German angst

Media utenti
Titolo originale: German Angst
Anno: 2015
Genere: horror (colore)
Note: Episodi: "Final Girl" (Buttgereit), "Make a Wish" (Kosakowski), "Alraune" (Marschall).
Numero commenti presenti: 7

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/09/15 DAL BENEMERITO SCHRAMM
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Schramm 13/09/15 18:23 - 2414 commenti

I gusti di Schramm

Chi ebbro d’hyperol attendeva la rentreé di bella gente come il latitante Buttgereit, può mettersela via. Malgrado la graffetta dell’identità storica fattasi eredità patologica, l’horror antologico non sembra godere di stabile salute neanche in Germania, sebbene la dignità sia salva: la spuria visceralità cui Jorg ci aveva viziati si commuta in buona maniera e beneducata sperimentazione mentre un afono e atonale Marshall fa la voce grossa per pochi minuti yuznian-lovecraftiani; chi porta a casa rosetta e companatico è Marshall, che va più a fondo e pesta più sodo dei due colleghi sommati. So-so.

Pinhead80 3/06/17 12:01 - 3951 commenti

I gusti di Pinhead80

Il terrore tedesco visto e rappresentato da tre registi che cercano di dimostrare come i fantasmi del passato distruggano il presente uccidendo il futuro. Non tutte le ciambelle riescono col buco, ma quella di Buttergereit è perfetta perché rispolvera le atmosfere di Schramm (i respiri affannati, la depersonalizzazione/derealizzazione) per impostare un incubo allucinante dove carnefice e vittima finiscono per confondersi tra frattaglie umane e brandelli d'anima.

Taxius 16/12/18 13:56 - 1643 commenti

I gusti di Taxius

Horror antologico tedesco diviso in tre episodi e girato da tre registi diversi che raccontano l'orrore e la violenza che c'è dietro al rapporto tra vittima e carnefice e come questi ruoli potrebbero capovolgersi. Come spesso capita per i film antologici anche questo è particolarmente altalenante, con episodi qualitativamente diversi l'uno dall'altro. Il migliore è sicuramente il secondo, con un finale particolarmente cattivo. Quello meno interessante è invece forse il terzo, non perché brutto ma perché più banale. Nel complesso non male.

Cotola 6/03/19 23:13 - 7529 commenti

I gusti di Cotola

Horror teutonico in tre episodi. Il primo (**), il più corto, è firmato da Buttgereit che ricalca i suoi stilemi ma rispetto al passato ripulisce lo stile: i risultati sono alquanto deludenti. Il secondo (*!) ha un'idea non malvagia ma uno svolgimento non all'altezza, così come anche la tecnica registica. Il terzo (***) è il più lungo ed il migliore del lotto sotto ogni punto di vista (anche quello tecnico): merito di una buona sceneggiatura che sa avvincere e creare una tensione che si mantiene costante fino all'epilogo che si rivela giustamente cattivo.

Bubobubo 15/04/19 14:44 - 1199 commenti

I gusti di Bubobubo

Vive di sprazzi intriganti, per quanto l'insieme non si possa dire completamente riuscito. La forza dei 25' buttgereitiani sta nelle ambientazioni, fetide e malsane: il resto del canovaccio è risaputo e condotto senza particolare dinamismo (**). Buono nello spunto e nello svolgimento l'episodio di Kosakowski, anche se gli inserti storici sono abbastanza confusi e, nel concreto, non essenziali (**!). Molto interessante il quasi-lungometraggio di Marschall, un incubo psicosessuale dai contorni folcloristici, intinto di disperazione (***!). Media.
MEMORABILE: "Alraune".

Hackett 30/03/20 12:14 - 1725 commenti

I gusti di Hackett

Horror a episodi interessante quanto imperfetto. I tre capitoli, invero molto slegati tra loro, sono altalenanti e di spessore molto differente anche se c'è del buono in quasi tutti. Primo episodio scarso, quasi senza trama, che cerca di puntare solo al gore della situazione. Secondo capitolo interessante, politicamente denso, ben recitato. Terzo episodio più completo anche se non molto appassionante.

Anthonyvm 12/08/20 15:30 - 1944 commenti

I gusti di Anthonyvm

Discreta collezione di corti (e medi) teutonici. Buttgereit dimostra di non aver perso smalto e firma un episodio che non avrebbe sfigurato in Der Todesking, sebbene concettualmente debba qualcosa a Hard candy. Kosakowski medita sulla violenza e sulla mostruosità della vendetta mescolando un po' di Craven e di Deodato all'ombra del nazismo (con ribaltamento di ruoli à la Vic Morrow in Ai confini della realtà - Il film); retorico e talvolta risibile. Meglio il body-horror erotico di Marshall, fra Society e Il pianeta del terrore, risaputo ma elegante e condito da ottimi FX prostetici.
MEMORABILE: La decapitazione ultrasplatter à la Nekromantik 2; Le torture sul polacco sordomuto; La Kostiv ingoia vetri rotti sgozzandosi; Il mostro stupratore.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.