LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Argomento interessante: gli EVP (Electric Vocal Phenomenon), ovvero le voci dei defunti registrate attraverso onde radio e televisive, sono uno dei fenomeni più facilmente testabili e affascinanti del paranormale. Il film li sfrutta però in modo troppo banale e semplicistico. Dopo una buona prima parte, in cui la suspense monta e i segnali sono visti ancora come un qualcosa di magico e difficilmente inquadrabile (bella la figura dello specialista barricato in casa tra decina di monitor e apparecchi per la registrazione), la storia tende a prendere una brutta piega ostinandosi a voler dare a ogni costo un senso ai messaggi mandati a Michael Keaton dalla moglie prematuramente defunta. La sceneggiatura e la regia finiscono col precipitare...Leggi tutto nell'effetto baracconesco e le belle premesse si sfaldano al cospetto della ricerca squallida di una storia in grado di coinvolgere con una struttura da thriller tradizionale. A questo punto si passa da un'atmosfera rarefatta, di una certa classe, all'horror commerciale di bassa lega. Lo stesso Keaton, che inizialmente sembrava una scelta vincente, non può far altro che annegare nella mediocrità generale a fianco di una partner dal viso perfettamente adatto al genere (inquietante al punto giusto) ma che quanto a recitazione non convince altrettanto. Il classico film dal fiato corto, alla cui azzeccata scelta del tema principale non corrisponde un'adeguata realizzazione. Qualche affinità col DRAGONFLY di Shadyac con Costner, che però aveva maggior spessore.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Giapo 29/03/07 10:07 - 238 commenti

I gusti di Giapo

Thriller/horror del soprannaturale che si lascia guardare ma non conquista: la storia è parecchio forzata e non scorre in maniera convincente. La tensione non manca ma per spaventare si ricorre sistematicamente al solito fastidiosissimo effetto shock creato con "botte" di volume alto e "flashate" di luce accecante. Ci sono buoni momenti qua e là ma nell’insieme il film è abbastanza insignificante. Evitabile.

Undying 23/04/07 16:42 - 3819 commenti

I gusti di Undying

Non era male il succo della storia: almeno non lo era affatto sino al primo tempo e successiva intromissione del killer (fantasma) che prende possesso d'altri spettri. Non tanto per una sceneggiatura che presenta aspetti di certo interesse (l'approfondimento sul tema delle videofonie, psicofonie e "white noise" varii), quanto per l'utilizzo nauseante di computer grafica: talmente asfissiante da sormontare l'iniziale stato di disagio provato di fronte al tema. Michael Keaton recita discretamente e Geoffrey Sax è un buon regista: peccato.

Fele 11/12/07 00:52 - 43 commenti

I gusti di Fele

Purtroppo il film, nel tentativo di imboccare tante, troppe strade (fantasmi buoni, fantasmi cattivi, predestinazione, sesti e settimi sensi…), non prende una direzione ben precisa ed il tutto resta poco più che accennato, senza alcun valido approfondimento investigativo od emozionale. E, come spesso accade, quando il mistero si palesa, l'opera sconcerta per banalità. Moltorumorepernulla.

DeBiasis 31/12/07 12:06 - 4 commenti

I gusti di DeBiasis

Le suggestioni erano le migliori e il film stava facendo davvero paura. Ma il finale sbanda e troppe sono le cose che rimangono non spiegate (rispetto al tono del film). Comunque una visione la merita.

Daniela 9/02/09 22:45 - 10774 commenti

I gusti di Daniela

Architetto di successo con moglie bellissima, dopo la morte di lei in seguito a un incidente, scopre i fenomeni EVP. Segue messaggistica varia dall'aldilà, con interferenze pirata da parte di un'entità malevola ma molto concreta. Spunto interessante banalizzato da una realizzazione modaiola e dalle incertezze di una sceneggiatura che non sa dove andare a parere. Keaton si impegna ma il suo passaggio dallo scetticismo alla fede cieca è troppo brusco.

Galbo 12/02/09 06:03 - 11700 commenti

I gusti di Galbo

Thriller soprannaturale fortemente debitore di pellicole più riuscite come The ring. L'idea di partenza (quella delle EVP, fenomeni vocali elettronici, con i quali si riesce a comunicare con i morti) non era malvagia ma la sceneggiatura e la regia tendono a dilapidare le potenzialità, introducendo piuttosto forzatamente l'elemento horror e ricorrendo ad effetti "paurosi" piuttosto facili e scontati. A peggiorare il tutto concorre il cattivo finale.

