Cerca per genere
Attori/registi più presenti

DOV'è IL MIO CORPO

All'interno del forum, per questo film:
Dov'è il mio corpo
Titolo originale:J'ai perdu mon corps
Dati:Anno: 2019Genere: animazione (colore)
Regia:Jérémy Clapin
Cast:(animazione)
Visite:175
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 6
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/12/19 DAL BENEMERITO PINHEAD80

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 8/12/19 8:05 - 11053 commenti

Originale lungometraggio animato che procede attraverso un doppio arco narrativo, raccontando due storie destinate a congiungersi, una di formazione, l’altra decisamente surreale (riguarda una mano mozzata che ha vita propria) ma affascinante e poetica. Disegni e tecnica di animazione ottimi, ma il film vive di profonde suggestioni visive, con momenti che rimangono nella memoria, specie quelli più notturni e solitari, sottolineati da una bella colonna sonora. Notevole.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Pigro 17/12/19 9:14 - 7401 commenti

Una mano in fuga, letteralmente, alla ricerca del corpo d’origine: un ragazzo che si arrabatta per campare, combattuto tra la sofferenza della perdita e il flebile filo dell’amore. Film intensamente poetico, che ha al suo centro la separazione (anatomica o sentimentale), adagiando una struggente fantasia su una piattaforma di realismo quotidiano. Con la capacità di avvincere in scene avventurose e di far sospendere il respiro nei momenti più emozionanti. E con un disegno tanto semplice quanto efficace e toccante.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Daniela 6/12/19 12:07 - 8451 commenti

Due storie parallele destinate ad incrociarsi verso l'epilogo: quella di un ragazzo timido che diventa falegname per amore di una bibliotecaria e quella di una mano mozzata che, sfuggita dal ripostiglio ospedaliero in cui giaceva dopo l'amputazione, girovaga per Parigi alla ricerca del corpo perduto. Un esordio nel lungometraggio di grande valore: originale nel soggetto che capovolge la sindrome dell'"arto fantasma" dato che è la mano mozza ad avvertire la mancanza del corpo, di gran classe nella tecnica d'animazione, profondo e commovente nella caratterizzazione dei personaggi. Bellissimo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'igloo di legno e l'igloo con le zollette di zucchero .
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Pinhead80 1/12/19 21:02 - 3583 commenti

Non c'è che da rimanere ammirati di fronte a tanta bellezza. Se si ha la pazienza di lasciarsi coinvolgere dall'animazione ci vorrà poco a capire l'intensità della storia, la solitudine dei personaggi, la drammaticità delle situazioni. Un universo parallelo in mezzo al caos, dove i protagonisti cercano nella città un piccolo spazio solitario per poter respirare a pieni polmoni un po' di calore umano. L'emozione è amplificata anche da un notevole motivo musicale che incalza scena dopo scena.
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Kinodrop 5/12/19 20:14 - 1197 commenti

Dai sogni dell'infanzia e le illusioni dell'adolescenza alla dura realtà di solitudine urbana per il giovane Naoufel, in cerca di realizzazione e di affetti. Dalla Francia un lungometraggio animato straordinario per la struttura fortemente cinematografica delle "riprese", la cura per il sonoro, il nitore "sintetico" delle tonalità cromatiche e l'aura romantica e nostalgica che riesce a trasmettere (l'infanzia in b/n e le due storie che si intersecano). La bellezza della forma lenisce la tristezza per il destino riservato al protagonista.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La mosca e l'infortunio; L'igloo sul tetto; Le registrazioni ambientali; Gabrielle.
I gusti di Kinodrop (Commedia - Drammatico - Thriller)

Xamini   6/12/19 10:27 - 927 commenti

Piccola perla dal regno dell'animazione francese, una fiaba post moderna ricca di idee, a iniziare dalla doppia e assolutamente inedita linea narrativa, passando per la delicatezza con la quale sfiora la sensibilità dello spettatore e gli fa mostra di quanto possa essere prezioso il sentire. Un racconto sulla solitudine, sul contatto, sugli orizzonti e le speranze, costruito su un tratto semplice, riempito di bellissimi colori e in cui tutti gli elementi si ricongiungono ricomponendo la (apparente) rottura. Delizioso.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La mano; la mosca; il registratore; l'iglo; l'astronauta.
I gusti di Xamini (Commedia - Drammatico - Fantastico)