:36 - 771 commenti

I gusti di Nancy

Almodovar a piede libero, verrebbe da dire una volta terminata la visione della pellicola. Infatti nella commedia risaltano ancora di più i suoi leitmotiv, con un tocco di eccesso che tuttavia, "lui si può permettere". Sì, perché se giri come gira Almodovar ti puoi permettere anche di far vedere una goccia di sperma... Insomma molto piacevole, anche se di tanto in tanto qualche storia annoia (quella fuori dall'aereo della ragazza suicida in primis!); ma la gestione del (piccolo) spazio è ottima e alcune scene bellissime.
MEMORABILE: Il balletto degli steward.

Galbo 11/10/13 05:56 - 11309 commenti

I gusti di Galbo

Almodòvar tenta un ritorno al genere di film che lo ha reso famoso, recuperando una cifra stilistica che non adoperava da tempo. Gli anni '80 sono però alle spalle e la trasgressione del passato è adesso un esercizio sterile professionale e poco spontaneo. Qualche momento godibile (il numero musicale su tutti) ma nel complesso un passo indietro nel percorso artistico del suo autore.

Paulaster 5/09/13 10:35 - 2673 commenti

I gusti di Paulaster

Almodóvar rappresenta la condizione allo sbando del suo Paese e lo fa a modo suo. O almeno con il suo spirito. Trama allegorica solo con qualche spunto dettato dal lato sporcaccione, anche un po’ noiosetta. Come una specie di divertissment per lui e i suoi amici attori: rinverdire i fasti del tempo (anni 80) che fu e mandare un messaggio ai giorni nostri che già che tutto è perduto, riscopriamo i vecchi sapori carnali. Resta solo qualche inquadratura, poi è una bolla di sapone.

Lucius 9/11/13 17:55 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Dopo le ultime prove in rialzo (qualitativamente parlando), una pellicola nostalgica che si rifà alle prime produzioni del regista spagnolo, condita purtroppo da un umorismo volgare e questo da Almodovar non ce lo si aspettava. Una marchetta (cinematograficamente parlando) gay, che potrà accontentare solo un certo irriducibile target di spettatori. Inoltre il film è privo della sequenza che chiunque segua la storia si aspetterebbe: l'atterraggio di emergenza. Camei di Banderas e Cruz, ma decisamente un passo indietro nella filmografia del regista.

Schramm 26/02/14 12:29 - 2412 commenti

I gusti di Schramm

Vuoto d'aria letale per un Almodovar che vola alto con un ala rotta e serissime noie al motore ispirativo, che cerca di ripercorrere l'infiammabilità esordica e si ritrova invece l'estintore di se stesso. Nell'improvvisarsi auto-copycat, del Pedro dada irrispettoso e surrealissimo che fu resta giusto un vuoto involucro, i graffi che tenta di ridarci son fatti da dita con unghie tagliate e ben curate, la regia è financo impersonale, e quel che è peggio non si ride né sorride mai. Il tedio viaggia in prima classe, mentre il film precipita irrecuperabilmente nel triangolo delle Bermude del nulla.

Nando 23/05/14 10:37 - 3453 commenti

I gusti di Nando

Commedia cinica e surreale che vede il regista spagnolo tornare agli inizi della sua carriera. La sessualità prima di tutto, manifestata apertamente e probabilmente troppo evidente per evitare di scadere nel ridicolo; alcune situazioni sono anche piacevoli, ma tutto il complesso assomiglia a un teatrino poco veritiero.

Delpiero89 27/09/14 12:08 - 263 commenti

I gusti di Delpiero89

Si tratta indubbiamente di una pellicola di minore ambizione all'interno della ricca filmografia del buon regista spagnolo. Tartassato da critica e pubblico, effettivamente è un film piuttosto volgare e povero. Tuttavia, se lo si guarda senza prenderlo mai troppo sul serio, è evidentemente meno peggio di quanto possa sembrare, con diversi momenti anche divertenti. Per passare un'ora e mezza di spensieratezza va anche bene ma è certamente un passo indietro (voluto?) per Almodovar.

Enzus79 18/11/14 13:23 - 1734 commenti

I gusti di Enzus79

Penso che questo sia il peggior film di Pedro Almodovar tra quelli che ho visto sino a oggi. Il regista spagnolo lascia il genere drammatico (in cui lo preferisco alla grande) e ritorna alla commedia: risultato mediocre. Anche se i momenti ilari (pochi) non mancano (il ballo degli steward effemminati) il film annoia. La volgarità eccede un po' troppo...

Saintgifts 10/04/15 00:21 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Se nei film d'autore la regia risulta piatta, la sceneggiatura è confusa e il soggetto sembra la versione "evoluta" de L'aereo più pazzo del mondo, dove almeno si rideva di gusto, cosa rimane? I camei della Cruz e di Banderas. Poca cosa. È evidente l'intento di creare una situazione ad hoc per mostrare i lati meno belli di una fauna variegata e scelta (quelli della prima classe, la classe economica è stata addormentata, evidentemente non hanno nulla da dire, soggetti buoni al massimo per una deflorazione), ma l'anima gay ha sommerso ogni cosa.

