[7.5] Colombo: I cospiratori

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: The conspirators
Anno: 1978
Genere: giallo (colore)
Regia: Leo Penn
Note: E' un episodio della serie tv "Colombo".
Papiro: elettronico
Lo trovi su
Colombo SPECIALE COLOMBO

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Le prime sette, storiche stagioni di Colombo si concludono così, con un grande episodio di un’ora e mezza che mescola temi importanti come la ribellione degli irlandesi (pur se vissuta indirettamente) all’indagine sulla morte di un oscuro mercante d’armi (Albert Paulsen). Il colpevole è un poeta di Belfast (Clive Revill) che, insieme a una società di grosso calibro, fornisce armi ai ribelli ed è in trattativa con la vittima per un nuovo carico di mitragliatori. Si macchierà di un omicidio stupido, forse evitabile, che porterà il tenente Colombo sulle sue tracce. Il rapporto tra i due diventa amichevole fin da subito e prevede una serie di confidenze e bevute in compagnia assolutamente inedite. L’uomo è un trascinatore, ha sempre...Leggi tutto la battuta pronta e trova in Colombo chi lo sa assecondare con simpatia dando il via a duetti eccellenti. La sceneggiatura (firmata come il soggetto da Howard Berk) sa svariare con abilità dalle indagini sull’omicidio alla trattativa per il carico d’armi e non prevede parentesi “private” soprattutto perché Revill è quasi sempre in scena (guadagnadosela senza problemi). Leo Penn – uno dei più assidui registi della serie – dirige con la consueta perizia e il doppiaggio italiano – ottimo – consente di gustarci al meglio la puntata (Revill è doppiato da Oreste Lionello). Insomma, pur con qualche leggero cedimento nel ritmo, THE CONSPIRATORS va sicuramente annoverata tra le migliori puntate di sempre, anche in virtù di un finale “doppio” che prevede un ultimo geniale colpo di scena. Eccellente.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 24/03/07 18:30 - 4904 commenti

I gusti di Puppigallo

Bravissimo l’attore che impersona l’Irlandese: poeta, compagnone, ma all’occorrenza anche freddo assassino e contrabbandiere. Colombo si presenta giocando a flipper e mandandolo in tilt: “Colpa mia. Io spingo e stuzzico sempre”. Il tenente è in stato di grazia e l’episodio raggiunge vette siderali. E’ una delle migliori coppie (Colombo-assassino) di sempre. Da segnalare: il libro di arte erotica, la ricostruzione con bottiglia, freccette, poesie al pub. Ritmo impeccabile e gran finale!

Ciavazzaro 12/03/08 14:47 - 4774 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Degna chiusura della serie "classica" di Colombo, con un bravo Clive Revill nel ruolo dell'omicida, che con alcuni complici vende armi ai ribelli irlandesi. I duetti Colombo-assassino funzionano benissimo e anche la storia gialla procede a vele spiegate. Se solo la serie non fosse ricominciata così tanti anni dopo, chissà che altre perle ci avrebbe regalato. Ottima la fotografia.

Daniela 9/12/08 13:39 - 11622 commenti

I gusti di Daniela

Fantastico episodio, con un antagonista particolarmente brillante - ottimamente interpretato - che riesce a conquistare le simpatie dello spettatore. È uno dei pochi casi in cui l'omicida non uccide per interesse personale ma per motivi ideali. Certo, si tratta di un sostenitore della lotta armata e del terrorismo, ma risulta moralmente superiore rispetto alla sua vittima, uno squallido doppiogiochista. Compito doppio per il tenente Colombo: incastrare l'omicida e nello stesso tempo impedire che il carico d'armi lasci il paese.
MEMORABILE: Le scene davanti alla bottiglia.

Ale nkf 22/03/10 14:34 - 803 commenti

I gusti di Ale nkf

Con questa ottima puntata termina la settima stagione di Colombo. Revill interpreta un furbo ubriacone irlandese che nonostante commetta fin da subito parecchi errori, darà del filo da torcere a Colombo. La storia è ben ideata e i duetti Colombo-assassino funzionano benissimo. Notevole.

