LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/06/08 DAL BENEMERITO PIGRO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Pigro 18/06/08 09:44 - 7702 commenti

I gusti di Pigro

Gli ultimi giorni a Napoli del “re Lazzarone” prima dell’arrivo dei francesi repubblicani, odiato dal popolo che parla per bocca del suo amato Pulcinella. La storia vera lascia il posto alla commedia con l’esasperazione caricaturale di tutti i personaggi, interpretati da un cast eccezionale di incredibile bravura. E diventa una metafora di tutte le forme di potere combattute dalla libertà dell’arte. Piacevole.

R.f.e. 21/06/09 10:53 - 817 commenti

I gusti di R.f.e.

Nel film avrebbe dovuto recitare Totò, ma motivi di salute lo portarano a rifiutare. Solitamente non molto amato dalla critica, il film di Franciolini è invece un gradevolissimo e divertente film in costume, che si regge su un superlativo gruppetto di attori affiatati e una bella (forse non perfetta, ma poco importa...) e "colorata" ricostruzione d'epoca degli ultimi giorni di regno di Ferdinando I°. Rosanna Schiaffino è deliziosa (sebbene doppiata) e c'è anche Jacqueline Sassard, due anni dopo il Guendalina di Alberto Lattuada.

Rambo90 23/02/10 14:43 - 6275 commenti

I gusti di Rambo90

Divertente ricostruzione (anche se non proprio esattissima) degli ultimi giorni del regno di Ferdinando di Borbone. Più che i dialoghi e le trovate, abbastanza banali, il film si regge sulla grande interpretazione dei suoi protagonisti, a cominciare da Peppino ed Eduardo che gareggiano in bravura. Da citare anche Rascel, Fabrizi e De Sica. Un film da vedere per apprezzare gli attori del nostro cinema di una volta.

Rickblaine 21/08/10 15:41 - 635 commenti

I gusti di Rickblaine

Film godibile in buona compagnia. Buona comicità con un cast eccezionale. Oltre ai fratelli De Filippo, si ritrovano Fabrizi, De Sica, Mastroianni, Rascel e quant'altri. La storia di napoli raccontata con il sorriso e lo sberleffo. Gli ultimi giorni del re borbonico in chiave storica leggermente distorta, ma comunque accettabile. Bellissimo il pulcinella di Eduardo.

Enzus79 30/01/11 10:35 - 1735 commenti

I gusti di Enzus79

Se non fosse per la durata sarebbe un buon film. Ci sono troppe scene lunghe o inutili. Comunque ogni attore è bravo, da Peppino De Filippo ad Aldo Fabrizi, che fa il contadino che viene dal paese. Comunque un film che diverte molto. Bella la canzone "Palummella".

Galbo 25/08/13 22:32 - 11313 commenti

I gusti di Galbo

Detto anche re Lazzarone, Ferdinando di Borbone trascorre l'ultimo periodo del suo regno incurante dei bisogni del suo popolo. Un ritratto sarcastico e verosimilmente poco realistico quello del sovrano borbonico proposto da questa commedia. Qui però la realtà conta poco; contano invece le atmosfere fatte di suoni e colori che il film ricostruisce bene, avvalendosi di un gruppo di ottimi attori. Peccato che il ritmo qualche volta latiti.

Rigoletto 7/08/15 18:01 - 1483 commenti

I gusti di Rigoletto

Commedia spigliata tutta incentrata sulla figura di Ferdinando di Borbone e condotta da Franciolini con un gusto leggero e frizzante, capace di far risaltare un tratto tipico partenopeo come quello della recita. Scorgendo il cast, poi, si dilatano le pupille degli della commedia napoletana. Manca solo Totò a completare il quadro delle icone viventi, ma tutti i personaggi sono costruiti in maniera logica e accurata (con particolare menzione per Pulcinella). Sfruttato poco - ma bene - Fabrizi.
MEMORABILE: La "composta" reazione di Pulcinella (Eduardo De Filippo) quando l'avvocato confessa di aver scambiato le suppliche.

Saintgifts 6/04/16 18:01 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Un soggetto di Pasquale Festa Campanile e Massimo Franciosa che raduna un cast di tutto rispetto, con Peppino De Filippo nei panni del re, Eduardo in quelli di Pulcinella (ripete l'insegnamento del pernacchio già fatto nell'Oro di Napoli) e Titina, la prima caduta nel "trappolone" del re travestito; per citare solo i De Filippo. Colorata e divertente, ogni personaggio è centrato da chi lo interpreta, ma è Peppino a far da mattatore questa volta, caratterizzando un re a cui interessa più la bellezza femminile che i problemi della città.

Pessoa 9/02/19 22:30 - 1091 commenti

I gusti di Pessoa

Rievocazione storica della caduta dell'ultimo re Borbone a Napoli e, visto lo straordinario cast, era quasi scontato che la si buttasse sul ridere. Il film vale soprattutto per la presenza di molti fra i più grandi attori comici del cinema italiano, che non si risparmiano e hanno la meglio su una sceneggiatura incerta fra il serio e il faceto. La storicità della vicenda zoppica un po' e il cast non napoletano (escluso Fabrizi) non è del tutto a proprio agio, ma vedere Peppino (grande mattatore) e Eduardo insieme dopo 15 anni non ha prezzo...
MEMORABILE: I magnifici duetti fra Peppino e Eduardo che, dopo tanti anni assieme, dal 1944 non si rivolgevano la parola.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Gugly • 21/06/09 10:24
    Segretario - 4679 interventi
    Questo film all'epoca riscosse molta curiosità, perchè riuniva Eduardo e Peppino de Filippo dopo la storica litigata del 1944 che aveva decretato lo scioglimento del loro sodalizio artistico.
  • Discussione Neapolis • 22/01/12 21:34
    Fotocopista - 2012 interventi
    Nesunno ha post da cercare di questo film?
  • Curiosità Mauro • 22/05/15 20:17
    Disoccupato - 9505 interventi
    In questo film recitò Corrado Sebastiani, padre del conduttore televisivo Amadeus, come quest'ultimo ha raccontato sul numero 22 (maggio 2015) della rivista "Grand Hotel"
  • Discussione Pessoa • 9/02/19 22:37
    Call center Davinotti - 151 interventi
    Riprendo la riflessione nei commenti di R.f.e. e Rigoletto secondo cui nel film mancherebbe Totò. Sono assolutamente dello stesso parere, anche se non saprei che ruolo avrebbe potuto svolgere. Aggiungo che al posto della Schiaffino (peraltro bravissima) avrei visto meglio Sophia Loren (il ruolo di Nannina sembra esserle stato scritto addosso).