Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 14/04/09 DAL BENEMERITO RENATO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Renato 21/10/09 12:13 - 1648 commenti

I gusti di Renato

Recuperato, alla fine, in dvd. E' la storia di un giornalista italiano che arriva in Argentina nel 1978 per seguire la Nazionale ai mondiali di calcio e si innamora di una donna. Seguiranno problemi dovuti all'invadenza del regime militare... Nonostante si percepisca a tratti la ristrettezza del budget (nel pre-finale, soprattutto) è un discreto film, con un cast valorizzato a dovere. Molti i dialoghi in spagnolo, che il dvd sottotitola opportunamente.

Cif 4/12/09 10:35 - 272 commenti

I gusti di Cif

Un film semplice e senza eccessivi fronzoli, che mette al centro una storia cruda di desaparecidos dell'Argentina sullo sfondo dei mondiali di calcio del '78. Alessio Boni risulta efficace, anche se in un paio di scene un tantino sopra le righe. Buon cast italo-argentino. Un ruolo piccolo ma come sempre ben recitato quello affidato a Battiston, nelle (larghe) vesti dell'italiano che sembra medio, ma in fondo poi non lo è tanto.

Capannelle 22/02/10 09:06 - 4102 commenti

I gusti di Capannelle

Come il personaggio del Battiston, che esclama "fascista di merda" all'indirizzo del funzionario governativo ma poi si gode spensierato il mondiale di calcio, molti altri giornalisti non vollero vedere quello che molti sapevano. Questa la denuncia di un film interessante che disegna bene i personaggi anche se - all'inizio e nel finale - scapicolla un po' nel melodrammatico. Non mancano le scene dure su un dramma, quello dei desaparecidos, che è doveroso far conoscere anche ai più giovani.

Piero68 21/06/10 12:29 - 2889 commenti

I gusti di Piero68

La sceneggiatura non spinge mai realmente l'acceleratore e questo non aiuta lo spirito del film. Desaparecidos sì, ma con moderazione. Tanto che alla fine sembra più una storia d'amore impossibile che un film di denuncia. Il Mondiale poi è solo un pretesto per qualche scena di caciara per strada. La verità continua a rimanere tabù per una nazione (la nostra) che non mosse un dito nonostante tra gli scomparsi ci fossero centinaia di italiani. Nessuna menzione storica al coraggio degli olandesi che andarono in piazza con le madri di Plaza de Mayo.

Markus 30/09/11 17:13 - 3538 commenti

I gusti di Markus

Un film evidentemente destinato a coloro i quali hanno un'idea astratta della dittatura militare argentina degli anni Settanta, che abbozza qualche stilema per giustificare una vicenda in fin dei conti non così pregna di significati (se non relativi a quello che si vede); insomma, la solita moraletta. Il mondiale di calcio del settantotto (quella definito "della vergogna" e a due anni dall'inizio del regime) fa da furbo richiamo. La seconda parte d’ambientazione carceraria è poco incisiva.

Galbo 1/10/11 05:52 - 11930 commenti

I gusti di Galbo

Buon film che è sia thriller che efficace denuncia politica nei confronti dei drammatici fatti argentini e dello scandaloso silenzio internazionale che li circondò mentre quasi tutto il mondo si beava davanti ai mondiali di calcio. Il regista Incerti dirige un film rigoroso in cui la storia sentimentale è ben intrecciata con il dramma politico e sociale. Convincente la prova del cast, con un ruolo breve ma incisivo per Giuseppe Battiston.

Stefano Incerti HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Alesh • 3/06/10 20:56
    Galoppino - 66 interventi
    Comprato a 1 euro da Blockbuster a Via Conca d'Oro a Roma :-)
  • Discussione Raremirko • 13/02/22 20:19
    Addetto riparazione hardware - 3825 interventi
    Boni, che ho sempre stimato, sempre encomiabile, bene Battiston e tutto il cast di contorno, riguardo ad un lungometraggio che, abbastanza bene, riesce a stare in biblico tra thriller ed ambizioso film impegnato e d'autore.

    Fatti veri, sequenze forti che non sfigurerebbero in un Faccia di spia di Ferrara, ricostruzione storica nella media in un'opera discreta e che, tutto sommato, credevo più datata.

    Incerti ha ad ogni modo fatto di meglio.