Markus 13/02/12 09:32 - 3521 commenti

I gusti di Markus

Con questa bella puntata termina la settima e ultima stagione di Colombo degli Anni '70 (Falk, nei panni del nostro amato tenente, lo rivedremo solo dieci anni dopo). Questa volta la vicenda ruota attorno all'allora spinoso argomento della ribellione secessionista dell'Irlanda; il personaggio-chiave (l'assassino) è l'emblema di quel popolo: folti capelli rossi, viso bianco e lentigginoso e grande bevitore di birra e whisky (irlandese ovviamente)! Il bravo Clive Revill è un ottimo antagonista che saprà dare del filo da torcere a Colombo.

Erreesse 21/08/12 19:23 - 63 commenti

I gusti di Erreesse

Il delitto avviene nell'ambiente dei cospiratori irlandesi; i moventi non sono avidità, gelosia o simili, ma piuttosto questioni "ideali". L'egocentrico poeta-cantautore mi ha suscitato una qualche simpatia, tenendo conto anche di chi era la sua vittima. Punti di forza dell'episodio sono il ritmo e l'ottima recitazione di protagonista ed antagonista, con le voci dei compianti Albertini e Lionello davvero in stato di grazia; e anche il timida tentativo di uscir dal solito mondo "colombiano". Debole la prova materiale della colpevolezza.

Vesco 9/02/15 20:19 - 42 commenti

I gusti di Vesco

Uno degli episodi più piacevoli grazie soprattutto alla grande interpretazione di Revil, creatore di spettacolo nello spettacolo, in un ruolo ambiguo tra genio, sregolatezza e doppiogiochismo. La vicenda è avvincente, ben diretta e il finale dà soddisfazione con la doppia vittoria del tenente. Ma l'indagine poliziesca è deludente, una delle peggiori dell'intera serie: mancano agenti di polizia di contorno, indizi, perizie sulle impronte digitali; il tutto si concentra su ottimi duetti tra l'assassino e Colombo, inediti ma limitativi.

Gordon 23/04/15 19:13 - 237 commenti

I gusti di Gordon

Un episodio memorabile. Clive Revill si dimostra un assassino perfetto: egocentrico ma non cattivo (ottimo il doppiatore). Il piano delittuoso e l'alibi non sono molto ricercati ma il movente per questione ideale regge. L'indagine è abbastanza interessante e la questione del traffico d'armi è sapientemente gestita dall'ottima regia di Leo Penn. I duetti Colombo-assassino sono da antonomasia e il nostro tenente è decisamente in palla; in più la soluzione del caso è convincente e inoppugnabile.

Ultimo 10/05/15 21:44 - 1547 commenti

I gusti di Ultimo

La settima stagione (ultima delle "storiche") viene conclusa con un episodio bellissimo, che vede il tenente alle prese con un caso di omicidio collegato ad attività di contrabbando di armi automatiche. L'assassino (doppiato da Oreste Lionello), un poeta irlandese con ideali discutibili, è interpretato magnificamente: i suoi dialoghi con Colombo sono tra i migliori mai realizzati e la puntata finisce per essere un vero testa a testa fra i due. Finale impeccabile per un episodio che si annovera tra i migliori di sempre.
MEMORABILE: La partita a freccette; La gara di filastrocche; Colombo alle prese con la bottiglia di whisky sul luogo del delitto.

Lythops 9/06/15 19:10 - 984 commenti

I gusti di Lythops

Una regia in grado di valorizzare ottimi attori e un doppiaggio impeccabile fanno di questo episodio un piccolo gioiello, con indizi che emergono di volta in volta e in modo spontaneo anche se il primo, la vera firma dell'omicida, compare quasi subito. La tecnica di Colombo è sempre la stessa e prende il volo quasi per caso, fedele alla linea da lui ammessa del "in tutte le cose che faccio spingo e stuzzico". Interessante, consigliabile. Buoni il commento musicale e la fotografia.

Peter Falk HA RECITATO ANCHE IN...

Ira72 5/05/17 11:18 - 1197 commenti

I gusti di Ira72

"Chi troppo vuole nulla stringe". Se poi è pure traditore, oltre che avido, figuriamoci! Di lui si occupa, così, un ottimo Behrens, grande bevitore ma anche grande idealista: "un puro", se vogliamo, che non uccide per calcolo o per cupidigia come gli assassini di altri episodi. Egli ha anche una grande complicità con Colombo, sembra quasi ci sia una stima reciproca. Più che il tenente e l'indagato paiono due buontemponi cresciuti insieme sui banchi di scuola. Ma Colombo mantiene la sua lucidità (a parte in libreria, distratto dal libro di pittura erotica).

