LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/09/17 DAL BENEMERITO TAXIUS
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Taxius 1/09/17 02:07 - 1651 commenti

I gusti di Taxius

Chiara denuncia ambientalista contro l'inquinamento e contro le politiche americane riguardo al tema. Il protagonista è un pastore che, dopo un incontro con un attivista, intraprende un lento viaggio nella follia e nell'autodistruzione che lo porta alla voglia di vendetta verso coloro che avvelenano il mondo. Film pessimista e di forte violenza psicologica e dal finale davvero particolare. Oltre all'ottima interpretazione di Hawke colpisce molto il comparto sonoro.

Bubobubo 11/09/18 01:01 - 1231 commenti

I gusti di Bubobubo

Intensissimo, attualissimo, potentissimo. Sull'orlo (e anche un poco oltre) della catastrofe ecologica, l'umanità autosufficiente del secolo vigesimo primo si guarda allo specchio e vede riflesso il nulla. Nemmeno Dio può essere d'aiuto: i tratti del suo volto sono anzi deformati dall'ira. Non rimane che dare senso alla propria vita attraverso un nuovo martirio suicida, impedendo al contempo che altri sciagurati vengano al mondo per rinfacciare la loro miserevole esistenza ai colpevoli progenitori. Grande storia e splendido Ethan Hawke.
MEMORABILE: "Will God forgive us?"; Il teso dialogo a tre nel fast food; Il declino fisico del pastore; Il finale, agghiacciante.

Daniela 21/10/18 23:33 - 9625 commenti

I gusti di Daniela

Pastore la cui fede è stata messa a dura prova dalla morte del figlio comincia a porsi domande su come difendere la creazione di Dio dall'opera distruttrice degli uomini... Troppe le somiglianze fra padre Toller e il curato di Ambricourt per non pensare a Bresson, ma quello di Schrader non è un remake per quanto aggiornato ai tempi, piuttosto un approdo simile, legato a problematiche morali presenti nel suo cinema fin dalle origini, ma spesso appannate da esigenze commerciali o scelte infelici. Ottimo Hawke, film interessante, da vedere, anche se alcuni passaggi lasciano perplessi.
MEMORABILE: Nel finale, l'alternativa al giubbotto

Giùan 23/02/19 15:35 - 3044 commenti

I gusti di Giùan

Bentornato Paul! Dopo alcune prove non opache ma certamente fuori fuoco, Schrader torna a declinare con veemente consapevolezza le parole d'ordine del suo cinema: la colpa, la redenzione, l'ossessione (per la colpa e la redenzione). Con un "inaudito" atto di coraggio autoriale, lo sceneggiatore di Taxi driver si lancia dalle vette di Bergman e Bresson sapendo di potersi schiantare nel vuoto del ridicolo involontario e ammarando invece su uno specchio d'acqua cinematografico nuovo, attuale, personale. Dolente Hawke, di carnale fragilità la Seyfried. Gran volo.
MEMORABILE: Il colloquio alla tavola calda con l'odioso Balq; Toller respinge l'untuosa Esther; Hawke col cilicio in fil di ferro.

Rocchiola 25/02/19 14:29 - 878 commenti

I gusti di Rocchiola

Con una trama che richiama espressamente Luci d'inverno di Bergman e Diario di un curato di campagna di Bresson, Schrader firma una specie di versione intimista di Taxi driver, dal quale riprende i temi del senso di colpa e della violenza come unica via di redenzione. Ma l’esito è modesto, malgrado un finale inaspettato e spiazzante e la bella prova recitativa di Hawke. Il film vorrebbe affrontare i mali del mondo odierno sullo sfondo dell’America trumpiana, ma è debole sul piano narrativo e stilisticamente sciapo. Meglio il pulp-noir di Cane mangia cane.
MEMORABILE: Il dialogo con l’ambientalista Michael; La corona di filo spinato sul corpo di Toller; Il “volo” di Toller e Amy; Il bicchiere di gel idraulico.