Ira72 27/11/16 14:20 - 906 commenti

I gusti di Ira72

Di passeggero mi auguro che ci sia solo questo film nella carriera di Almodóvar perché gli amanti, come me, dei suoi lavori precedenti, si sono chiesti a che diavolo di proiezione stessero assistendo. Mi dispiace moltissimo usare il termine patetico, ma non trovo altri aggettivi più mirati per riassumere il mio giudizio su questo film. Sconclusionato, banale, grossolano ed eccessivo sia nel voler far ridere (riuscendoci poco), sia nell'enfatizzazione dei personaggi gay, che finiscono per diventare delle ridicole macchiette. Salvo solo il cast.

Il ferrini 20/03/17 15:13 - 1646 commenti

I gusti di Il ferrini

Commedia senza grandi pretese ma tuttavia girata e interpretata ottimamente. Alcune scene sono memorabili (la caduta del telefonino dal ponte e il balletto sulle note di "I'm so excited"). Almodovar, come sempre, compie un'operazione iconoclasta a tutto tondo soffermandosi spesso - ma soprattutto volentieri - sulla sfera sessuale. Gli attori son tutte vecchie conoscenze; da Cámara (Parla con lei) a Cecilia Roth (Tutto su mia madre). Molte le "facce di De la Iglesia": Toledo, Arévalo, Areces... Divertente.

Didda23 10/04/18 16:39 - 2280 commenti

I gusti di Didda23

Imparagonabile rispetto ad altri lavori (recenti) dello spagnolo, soprattutto per la mancanza di un approfondimento emotivo della vicenda. Se presa per quella che è, ovvero una commedia leggera ad alto tasso di volgarità e gaia all'ennesima potenza, il divertimento è assicurato. La direzione dei tanti volti noti del cinema iberico è impeccabile e la regia di Pedro si muove discretamente negli spazi chiusi della location principale. La breve durata è un gran vantaggio perché alla base ci sono poco idee, anche se sviluppate a dovere.
MEMORABILE: La sessualità di pilota e co-pilota; La sensitiva vergine; Il cocktail a base di mescalina.

Pigro 21/05/19 15:24 - 7699 commenti

I gusti di Pigro

Non basta il simpatico balletto dei tre steward gay sull’aereo in emergenza né la scena del raptus erotico collettivo né qualche battuta ficcante a sollevare un film sostanzialmente noiosetto e inutile. Almodovar inzuppa Airport e L’aereo più pazzo del mondo nell’universo camp e grottesco dei suoi primi film, in un omaggio dichiarato all’epoca d’oro della trasgressione degli anni 80. Ma la sceneggiatura è stantia, l’orizzonte di riferimento tramontato e pure la regia è priva di fantasia. Si vola basso, è il caso di dirlo. Purtroppo.

