Cerca per genere
Attori/registi più presenti

DOV'è IL MIO CORPO

All'interno del forum, per questo film:
Dov'è il mio corpo
Titolo originale:J'ai perdu mon corps
Dati:Anno: 2019Genere: animazione (colore)
Regia:Jérémy Clapin
Cast:(animazione)
Visite:271
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 8
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/12/19 DAL BENEMERITO PINHEAD80

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 8/12/19 8:05 - 11157 commenti

Originale lungometraggio animato che procede attraverso un doppio arco narrativo, raccontando due storie destinate a congiungersi, una di formazione, l’altra decisamente surreale (riguarda una mano mozzata che ha vita propria) ma affascinante e poetica. Disegni e tecnica di animazione ottimi, ma il film vive di profonde suggestioni visive, con momenti che rimangono nella memoria, specie quelli più notturni e solitari, sottolineati da una bella colonna sonora. Notevole.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Pigro 17/12/19 9:14 - 7529 commenti

Una mano in fuga, letteralmente, alla ricerca del corpo d’origine: un ragazzo che si arrabatta per campare, combattuto tra la sofferenza della perdita e il flebile filo dell’amore. Film intensamente poetico, che ha al suo centro la separazione (anatomica o sentimentale), adagiando una struggente fantasia su una piattaforma di realismo quotidiano. Con la capacità di avvincere in scene avventurose e di far sospendere il respiro nei momenti più emozionanti. E con un disegno tanto semplice quanto efficace e toccante.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Daniela 6/12/19 12:07 - 8745 commenti

Due storie parallele destinate ad incrociarsi verso l'epilogo: quella di un ragazzo timido che diventa falegname per amore di una bibliotecaria e quella di una mano mozzata che, sfuggita dal ripostiglio ospedaliero in cui giaceva dopo l'amputazione, girovaga per Parigi alla ricerca del corpo perduto. Un esordio nel lungometraggio di grande valore: originale nel soggetto che capovolge la sindrome dell'"arto fantasma" dato che è la mano mozza ad avvertire la mancanza del corpo, di gran classe nella tecnica d'animazione, profondo e commovente nella caratterizzazione dei personaggi. Bellissimo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'igloo di legno e l'igloo con le zollette di zucchero .
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Pinhead80 1/12/19 21:02 - 3709 commenti

Non c'è che da rimanere ammirati di fronte a tanta bellezza. Se si ha la pazienza di lasciarsi coinvolgere dall'animazione ci vorrà poco a capire l'intensità della storia, la solitudine dei personaggi, la drammaticità delle situazioni. Un universo parallelo in mezzo al caos, dove i protagonisti cercano nella città un piccolo spazio solitario per poter respirare a pieni polmoni un po' di calore umano. L'emozione è amplificata anche da un notevole motivo musicale che incalza scena dopo scena.
I gusti di Pinhead80 (Azione - Horror - Thriller)

Minitina80 25/2/20 20:21 - 2216 commenti

Un cartone animato dai toni drammatici che gode di un'ottima scrittura e un'altrettanto efficace narrazione. Si muove su due binari apparentemente separati, quello della mano mozzata la cui ricerca assume un valore metaforico e le vicissitudini del giovane Raouf, ascrivibili a una delle tante tragedie umane. La malinconia fende le immagini con mano ferma, mentre le note soffuse della colonna sonora non fanno che alimentarla. Lo si potrebbe quasi inserire nell’ambito dei racconti di formazione, cosa non scontata per un cartone.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Kinodrop 5/12/19 20:14 - 1313 commenti

Dai sogni dell'infanzia e le illusioni dell'adolescenza alla dura realtà di solitudine urbana per il giovane Naoufel, in cerca di realizzazione e di affetti. Dalla Francia un lungometraggio animato straordinario per la struttura fortemente cinematografica delle "riprese", la cura per il sonoro, il nitore "sintetico" delle tonalità cromatiche e l'aura romantica e nostalgica che riesce a trasmettere (l'infanzia in b/n e le due storie che si intersecano). La bellezza della forma lenisce la tristezza per il destino riservato al protagonista.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La mosca e l'infortunio; L'igloo sul tetto; Le registrazioni ambientali; Gabrielle.
I gusti di Kinodrop (Commedia - Drammatico - Thriller)

Xamini   6/12/19 10:27 - 950 commenti

Piccola perla dal regno dell'animazione francese, una fiaba post moderna ricca di idee, a iniziare dalla doppia e assolutamente inedita linea narrativa, passando per la delicatezza con la quale sfiora la sensibilità dello spettatore e gli fa mostra di quanto possa essere prezioso il sentire. Un racconto sulla solitudine, sul contatto, sugli orizzonti e le speranze, costruito su un tratto semplice, riempito di bellissimi colori e in cui tutti gli elementi si ricongiungono ricomponendo la (apparente) rottura. Delizioso.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La mano; la mosca; il registratore; l'iglo; l'astronauta.
I gusti di Xamini (Commedia - Drammatico - Fantastico)

Thedude94 3/3/20 0:17 - 456 commenti

Piccola perla del cinema d'animazione francese, questo film parla per immagini, le quali fanno da sfondo a una storia toccante, realistica e intima di un ragazzo e di una mano che è alla ricerca del suo corpo. I disegni sono molto particolari e cambiano in relazione agli eventi temporali narrati; i sobborghi cittadini e la vita dei protagonisti sono rappresentate con una classe non indifferente. Questa storia rimane dentro, colpisce per la crudezza e lascia dei vuoti che non possono non colpire. Un'animazione adulta che lascia il segno.
I gusti di Thedude94 (Drammatico - Gangster - Sentimentale)