Thedude94 7/03/20 20:04 - 610 commenti

I gusti di Thedude94

Quando si ha a disposizione pochissimo budget serve una sceneggiatura perfetta, che il magistrale Schrader ci regala ancora una volta assieme a una regia solida, caratterizzata da uno stile oggi poco in voga (l'utilizzo del formato 4:3). Il personaggio del reverendo, interpretato dal grande Hawke, ha una carica emotiva fortissima, oltre che la passività di uomo afflitto da una vita di sofferenze. Allegorie bibliche, apocalisse/fine del mondo e ambientalismo tossico sono i temi trattati in una storia veramente unica.

Myvincent 5/04/20 08:09 - 2602 commenti

I gusti di Myvincent

Confessioni di un parroco riformato che guida una sparuta comunità di fedeli e in più fa la guida turistica della sua antica chiesa. Niente di nuovo sotto questo cielo: tematiche ecologiste di sapore terroristico, lotte interiori di un uomo in preda ai sensi di colpa e in cerca di "autore". Ethan Hawke, uno dei belli della penultima generazione, non convince del tutto e si limita a mostrarsi pensieroso e basta. Ma tutta la sarabanda segue lo stesso trend.

Rambo90 6/04/20 16:12 - 6425 commenti

I gusti di Rambo90

Un bel film, soprattutto perché scritto bene. Interessante il personaggio del pastore e della sua progressiva discesa verso il baratro, interpretato molto bene da Hawke. Un po' più banale quello della Seyfried, ma funzionale alla storia. L'incedere è lento ma si lascia seguire perché dialoghi e motivazioni sono molto realistici e umani, comprensibili anche quando si fanno più oscuri. La regia è minimale, il minimo indispensabile per descrivere le azioni. Buono.

Capannelle 26/10/20 08:40 - 3741 commenti

I gusti di Capannelle

Film particolare, in cui Ethan Hawke si fa carico di una narrazione densa di significati ma volutamente portata avanti con programmatica lentezza e introspezione non sempre convincente. Personalmente questo va a scapito dei passaggi drammatici che propone e non prepara a dovere l'esito finale. Anche l'aggancio con la questione ambientalista, possibile metafora di come l'uomo possa rovinare anche la concezione spirituale del  mondo in cui vive, non pare nelle corde del personaggio principale.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Buiomega71 • 7/09/18 18:53
    Pianificazione e progetti - 22093 interventi
    Zendy, il film uscirà da noi con il titolo: First reformed: La creazione a rischio

    https://www.amazon.it/First-Reformed-Creazione-Rischio-DVD/dp/B07G33VV1H/ref=sr_1_97?s=dvd&ie=UTF8&qid=1536339139&sr=1-97&refinements=p_n_date%3A510382031%2Cp_n_feature_browse-bin%3A510335031%2Cp_n_theme_browse-bin%3A510355031
    Ultima modifica: 7/09/18 20:23 da Buiomega71
  • Discussione Bubobubo • 9/09/18 23:40
    Call center Davinotti - 223 interventi
    La creazione a rischio... Ma si può? Ma perché?
  • Homevideo Rocchiola • 25/02/19 14:36
    Call center Davinotti - 1152 interventi
    Da noi il film è stato pubblicato direttamente in home-video dall'Universal e solo in DVD, mentre nei principali paesi esteri è uscito anche in bluray. Inoltre il prodotto nostrano è gia fuori catalogo è sta velocemente sparendo dal mercato. Una nota iniziale ci precisa che il regista ha scelto di girare nell'antico formato 1.33 perchè più adatto ad esaltare le figure umane a discapito del paesaggio e che pertanto il film viene presentanto in 4:3 per volere dell’autore al fine di preservare l’originalità delle immagini come da lui concepite. Detto questo il video è di ottima qualità pulito e ben definito. In un film dominato dai dialoghi l'aspetto sonoro è molto importante e bisogna dire che l’audio italiano in dolby digital 5.1 è piuttosto vivace e decisamente chiaro, tanto da permettere di seguire senza problemi le lunghe disquisizioni di questo curato di campagna.
    Ultima modifica: 10/06/20 12:03 da Rocchiola
  • Homevideo Taxius • 28/02/19 13:54
    Archivista in seconda - 178 interventi
    Pazzesco, mai visto un dvd non in versione limitata andare fuori catalogo nel giro di 2 mesi. Per chi fosse interessato la traccia italiana si trova anche nel dvd spagnolo.