Domino86 19/04/20 08:56 - 532 commenti

I gusti di Domino86

Siamo nel pieno del mondo di Pedro Almodóvar e tutti gli elementi che lo caratterizzano li ritroviamo qui presenti. Scene e dialoghi grotteschi portano spesso lo spettatore a chiedersi a cosa debbano portare o quale sia il senso dell'insieme. Ma questo è Almodóvar e questi i suoi film, nei quali si alternano eccesso, disperazione e tanti altri sentimenti.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Rebis • 4/04/13 12:42
    Comunicazione esterna - 4289 interventi
    Come darti torto Nancy? Il film è chiaramente un ritorno alla commedia anni '80 e trattandosi di Almodovar tutto è circostanziato con dovizia di particolari: le osservazioni che fai sulla portata allegorica del film sono condivisibili e argute :) ma purtroppo i tempi sono cambiati (come ho scritto nel commento) e aleggia un senso di fatuità. Non sono d'accordo invece con Deepred sulla volgarità: non mi è parso né più né meno oltraggioso della vecchie commedie almodovariane che non si peritavano di mettere alla berlina luoghi comuni su suore, disabili, tossicodipendenti, varie ed eventuali esternazioni dell'eros. L'ho visto in lingua originale però, e forse il doppiaggio - come spesso avviene - ha calcato un po' la mano: ricordo che quello de L'indiscreto fascino del peccato era una robaccia da Drive-in...
    Ultima modifica: 4/04/13 21:04 da Rebis
  • Discussione Deepred89 • 4/04/13 13:15
    Comunicazione esterna - 1427 interventi
    Rebis ebbe a dire: ...vecchie commedie almodovariane che non si peritavano di mettere alla berlina luoghi comuni su suore, disabili, tossicodipendenti, varie ed eventuali esternazioni dell'eros. E' proprio in questo che secondo me la volgarità del primo Almodovar acquisiva un senso, al contrario di quanto avviene nel suo ultimo film. Non parlavo tanto di quantità, quanto di qualità. Ne Gli amanti passeggeri mi è sembrato che tali battute o scenette comiche vagassero nel vuoto (non solo in senso letterale), a meno che non si voglia prendere la comicità da sotto-Vizietto (così l'ho percepita io) e considerarla un attacco sarcastico nei confronti di un'intera nazione. Il che comunque non me lo renderebbe più piacevole, e mi costringerebbe a rivalutare i numerosi casi di "nazioni in viaggio" che tanto vanno in Italia (Selvaggi in primis.)
  • Discussione Rebis • 4/04/13 14:17
    Comunicazione esterna - 4289 interventi
    A me è sembrata un'ironia affettuosa e frivola verso l'umanità; certo, molto gaya questo sì, ma non pungente e senza sottotesti critici o pretese sociologiche. Insomma, innocua e passatempo, direi :)
  • Homevideo Mco • 2/08/13 00:03
    Scrivano - 9623 interventi
    In DVD per Warner Home Video dal 27 Agosto 2013.
  • Discussione Schramm • 25/02/14 14:19
    Risorse umane - 6703 interventi
    assolutamente d'accordo con deep. davvero un almodovar fiacco, sgonfio, completamente svuotato di senso e di sé, financo impersonale, di cui resta solo l'involucro. probabilmente il suo film più inutile.
  • Discussione Brainiac • 25/02/14 14:51
    Addetto riparazione hardware - 1470 interventi
    Preferisco L'Almodóvar thrillereggiante di Los Abrazos e della Piel (due Capolavori imprescindibili) ma pure questa commedia non mi è dispiaciuta. Il pre-finale pur sghembo ed improbabile (il telefonino) è un momento di purissimo Almodóvar. Potrà risultare fiacco (anche se il ritmo non manca) ma sull "impersonale" ho i miei seri dubbi.
    Ultima modifica: 25/02/14 17:58 da Brainiac
  • Discussione Schramm • 25/02/14 15:02
    Risorse umane - 6703 interventi
    è un pedro che si guarda nostalgicamente indietro e ripercorre l'anticaglia di 30 anni prima senza più riuscire a cavalcarla, e perciò non sembra nemmeno lui. mi è parso totalmente disambientato proprio rispetto a se stesso e a quel che è stato il primevo cinema incendiario di un tempo. questa è proprio una cosina ina ina che pare fatta dal peggiore dei suoi epigoni. quanto a natura di quella che dovrebbe essere una commedia poi, non si ride e nemmeno sorride mai, l'aspetto melodrammatico è totalmente assente, e l'impressione è di chi vorrebbe graffiare ma si è appena tagliato le unghie. per me pollice verso e monopalla irremovibile.
  • Discussione Galbo • 25/02/14 16:46
    Gran Burattinaio - 3744 interventi
    Schramm ebbe a dire: è un pedro che si guarda nostalgicamente indietro e ripercorre l'anticaglia di 30 anni prima senza più riuscire a cavalcarla, e perciò non sembra nemmeno lui. mi è parso totalmente disambientato proprio rispetto a se stesso e a quel che è stato il primevo cinema incendiario di un tempo. questa è proprio una cosina ina ina che pare fatta dal peggiore dei suoi epigoni. quanto a natura di quella che dovrebbe essere una commedia poi, non si ride e nemmeno sorride mai, l'aspetto melodrammatico è totalmente assente, e l'impressione è di chi vorrebbe graffiare ma si è appena tagliato le unghie. per me pollice verso e monopalla irremovibile. condivido; stranamente dopo uno dei suoi film più belli e coraggiosi (La pelle che abito), il regista è stato verosimilmente preso da nostalgia per il suo periodo "pop" e ha fatto un film che più che brutto è inutile e nulla aggiunge alla sua filmografia. Speriamo sia stato un episodio isolato....
  • Discussione Brainiac • 25/02/14 18:08
    Addetto riparazione hardware - 1470 interventi
    Schramm ebbe a dire: è un pedro che si guarda nostalgicamente indietro e ripercorre l'anticaglia di 30 anni prima però il suo genere lui lo ha letteralmente inventato. Non siamo nella casistica di un'epigono che ricalca un Maestro, è un Maestro che abraccia il se stesso giovinastro (dopo aver dato prova -peraltro- di saper girare capolavori agli antipodi dei suoi stilemi classici) e da spettatore penso di poterglielo concedere. Ora, se devo augurarmi quale tipo di film vorrei vedere come prossimo, anch'io mi schiero per il cambio di rotta.
    Ultima modifica: 25/02/14 18:09 da Brainiac
  • Discussione Schramm • 25/02/14 18:54
    Risorse umane - 6703 interventi
    Brainiac ebbe a dire: Schramm ebbe a dire: è un pedro che si guarda nostalgicamente indietro e ripercorre l'anticaglia di 30 anni prima però il suo genere lui lo ha letteralmente inventato. Non siamo nella casistica di un'epigono che ricalca un Maestro, è un Maestro che abraccia il se stesso giovinastro che è anche peggio, soprattutto considerando che si manca del tutto.