Alice nelle città

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Alice in den Stadten
Anno: 1974
Genere: drammatico (colore)
Note: E non "Alice nella città".
Numero commenti presenti: 6
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/05/07 DAL BENEMERITO IL GOBBO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 27/08/13
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 28/05/07 09:14 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Il fotografo Felix, di ritorno dagli States, si ritrova sul groppone una bambina la cui madre intende raggiungere l'indomani in Olanda. I due si mettono in viaggio... e lo spettatore muore di noia, come (quasi) sempre con Wenders. Gli equilibrismi lessicali ("road-movie esistenziale", "la possibilità di un nuovo soggettivismo (sic!)", "il vero viaggio è quello interiore") si affastellano per abbellire la pallosità del tutto. Nel business dell'aria fritta Wim Wenders ha pochi concorrenti.

Pigro 18/06/09 08:47 - 7789 commenti

I gusti di Pigro

Alice è una bambina affidata a un uomo di ritorno dagli Usa, che deve accudirla in attesa del ritorno della madre. Un lavoro prezioso, fatto di piccole cose e segni importanti incastonati in un anomalo road movie. Nella parte americana il giornalista rinuncia alla scrittura per la fotografia, poi recupera la parola: uno sguardo amaro sulla società americana e una metafora dell'arte e del cinema. Ma il film sa anche raccontare una storia intensa, quella di una ricerca che mette a confronto un uomo smarrito e una bambina che vuole smarrirsi.

Cotola 15/08/13 22:42 - 7525 commenti

I gusti di Cotola

Wenders gira un film on the road nel suo stile (pochi dialoghi, molti silenzi), ma a differenza di qualche altra occasione, stavolta riesce a catturare l’attenzione dello spettatore, grazie ad una storia accattivante e che emoziona. Il rapporto tra il fotografo e la bambina si fa sempre più intenso col passare dei minuti e riesce a scaldare il cuore. Per chi non si accontenta solo della storia, il film è anche una bellissima riflessione sul rapporto fra realtà e finzione in cui le immagini hanno, come spesso accade nel cinema del tedesco, un peso specifico notevole.

Saintgifts 5/02/15 18:55 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Un'America poco ispiratrice toglie ogni idea a Felix: "Fuori da New York, tutto è uguale", solo con le immagini si può descrivere. Forse è la solitudine a giocare brutti scherzi al giornalista. Con Alice, bambina forte e debole come tutti i bambini, il viaggio in Europa è molto diverso, la ricerca di una casa nelle città fa scoprire un'umanità che sembra immobile, ma che è viva. È la vicinanza di Alice che anima tutto, che aggiunge uno scopo... "Penseranno che sei mio padre"; essere padre, un pensiero nuovo per Felix. Contemplativo, intimista.
MEMORABILE: Alice, chiusa nel bagno che ascolta i nomi delle città.

Bubobubo 29/10/18 10:16 - 1199 commenti

I gusti di Bubobubo

Lontano dallo status di semiculto che tra gli appassionati gli viene talvolta attribuito, è un film intessuto di poesia del quotidiano (irritante o ispirante, a seconda delle giornate e dei punti di vista) in cui la seconda parte, in cui la strana coppia Vogler-Rottländer va alla ricerca di una nonna misteriosa, disintegra la prima, davvero troppo fumosa e aleatoria. Come decostruzione degli stereotipi da road movie è interessante: la prova attoriale, Vogler in testa, non è però sempre impeccabile (eufemismo). Richiede pazienza.

Mickes2 8/05/20 19:31 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Wim Wenders con "Alice nelle città" - che conserva oggi ancor di più il passo delicato e malinconico della sonatina dei Can “The lost tapes” - consegna al mondo uno fra i road-movie sentimentali che hanno maggiormente influenzato la storia del cinema. Il bellissimo b/n di Robby Muller assieme alla naturalezza degli attori (dolcissima Rottlander) compongono una pellicola che, inevitabilmente, acquisisce forma in base allo sguardo dello spettatore, il quale osserva questa sentita storia di un abbandono e di un riavvicinamento paurosamente fragile.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Buiomega71 • 25/10/15 18:22
    Pianificazione e progetti - 21911 interventi
    In dvd per Ripley's Home Video, disponibile dal 09/12/2015

    http://www.amazon.it/gp/product/B0170ZG4SY?qid=1445793481&ref_=sr_1_245&s=dvd&sr=1-245
  • Homevideo Caesars • 26/10/15 12:03
    Scrivano - 10722 interventi
    Ottima notizia Buio.
    Mi pare che il dvd fosse già previsto in uscita (Sony?) parecchio tempo fa, ma che poi non se ne fece nulla.
    Tanto che alla fine ho comprato la'edizione inglese (audio tedesco con sottotitoli in inglese).
    Se finalmente uscirà penso cheprenderò anche l'edizione italiano
  • Homevideo Caesars • 9/12/15 11:14
    Scrivano - 10722 interventi
    Hummm, brutte sensazioni. Il dvd che doveva uscire oggi risulta "non ancora disponibile" su Amazon e in uscita il 17/12/2015 su dvd store. Non vorrei che "saltasse"