Creep

Media utenti
Titolo originale: Creep
Anno: 2014
Genere: horror (colore)
Note: Aka "Peachfuzz".
Numero commenti presenti: 8

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/10/15 DAL BENEMERITO HERRKINSKI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Herrkinski 7/10/15 05:04 - 5145 commenti

I gusti di Herrkinski

Scritto dagli stessi due interpreti, l'esordio di Brice è stato annunciato come il primo di una trilogia. Trattasi di una variante sullo stile POV/found-footage stranamente riuscita, innanzitutto perché riesce a evitare il fastidioso effetto "traballante" tipico del genere (pur risultando un po' farlocco) ma soprattutto perché riesce a intrigare e a mantenere un clima di tensione piuttosto inquietante. Ottima in questo senso la prova di Duplass, enigmatico e viscido. Un lavoro bizzarro, a suo modo credibile e che ha il pregio di non annoiare.
MEMORABILE: La parte finale.

Kinodrop 13/01/17 18:15 - 1505 commenti

I gusti di Kinodrop

Josef assume un videomaker per documentare quelli che (a suo dire) sarebbero stati i suoi ultimi giorni di vita, ma nel cottage accade qualcosa di inatteso e di inquietante. Un falso documentario condotto (in maniera ormai abusata della mdp a spalla), che punta sull'effetto verità della messa in scena amatoriale, tra momenti di apparente fratellanza e altri di crudele manipolazione. E' quasi esclusivamente concentrato sul personaggio ambiguo interpretato da Duplass e quindi vive solo di gag e cliché del genere horror. Finale ultra prevedibile.

Daniela 31/12/17 11:38 - 9411 commenti

I gusti di Daniela

Film-maker accetta un lavoro da uno sconosciuto: poche ore di ripresa per confezionare un video da mostrare al figlio, che lui non potrà veder nascere essendo malato terminale. L'ingenuo ci crede, ma lo spettatore capisce dai primi minuti che il tizio non la sta raccontando giusta. Merito di Duplass, straordinario nel comunicare disagio e pericolo dietro un aspetto pacioso, vero asso nella manica di questo horror found-foutage girato con due attori e tre lire, qui ben spese: riesce a tenere col fiato sospeso nonostante che per quasi tutta la durata non succeda nulla.

Cotola 24/04/18 23:54 - 7530 commenti

I gusti di Cotola

Lo spettatore più esperto, e forse anche quello che lo è meno, mangerà la foglia già dall'inizio. Eppure questo piccolo thriller riesce comunque a coinvolgere ed a creare una buona tensione che si mantiene costante per tutta la sua durata. La prova di Duplass è da applausi; il risultato è discreto. Fatto con due lire e tenuto su da poche, ma chiare, ideuzze che funzionano abbastanza bene. Finale, non così a sorpresa, che lascia spazio ad un sequel poi girato dallo stesso attore-regista.

Anthonyvm 26/04/18 21:11 - 1947 commenti

I gusti di Anthonyvm

Esempio perfetto di horror minimalista: due attori, macchina a mano (in stile found-footage), pochissimi mezzi a disposizione, idea semplice di fondo. L'inizio non è dei più promettenti, con una serie di jump-scare forzati e abbastanza risibili in cui il "creep" del titolo sbuca all'improvviso facendo "Buh!", ma più si va avanti più il film si macchia di un inspiegabile clima di angoscia, il senso di minaccia diventa più denso scena dopo scena. La seconda parte è meno incisiva, ma resta uno dei migliori thriller indipendenti degli ultimi anni.
MEMORABILE: Il momento in cui il protagonista (così come il pubblico) realizza il segreto del curioso personaggio con cui ha a che fare.

Pesten 25/01/20 09:38 - 638 commenti

I gusti di Pesten

Prendi il pov/found footage, una storia abbastanza semplice o quantomeno prevedibile, giri tutto con un budget irrisorio: risultato? Risultato spanne sopra a tanti altri film simili pubblicizzati in maniera quasi soffocante ma dalla qualità infima. Il livello di ansia e tensione è costante per tutta la visione, nonostante lo spettatore possa capire in anticipo cosa lo aspetta. Merito soprattutto di Duplass, veramente bravo con la sua interpretazione a mantenere vivo l'interesse. Fa piacere constatare come ci siano ancora lavori di questo tipo.

Pinhead80 26/03/20 17:18 - 3953 commenti

I gusti di Pinhead80

La dimostrazione che si può fare del buon horror con pochissimi soldi e una macchina da presa in mano è in questi deliranti ottanta minuti. Un uomo a cui è stata diagnosticata una malattia allo stadio terminale decide di ingaggiare un ragazzo che giri un video della sua giornata. Ambientazioni interne in cui è possibile riconoscersi ed esterne molto suggestive (la cascatella con la roccia a forma di cuore) sono il contorno di un'opera semplice quanto efficace. Il film si conclude lasciandoti addosso una sensazione di malessere.

Gabigol 2/08/20 14:48 - 417 commenti

I gusti di Gabigol

Normalissimo ragazzo accetta di girare un mini-documentario domestico per un malato terminale, poco prima che muoia. Fin dall'inizio vige un silenzioso affastellarsi di dettagli "storti" e comportamenti non facilmente inquadrabilii. Il found-footage, sottogenere del mockumentary, amplifica il senso di minaccia perché la situazione descritta, oltre a essere potenzialmente credibile, viene filtrata con una prospettiva dicotomica di straniamento e commiserazione che rende vulnerabili. Qualche forzatura di regia, compreso un finale improbabile, rientra nel pacchetto. Duplass bravissimo.
MEMORABILE: La roccia a forma di cuore; il racconto della "brutta cosa".
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.