Didda23 13/12/18 10:47 - 2357 commenti

I gusti di Didda23

Devlin è un personaggio indimenticabile, l'amico colto e affabile che tutti vorrebbero avere come compagno di bevute. Un episodio strepitoso che chiude egegiamente la serie classica. La regia di Penn (un habitué) si cimenta in inqudrature più complesse del solito con disinvolta bravura. I duelli dialettici fra l'antagonista e Colombo sono da antologia per la varietà di contenuti (si passa con incredibile facilità dalla politica alla poesia arrivando addirittura al cucito). Uno degli episodi più completi e senza alcun tipo di difetto.
MEMORABILE: Colombo nel negozio di libri consulta foto erotiche artistiche; "Fin qui e non oltre"; Il meraviglioso motto in gaelico.

Kozincev 26/07/19 18:18 - 56 commenti

I gusti di Kozincev

Episodio sopravvalutato, appena discreto, inferiore alle altre puntate della settima stagione. Il protagonista è troppo aristocratico, teatrale, anglosassone nello charme e nello humour. Colombo ne asseconda l'estro e il gusto per la poesia dissacrante, con buoni momenti sul versante della commedia. Ma è l'indagine a essere fiacca, il ritmo è oltremodo compassato e manca quel conflitto tra il tenente e il colpevole che tanti duelli memorabili ha prodotto; qui la tensione non è neppure latente, manca del tutto. Poco appassionante.

Nicola81 23/03/22 11:12 - 2450 commenti

I gusti di Nicola81

Buona ma non memorabile, la puntata che chiude la serie storica è caratterizzata da un antagonista sui generis: Clive Revill uccide infatti in nome dell'ideale politico, discutibile o meno (la vittima invece è un criminale odiosamente doppiogiochista), e instaura con Colombo un rapporto decisamente amichevole, che però ci priva di quei tipici botta e risposta all'insegna della stoccata tra il tenente e l'assassino. Dal momento che si parla di una fornitura di armi ai ribelli irlandesi era lecito attendersi una componente poliziesca più accentuata, invece è tutto molto rilassante…

Richard 27/03/22 20:53 - 32 commenti

I gusti di Richard

La trama politica, che ispira l’episodio, lo permea a tal punto, che l’omicidio di un trafficante d’armi sembra passare in secondo piano. Tra l’assassino e Colombo si instaura un simpatico rapporto ma entrambi devono portare a termine il loro compito. Facile per il tenente reperire la prova della colpevolezza dell’indiziato, meno lo sventare l’ambizioso e criminale progetto che costui si era prefisso.

Anthonyvm 1/07/22 15:17 - 3994 commenti

I gusti di Anthonyvm

Bel finale di stagione a tema terroristico. Funziona praticamente tutto, dalla regia ispirata di Leo Penn (di ritorno da quel capolavoro che è L'uomo dell'anno) allo script lineare quanto attento nel tratteggio dei personaggi (la durata dell'episodio viene in soccorso), anche se gran parte dei meriti va a Clive Revill, dinamico caratterista che non si fa sfuggire l'occasione di esibire il proprio eclettismo, fra musica ed exploit istrionici, sostenuto nella versione italiana dalla voce di Lionello. Accurati i dialoghi, con Falk che sfoggia doti da psicologo pure più fini del solito.
MEMORABILE: Colombo in libreria sfoglia una galleria di pitture erotiche; La spiegazione della bottiglia di whisky rinvenuta accanto alla vittima; La nave salpa.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Daniela • 10/02/15 11:21
    Gran Burattinaio - 5821 interventi
    Anche per me si tratta di un grande episodio, soprattutto per il carattere sfaccettato dell'antagonista.
    Intendiamoci: godo da matti quando lo sgualcito Colombo incastra gli assassini freddi, senza scrupoli, arroganti, sicuri di sé come quelli impersonati in più occasioni da Jack Cassidy, Robert Culp, Patrick McGoohan.
    Nello stesso tempo però, ad intrigarmi maggiormente sono gli episodi in cui la personalità dell'assassino oppure le sue motivazioni sono tali che un poco mi viene da patteggiare anche per lui, perché questo suscita una deliziosa ambivalenza, rendendo più interessante una partita di cui già si conosce il vincitore finale. E questo avviene anche nel caso de I Cospiratori...
  • Discussione Ciavazzaro • 10/02/15 16:43
    Scrivano - 5619 interventi
    Concordo anche io sul fatto che questo sia stato un grandissimo modo per concludere la serie degli anni settanta.

