Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• THE DAY AFTER - IL GIORNO DOPO

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 12
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 3/7/07 0:23 - 4467 commenti

Sono due film, non uno solo. Il primo è molto bello ed è conquistante, con le scene indimenticabili delle persone (per strada, allo stadio…) che vedono i missili partire e già capiscono che cosa sta per accadere. Poi arriva la bomba e, con essa, arriva la fine del primo film (buono). A questo punto si può spegnere, perché il resto cala vistosamente e senza soluzione di continuità.
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Galbo 2/10/08 15:35 - 10957 commenti

Produzione televisiva americana, è una riflessione alquanto banale sulla più tragica delle conseguenze belliche: la catastrofe nucleare. Su questo tema regista e sceneggiatori non riescono ad inoltrarsi oltre il già visto e sentito e propongono tutto il campionario di varia umanità alle prese con una sorta di apocalisse moderna. Ben realizzato, certo, ma costruito con il bilancino ed emotivamente poco coinvolgente.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Undying 30/9/08 0:41 - 3875 commenti

Il giorno dopo l'esplosione dell'atomica. Oddio, la banalità - dato il periodo (siamo in piena "guerra fredda") - era dietro all'angolo. Però Nicholas Meyer (meglio sarebbe dire Edward Hume che lo ha sceneggiato) ha il coraggio di imbastire un catastrofico lontano dai soliti luoghi comuni (grattacielo in fiamme, aereo in caduta libera, terremoto e via sciagurando) e di seguire un plot nient'affatto manicheo. Considerato che si tratta di un kolossal di stampo americano non è poca cosa...
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Il Gobbo 2/5/08 18:02 - 3011 commenti

Preceduto da un bombardante (oops... ) battage e ben sintonizzato con certe psicosi d'epoca, mentre anime candide invocavano il disarmo unilaterale (naturalmente occidentale) e Sting ancora non le cantava ai potenti, si rivelò già in prima visione una pizza atomica, anch'essa efficace deterrente, ma contro lo stato di veglia. A dire il vero non comincia nemmeno male, e qualche interprete è di solido mestiere, ma l'idea ha le gambe corte (come certe balle d'epoca), e il film invece è piuttosto lungo. Poco cinema.
I gusti di Il Gobbo (Gangster - Poliziesco - Western)

Schramm 17/3/07 14:21 - 2339 commenti

Per un prepubere ritrovatosi suo malgrado esperto in materia di annessi e connessi di una guerra nucleare, questo affresco termonucleare - attraversato al cinema in pieno clima ipertensivo tra le due superdebolezze - ha rappresentato la rovina pressoché definitiva del sonno per i 20 anni a venire. Cinematograficamente nullo e scientificamente inattendibile, avrà eccedente nemesi nel contraltare britannico Threads (da noi beneficiario di unico passaggio Rai ribattezzato "Ipotesi: sopravvivenza").
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Caesars 21/11/07 15:21 - 2474 commenti

Buone le intenzioni ma brutta la realizzazione, anzi a dirla tutta la seconda parte della realizzazione. Sì, perché per un po' il film avvince poi, proprio quando ci voleva un maggiore sforzo di fantasia, la storia cala improvvisamente e la noia regna sovrana. Ricordo che quando lo vidi la prima volta al cinema ne rimasi profondamente deluso e il risultato, purtroppo, non è cambiato nemmeno a distanza di tanti anni. In virtù della parte migliore si può azzardare un due pallini, di più proprio no.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Ciavazzaro 27/9/08 14:40 - 4723 commenti

In un certo senso, insieme a Ultimo rifugio Antartide, è il canto del cigno del genere catastrofico di qualità, anche se purtroppo la pellicola non è poi granché. Da un tema da guerra fredda (l'esplosione della bomba atomica) un catastrofico che più che sugli effetti speciali (filmati d'archivio) cerca di scavare nelle psicologie dei personaggi, senza riuscirvi. Evitabile.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Stubby 17/3/07 10:30 - 1147 commenti

Lo vidi la prima volta all'età di 12 anni con la mia scuola in piena guerra fredda USA-URSS. Mi colpì moltissimo, nonostante non si possa paragonare ai film catastrofici di oggi: l'impatto visivo finale fu terrificante, soprattutto per quello che stava a significare. Più che film catastrofico lo considero un film educativo e di denuncia per il periodo in cui uscì. Certo, rivisto oggi non ha più l'effetto di un tempo, però aiuta a ricordare. Memorabile.
I gusti di Stubby (Azione - Horror - Western)

Piero68 5/10/12 14:23 - 2662 commenti

Pompatissimo dalla pubblcità al momento dell'uscita, il film non è che un prodotto televisivo costato neanche poi molto. Inutilmente lungo, si avvale di una ottima e coinvolgente sceneggiatura nella prima parte, la quale riesce sapientemente a costruire l'escalation verso la III Guerra Mondiale solo attraverso notizie radio, intervallandole a momenti di vita quotidiana. Ma nella seconda parte il film naufraga spaventosamente riuscendo a proporre solo dei deja-vu senza nessuna sostanziale novità sul tema post-apocalittico. Ridicoli gli effetti speciali.
I gusti di Piero68 (Azione - Fantascienza - Poliziesco)

Alex75 26/7/16 9:31 - 608 commenti

Pur ripercorrendo tutti i cliché del genere catastrofico (soprattutto nella seconda parte), questa produzione televisiva ha un certo spessore e un certo valore ammonitorio, mantenendo sullo sfondo un evento temuto ai tempi della “guerra fredda” (la rottura dell’”equilibrio del terrore”), che da rumore di fondo diventa realtà tragicamente palpabile. All’epoca suscitò molta impressione e tuttora ha un forte impatto, per gli effetti speciali ma soprattutto per le caotiche scene di massa.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le scene di panico collettivo; Le esplosioni; La citazione di Einstein sulla quarta guerra mondiale; Il finale.
I gusti di Alex75 (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Stelio 5/4/16 17:23 - 384 commenti

Passabile film catastrofico, non così banale quanto potrebbe sembrare, soprattutto sulle ipotesi - abbastanza razionali secondo me - di lunghezza di un'eventuale guerra atomica. Il girato è superiore a quello delle serie televisive dell'epoca, sebbene ben inferiore a quello di un film ad alto budget. Interpretazioni medio-basse da parte di quasi tutti gli attori; la sceneggiatura parte in modo discreto, ma si arena in modo inesorabile nella seconda parte. Colonna sonora praticamente inesistente.
I gusti di Stelio (Animazione - Commedia - Drammatico)

Ishiwara 15/5/11 18:32 - 214 commenti

Decisamente troppo lungo e con un misto di effetti speciali scadenti e filmati documentaristici mal integrati che denotano la provenienza televisiva. Punta più sulla spettacolarità dell'aspetto catastrofico con personaggi alquanto banali e stereotipati. Indubbiamente toccava il tasto delle paure profonde della società americana dell'epoca. Lo schema di seguire le vicende di più personaggi diversi rimarrà un classico per molte produzioni nei 30 anni a venire. Fino alle prime esplosioni prometteva ancora bene, poi precipita col tonfo. Peccato.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'escalation della crisi internazionale che passa alquanto inosservata su radio e tv in sottofondo.
I gusti di Ishiwara (Animazione - Commedia - Drammatico)