Supercruel 12/02/09 18:05 - 498 commenti

I gusti di Supercruel

Soggetto molto interessante che, però, avrebbe meritato tutt'altro trattamento. C'è un certo qual fascino all'inizio della pellicola, che bene introduce all'affascinante (e inquietante) mondo degli Electronic Voice Phenomena. Peccato che la ragione di esistere del film sia solo l'argomento. Per il resto storia banalotta senza guizzi, abuso di effetti digitali poco efficaci e china che scivola ben presto dalle parti del thriller demoniaco o pseudo tale di grana grossa. Brutto.

Rambo90 29/05/10 15:23 - 6870 commenti

I gusti di Rambo90

Buon horror paranormale che riesce a creare molta tensione e molta paura per tutta la prima parte, soltanto con voci distorte e immagini registrate che (forse) provengono dal regno dei morti. Buona l'interpretazione di Michael Keaton, peccato per un finale un po' tirato via e per molte cose che rimangono insolute e inspiegabili. Comunque da vedere.

Cotola 15/02/13 00:10 - 8052 commenti

I gusti di Cotola

Parte bene per poi impantanarsi nelle sabbie mobili dell'ordinario e della mediocrità. Così l'interesse iniziale si va gradualmente sgonfiando ed alla fine ci si ritrova dinanzi alla solita storiellina paranormale con pochi spaventi e sorprese e tante, troppe, banalità. Anche il finale è abbastanza insoddisfacente. Non bruttissimo ma, forse, nemmeno mediocre.

Saintgifts 13/10/15 00:23 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Pessimo film sul paranormale (in questo caso sono i tentativi di comunicare con l'aldilà attraverso apparecchiature televisive e registratori). Per non farlo sembrare un documentario sull'argomento, dopo il solito inizio dove c'è la traumatica morte di una persona cara - guarda caso in un momento di felicità culminante della propria vita - si vira, sbarazzandosi della coerenza e di ogni comprensibilità, nell'horror più trito. Ne risente la recitazione, dove gli attori sono costretti alle espressioni, che sono anche le nostre, di chi non ci capisce più nulla.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Metuant 17/10/16 21:20 - 455 commenti

I gusti di Metuant

Dal trailer sembrava un horror con i controfiocchi; sfortunatamente invece, nonostante un ottimo cast e un assunto di trama che poteva garantire ottimi momenti di tensione, quello che ne esce è un film non brutto ma alquanto al di sotto delle potenzialità mostrate. Certo, alcuni momenti buoni ci sono, ma il tutto viene stemperato da una regia non all'altezza e da una sceneggiatura che concede troppo allo spavento facile e alla spettacolarizzazione.

Rufus68 9/10/17 22:05 - 3394 commenti

I gusti di Rufus68

L'intuizione non è originale anche se vanta una indubbia forza perturbante: sussurri dell'oltremondo, distorsioni vocali, una tragedia familiare. Keaton è bravo come sempre e riesce a dare spessore al lato ordinario della vicenda. Purtroppo la sceneggiatura è assai esigua e non costruisce praticamente nulla attorno al torso principale. Il finale, poi, sbraca nel paranormale più grossolano prima di una cesura affrettata (classico segnale dell'esaurimento delle rare idee).
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Lucius • 30/10/10 20:01
    Scrivano - 8733 interventi
    Il trailer include presunte registrazioni di voci di trapassati. Quella che dice "I Love You" è attribuita a Stanley Searles, un politico morto nel 2002; la registrazione fu fatta dalla figlia di Searles, Karen Mossey, nota ricercatrice EVP. L'altra frase "I will see you no more" (Non ti [vi] vedrò più) è attribuita a Ruth Baxter, una donna morta nel 1987. Si dice che questa sia una registrazione fatta a Point Lookout, un faro marittimo "maledetto" nel Maryland, da una ricercatrice EVP di nome Sarah Estep. Il faro era usato come ospedale durante la guerra civile ed alcune interpretazioni della registrazione ritengono che la voce dica "I was seeing the war" (Stavo vedendo la guerra) o anche "I was seeing the water (Stavo vedendo l'acqua).
    Fonte:extra del dvd, nei quali ci viene anche presentata la coppia di coniugi che da decenni si occupa dello studio e della catalogazione di voci dall'aldilà.
  • Discussione Raremirko • 13/10/15 17:53
    Addetto riparazione hardware - 3750 interventi
    Mi è piaciuto davvero molto, e poi Keaton l'ho sempre apprezzato.

    Inquieta in più casi, ha atmosfera ed una tematica non troppo affrontata da altri film.

    A tratti non è chiarissimo, come verso la fine, ma ciò aumenta anche l'inquietudine ed il mistero.

    Sono curioso di vedere altri film del regista ed il sequel di Lussier.