Cerimonia per un delitto

Media utenti
Titolo originale: Eye of the Devil
Anno: 1966
Genere: thriller (bianco e nero)
Note: Soggetto dal romanzo "Day of the Arrow" dello scrittore inglese Robin Estridge, pubblicato nel 1964.
Numero commenti presenti: 4

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 29/02/16 DAL BENEMERITO SARALEX
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Saralex 29/02/16 18:21 - 73 commenti

I gusti di Saralex

Tratto dal romanzo "Day of the Arrow" di Philip Loraine, questo thriller si rivela interessantissimo. Una magnifica fotografia e una buona suspence. Cast di primissimo ordine: Niven e Kerr sublimi, Sharon Tate incantevole e due freddissimi quanto straordinari Hemmings e Pleasence. Bravo anche il piccolo Robert Duncan. La regia è perfetta e la musica "marciata" nel finale riempie e completa l'opera. Su grande schermo dev'essere stato magnifico.
MEMORABILE: Gli occhi freddi e impassibili di Niven, Hemmings e Pleasence.

Rufus68 3/05/20 18:56 - 2998 commenti

I gusti di Rufus68

Un film di orrore puro, privo di "mostri" ed entità maligne visibili. Il disagio scaturisce dall'atmosfera di destino che incombe sin dai primi momenti sui protagonisti (la colomba colpita da una freccia) e dal dovere imposto da una tradizione stringente seppur avvertita come vana. Raffinata l'ambientazione così come il gioco di chiaroscuri, da vero gotico, sebbene qui a prevalere sia la vena folclorica-rituale. Grande cast con un bravo Niven, ma a sorprendere sono l'ubiquo Pleasance e la giovane e straordinaria coppia dannata Hemmings-Tate.

Daniela 30/05/20 02:50 - 9069 commenti

I gusti di Daniela

Da 700 anni i marchesi proprietari di un castello della Dordogna si impegnano a garantire il buon raccolto nei vigneti circostanti. La moglie di uno di loro scoprirà cosa comporta questo pesante onere... Thriller di bella ambientazione che sa mantenere una tensione crescente ed un'atmosfera sul filo del soprannaturale in cui molto è lasciato all'immaginazione. Bella la prova di Kerr che ricorda quella da lei offerta nel capolavoro Suspense, inquietante il prete Pleasence, fascinosa la coppia Tate-Hemmings, efficaci molte sequenze: uno dei migliori film di un regista esperto ma discontinuo.
MEMORABILE: I paesani immobili sparsi nei vigneti; Hemmings arciere nero-vestito; I 12 incappucciati; Le frustate; La cavalcata in marcia nell'epilogo

Nicola81 6/06/20 15:37 - 1901 commenti

I gusti di Nicola81

Prima di adagiarsi nella routine, Thompson è stato un regista versatile e poliderico. Un'ulteriore conferma è data da questo teso, raffinato e coinvolgente thriller, immerso in suggestive ambientazioni gotiche nelle quali il tempo sembra essersi fermato e su cui grava un'antica maledizione. Kerr brava ma un po' lagnosa, Niven assai distante dai ruoli brillanti a lui più congegnali, ma le maggiori inquietudini provengono da Pleasence in abito talare, da Hemmings arciere nero-vestito e da una splendida Sharon Tate. Per una volta, il titolo italiano è più calzante rispetto all'originale.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.