    Per quanto riguarda l'omicida,so che solitamente tra i fan di colombo,revill è considerato uno degli assassini non "totalmente malvagi",e fa quasi simpatia,a me invece proprio per niente.
    E' più forte di me,non sono mai riuscito a trovarlo simpatico,o quasi a comprenderlo,come con un Pleaseance nella terza stagione,o Culp nell'episodio della prima stagione (uno dei pochissimi omicidi non premeditati della serie),o la mia amatissima Ruth Gordon.
    Io mi rifaccio giustamente alle parole di colombo nel finale quando gli fa notare che fingendosi disgustato dalla guerra,ha attraverso l'inganno contribuito a perché essa continuasse,e poco mi fanno effetto le parole dell'omicida:"la politica ci rende tutti bugiardi".

    Il finale poi è stupendo,mi emoziona ancora nonostante l'abbia visto decine di volte

    SPOILER

    Revill che molto sportivamente accetta la sconfitta,e il successivo appuntamento con la camera a gas,perchè nonostante tutto convinto che almeno le armi arriveranno a destinazione,e che in un certo senso anche lui diventerà un martire per la causa,e il suo viso sconvolto quando vede anche l'ultima soddisfazione volare via sotto la forma dell'aereo della polizia doganale che blocca la nave,veramente impagabile !

    FINE SPOILER

    Io come finale credo sia uno dei migliori insieme a quello al cardiopalma di Candidato per il crimine.
  • Discussione Daniela • 10/02/15 17:27
    Gran Burattinaio - 5821 interventi
    E' vero, il finale "doppio" di questo episodio è particolarmente riuscito - e non è cosa da poco dato che talvolta la chiusura con l'incastramento e la subitanea ammissione del colpevole sono le cose meno convincenti dei relativi episodi.
    Il mio finale preferito è però quello in funivia di Mio caro nipote, uno dei pochissimi in movimento.
  • Discussione Zender • 10/02/15 18:12
    Pianificazione e progetti - 45966 interventi
    "Candidato al crimine" lo trovo forse l'episodio perfetto sotto ogni punto di vista: indagine, finale, originalità dell'omicidio e molto altro. Quello di "Mio caro nipote" invece mi ha lasciato un po' così, forse perché la puntata non mi ha mai troppo soddisfatto (si fa per dire, è pur sempre un Colombo!), anche se il finale è in effetti bello tosto.
  • Discussione Vesco • 10/02/15 18:32
    Galoppino - 18 interventi
    Oltre alla mancanza di agenti e polizia varia in supporto, trovo incomprensibile la mancata perizia sulle impronte digitali lasciate sulla bottiglia di weesky caduta a terra: l'assassino l'aveva toccata e non aveva cancellato le impronte; sarebbe bastato individuare le impronte per incastrare fin da subito l'assassino. Così come il segno sulla bottiglia fatto con l'anello...Colombo svela questo indizio solo alla fine ma avrebbe potuto collegarlo all'assassino ben prima. Inoltre non capisco (sono vittima di un taglio??) come mai l'assassino si presenta di punto in bianco nella stanza d'hotel dove Colombo ispeziona il luogo del delitto: lo ho trovato una forzatura. Ripeto, a scanso di equivoci, che personalmente è uno degli episodi che maggiormente mi piacciono, soprattutto perché trovo fantastica l'interpretazione di Revil (Lionello super) ma come indagine poliziesca mi ha lasciato perplesso.
    Candidato per il crimine lo devo rivedere prima di fare la mia analisi...ma indicativamente a occhio e croce gli episodi che secondo me sono riusciti meglio sono Un amico da salvare, L'illusionista, Sulle tracce dell'assassino e Colonna sonora con omicidio. Ma ci sono altri episodi che adoro, anche se magari incompleti.
    Ultima modifica: 10/02/15 18:45 da Vesco
  • Discussione Ciavazzaro • 10/02/15 23:36
    Scrivano - 5619 interventi
    Come grandi finali è impossibile non citare quello di Qualcuno ha ingannato il tenente colombo,sicuramente uno dei più "forti" ed inquietanti della serie,o quello ossessivo di Un delitto perfetto,forse l'episodio in cui l'omicida rischia di più un ricovero psichiatrico a causa del nostro caro tenente !
    O quello ultra-cupo e stupendo di Delitto d'altri tempi.

