American animals

Media utenti
Titolo originale: American animals
Anno: 2018
Genere: drammatico (colore)
Note: Presentato alla XIII edizione della Festa del Cinema di Roma, 2018.
Lo trovi su

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/10/18 DAL BENEMERITO KINODROP
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Kinodrop 28/10/18 19:12 - 2273 commenti

I gusti di Kinodrop

Ancora una volta un fatto realmente accaduto: una rapina del 2003 nel Kentucky per mano di quattro universitari che per autoaffermarsi e uscire dalla routine rubano rarissimi testi dalla biblioteca pubblica. Una storia troppo yankee per essere condivisa ovunque, appesantita dal vezzo televisivo di coinvolgere i reali protagonisti del colpo con interviste che, o anticipano e guastano il seguito, o riassumono e sono ridondanti. Notevole il ritmo specie nei punti chiave della preparazione del furto e della conclusione. Ha un che di retorico, ma da vedere.
MEMORABILE: L'inizio; L'irruzione dell'FBI; I titoli di coda con le illustrazioni del libro illustrato di John James Audubon.

Capannelle 3/11/19 00:54 - 4052 commenti

I gusti di Capannelle

Storia barocca e difficile da credere ma... vera. Layton ci imbastisce un primo tempo poco riuscito, da quanto è verboso e ripetitivo. Grazie agli attori la presentazione dei caratteri coinvolge, ma si potevano trovare varianti di sceneggiatura che la rendessero meno pesante. Al momento di entrare in azione il film decolla, anche se gli attori vanno ogni tanto sopra le righe e i confronti con i reali protagonisti sembrano aver esaurito le cartucce.

Xamini 13/07/19 19:26 - 1123 commenti

I gusti di Xamini

In questo caso la dicitura "tratto da una storia vera" assume un connotato del tutto singolare: i reali protagonisti si giustappongono alle loro controparti nel bel mezzo della materia filmica. Come se non bastasse Layton espone la storia giocando sui ricordi e, alla maniera di Valerio Mieli, ne risulta un mosaico i cui frammenti spesso sfumano l'uno nell'altro, i volti si alternano in un gioco continuo che non si dimentica il fattore tensione. Niente male, nel complesso.

Galbo 7/11/19 06:29 - 11876 commenti

I gusti di Galbo

Tragicommedia americana su un furto d'arte realmente avvenuto. Il regista mescola realtà e finzione, adoperando l'espediente dei veri autori del furto che intervengono attivamente per spiegare le dinamiche della vicenda, suscitando un effetto documentaristico che dona all'opera un maggiore interesse. Il resto lo fanno la grande bravura degli attori e un regista dal grande talento visivo di cui sentiremo ancora parlare. Ottima la colonna sonora. Da vedere.

Daniela 2/11/19 10:15 - 11528 commenti

I gusti di Daniela

La didascalia iniziale avverte: "Questa non è una storia vera". Poi il "non" scompare e ci troviamo di fronte alla ricostruzione di un furto d'arte avvenuto nel 2003 durante la quale i quattro ex studenti protagonisti della vicenda commentano ed sporadicamente interagiscono con gli attori chiamati ad interpretarli, in un mix coinvolgente di realtà e finzione che riesce a trasmettere la vera natura dell'impresa: imprimere una svolta ad esistenze percepite come insignificanti. Intriso di amarezza anche se a tratti molto divertente, un film che conferma il grande talento del regista.
MEMORABILE: Il confronto tra il colpo come immaginato dai ragazzi e quel che avvenne nella realtà

Thedude94 14/12/20 00:16 - 851 commenti

I gusti di Thedude94

Gradita sorpresa cinematografica diretta dall'inglese Layton, che ci presenta questa storia vera raccontata dai reali protagonisti della vicenda e mescolata alla finzione, nella quale quattro giovani protagonisti fanno la loro ottima figura nei panni di universitari improvvisati rapinatori. Il racconto stile documentaristico non incide negativamente sul film, anzi rafforza ancora di più la tensione e fornisce il giusto realismo del quale l'opera è impregnata, Ottime le musiche scelte, così come la cangiante fotografia. Da non perdere.

Pigro 15/02/21 09:27 - 8796 commenti

I gusti di Pigro

Classico film sulla grande rapina (nella fattispecie un furto vero di libri d’arte) fatta da volonterosi dilettanti maldestri, qui quattro ventenni annoiati. Vivace e spigliato, ben costruito, perfino sfizioso nel meccanismo del coinvolgimento dei veri protagonisti del fattaccio (alla Tonya). Piacevole nella narrazione, interessante nel ritratto della provincia americana, e a tratti avvincente in alcuni passaggi, il film vola con lo scarto finale nel dopo-rapina, raccontando il rimorso e il senso di vuoto dei protagonisti.

Myvincent 19/02/22 07:56 - 3219 commenti

I gusti di Myvincent

Non un film che si ispira alla realtà, bensì un film che la racconta, anche attraverso il confronto fra gli interpreti e i veri protagonisti della vicenda: una bravata fra studenti universitari che voleva far loro toccare il cielo con un dito e guadagnare un sacco di dollari. Il film gode di un cast di attori davvero in gamba che "scivolano" con naturalezza su dialoghi fatti su misura per rappresentare le loro varie tipologie psicologiche. Eccessivamente rigorosa la punizione che gli verrà assegnata. Ma questa è la storia.

Enzus79 29/04/22 21:42 - 2302 commenti

I gusti di Enzus79

Tratto da una storia vera, quella della rapina avvenuta all'università di Lexington nel 2004. Merita un plauso soprattutto per come è stata confezionata la storia: le interviste ai veri protagonisti della vicenda sono davvero una trovata originale. Scorrevole e con una discreta dose di ironia, il film potrà in futuro essere ritenuto tranquillamente un cult del genere. Regia efficace. Più che buona la colonna sonora.

Schramm 21/05/22 15:07 - 2920 commenti

I gusti di Schramm

La Transylvania University cova in seno e in collo i suoi vampiri estetici. Heistory Channel lo rendiconta attraverso gli stessi Fantomas in erba, la cui anamnesi viene romanzata in un ocean's zero del tentativo più arruffone e singolare di furto da Payne a noi, escogitato più per colmare un vuoto esistenziale che per l'economico complemento oggetto, consegnando alla storia del cinema i fuorilegge più antieroici e troppo umani di sempre. Planimetria della rappresentazione alla mano, Layton attua uno scaltro colpo alle emozioni dello spettatore, che si lascia svaligiare voluttuoso.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Rocchiola • 12/09/19 11:49
    Call center Davinotti - 1224 interventi
    DVD o BD edito da Cecchi Gori disponibile dal 22.10.2019.