    D'accordissimo con L'illusionista con un grande Cassidy,e colonna sonora (stupendo Coleman),e sicuramente Un amico da salvare (meraviglioso).

    Mio caro assassino è un bell'episodio,ma ha quel tipo di soluzione che a me non piace tantissimo,quella

    SPOILER

    Trappolona che fa in modo che l'assassino si incastri da solo,senza prove a sostegno dell'accusa altrimenti.

    FINE SPOILER

    Come emotività mi piacerebbe citare anche Josè Ferrer nel finale de L'omicidio del professore,veramente un bel finale ,non tanto per il modo in cui viene incastrato,ma per la drammaticità,la musica,la recitazione.
  • Discussione Zender • 11/02/15 07:41
    Pianificazione e progetti - 45966 interventi
    Io credo che qualcosa che non va, a livello di detection, si possa trovare in qualsiasi episodio, se dessimo in pasto agli esperti la puntata. D'altra parte è fiction, non vera indagine. Sono d'accordissimo su "Un amico da salvare", veramente strepitoso fino all'ultima scena e su "Colonna sonora con omicidio", mentre "L'illusionista" (che pure è una puntata meravigliosa) ricordo che non mi ha convinto proprio per il finale. E nelle nuove appunto anche "Chi ha ingannato il tenente Colombo" è studiata veramente bene.
  • Discussione Daniela • 11/02/15 09:56
    Gran Burattinaio - 5821 interventi
    Ciavazzaro ebbe a dire:

    D'accordissimo con L'illusionista con un grande Cassidy,e colonna sonora (stupendo Coleman),e sicuramente Un amico da salvare (meraviglioso).

    Come emotività mi piacerebbe citare anche Josè Ferrer nel finale de L'omicidio del professore,veramente un bel finale ,non tanto per il modo in cui viene incastrato,ma per la drammaticità,la musica,la recitazione.


    Il finale dell'Illusionista, così ironico con Colombo-mago, è una simpatica conclusione per un episodio davvero memorabile.
    Non concordo invece con il giudizio sul finale dell'Omicidio del professore, non perché non sia drammatico o ben recitato, ma per il modus operandi: qui Colombo si comporta in modo troppo "sbirresco"

    SPOILER
    "Non riesco ad incastrare te, allora ti costringo a venire allo scoperto fingendo di incastrare una persona che ami"
    FINE SPOILER

    Certo Colombo è un poliziotto che deve fare il suo mestiere senza guardare in faccia a nessuno, con serietà professionale (come argomenta nel colloquio la scrittrice che si è fatta giustizia da sola nello splendido Prova a prendermi). Però questo puntare sugli affetti è un colpo basso...
  • Discussione Vesco • 11/02/15 20:49
    Galoppino - 18 interventi
    Hai ragione Zender, si tratta di fiction e quindi qualcosa di anomalo lo ci si trova sempre, soprattutto per la serie Colombo che non è propriamente una serie di chiara impronta poliziesca investigativa...come può essere invece CSI. Ma ci sono indagini poliziesche riuscite meglio e altre meno, e secondo me nei Cospiratori la mancata analisi sulle impronte digitali lasciate sulla bottiglia, ad esempio, è una mancanza troppo evidente per essere ignorata; A differenza di Agenda per omicidi che come film non e magari memorabile o così divertente come altri episodi, ma secondo me ha una ottima indagine poliziesca. E' una questione di gusti poi, e questo è il bello: siamo tutti fan di Colombo eppure ognuno ha le sue preferenze e talvolta, come è capitato anche a me, giudizi molto diversi e discordanti. Come ad esempio per Prova a prendermi...
  • Discussione Zender • 12/02/15 08:30
    Pianificazione e progetti - 45966 interventi
    Ma sì certo Vesco, è inevitabilmente una questione di gusti, alla fine. Io alle impronte non prese non ci avevo mai fatto caso, per dire, proprio perché non guardo Colombo come fosse un poliziesco rigoroso, non mi è mai venuto in mente. Mille volte mi sono venute in mente obiezioni che scagionerebbero il colpevole all'istante, al momento della prova "schiacciante" che tale spesso non è, ma se dovessi guardare a questo davvero non me la goderi più.