LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 21/03/08 DAL BENEMERITO GALBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 22/03/08 05:53 - 11933 commenti

I gusti di Galbo

In un carcere di massima sicurezza americanno collocato nel deserto del Mojave sono contemporaneamente reclusi due pugili che si sfideranno in un combattimento. Vagamente ispirato alla vicenda di Mike Tyson (uno dei due pugili è incriminato per molestie sessuali), il film diretto dal grande Walter Hill, riprende alcuni elementi del cinema del regista americano, mettendo al centro della rappresentazione la lotta per il rispetto individuale filtrata attraverso gli ideali sportivi. Buono il cast.

Enzus79 19/02/10 15:49 - 2395 commenti

I gusti di Enzus79

Walter Hill è uno di quei registi, a mio parere, che di film ne sbaglia pochi. Undisputed è bello da vedere, mai noioso, nonostante il finale sia facilmente prevedibile. I due protagonisti, soprattutto Snipes, sono ottimi (che brutto il doppiaggio).

Giuliam 19/02/10 15:58 - 178 commenti

I gusti di Giuliam

Purtroppo Ving Rhames e Wesley Snipes non rendono accettabile un film insensato e di scarso rilievo. Sono tutt'e due bravi a recitare ma è il contorno a penalizzare di più questa pellicola. Il ritmo troppo veloce, transizioni da "serial-tv"... Spiace per Walter Hill, che tempo addietro c'aveva fatto vedere ben qualcos'altro.

Rickblaine 19/02/10 16:59 - 635 commenti

I gusti di Rickblaine

In un carcere si affrontano due dei più forti pugili americani. Si prosegue con flashback e dialoghi volti a rispecchiare i due protagonisti ben interpretati. Massima violenza fisica come quella mentale, che porta i due a voler vincere per forza. Un po' banale.

Homesick 15/01/11 18:05 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Dai bassifondi di New Orleans fotografati nell’esordio Hard chance, la boxe clandestina entra in un carcere di massima sicurezza isolato nel deserto del Mojave: sempre di umanità in cerca di riscatto si parla, seppur in un racconto decisamente annacquato, spento e risaputo in personaggi, situazioni, esiti. Il marchio di fabbrica Walter Hill balugina nel realismo senza violenza gratuita dei match pugilistici e nella direzione degli interpreti, tra i quali si segnalano gli antagonisti Snipes e Rhames e il gangster d’annata Falk. Palesi i riferimenti al caso Mike Tyson.

Jena 4/12/11 12:15 - 1395 commenti

I gusti di Jena

Ultima gemma di un regista che ha prodotto un paio di capolavori (48 ore, Driver l'imprendibile) e tanto buon cinema. La ricostruzione di fantasia del soggiorno in carcere di Mike Tyson funziona, soprattutto per la straordinaria interpretazione di Ving Rhames, letteralmente perfetto nel rendere la spocchiosa arroganza del "campione", che se non sul ring sullo schermo si mangia letteralmente quello stoccafisso di Snipes imbambolato. Ottimo il cast di contorno (Falk, Rooker, Wes Studi). Anche per chi non ama la boxe, come me.

Cotola 29/07/12 14:03 - 8448 commenti

I gusti di Cotola

Dopo il buco nero di fine secolo, il vecchio leone Hill ruggisce ancora e torna in pienissima forma, girando un film ingiustamente sottovalutato e passato sotto silenzio. Girato ottimamente, con grande stile e con un senso del ritmo raro a trovarsi che riesce così a coinvolgere per tutta la sua durata. Tutto ciò sebbene la storia (con più di qualche eco che fa pensare a Tyson) non sia certo imprevedibile, finale compreso. Le scene dei combattimenti sono girate a dovere. Bravi gli attori con una piccola parte per Falk qui mafioso amante della nobile arte.

Rambo90 29/08/13 15:19 - 7179 commenti

I gusti di Rambo90

Un grandissimo film di Hill, che mi ha emozionato molto, costruito incrociando gli stilemi del genere carcerario con quello sulla boxe. Snipes e Rhames insieme sono ottimi; soprattutto il secondo riesce a tratteggiare benissimo la sua figura di campione turbolento e presuntuoso, che per certi versi mi ha ricordato Mike Tyson. Molto bravo anche Falk, un boss abbastanza sui generis, con la sua fissa per la nobile arte. Spettacolare l'incontro finale. Da non perdere.

Daniela 8/05/17 10:27 - 11777 commenti

I gusti di Daniela

Un ergastolano imbattibile fra le mura del carcere ha l'opportunità di sfidare il campione dei pesi massimi quando questi viene condannato per stupro... Ispirato alla vicenda di Tyson, un prison movie che, nonostante la firma di Hill alla regia ed un cast che conta anche Falk nel ruolo di un mafioso appassionato di boxe, risulta prevedibile oltre il lecito, con caratteri approssimativi, scarsa verosimiglianza, banalità assortite. Poco da salvare, anche se Snipes appare in forma negli scontri. Brodo allungato con inserti di repertorio, rap uggioso, doppiaggio mediocre a peggiorare il tutto.

Rigoletto 12/09/21 10:27 - 1737 commenti

I gusti di Rigoletto

Pugile condannato per stupro finisce in un carcere dove, per imporre la sua legge, sfiderà il campione della prigione. Il film di Hill è un buon apripista, nella serie Undisputed: parte molto velocemente e tutto sembra lasciar presagire un ritmo forsennato, poi qualcosa si ingolfa, la macchina narrativa scema e per almeno venti minuti si rimane in panne. Il danno non è grave, perché la bravura degli attori è innegabile e sono guidati da un regista di solido mestiere. Nel complesso un buon film, non privo di difetti ma sicuramente interessante.

Walter Hill HA DIRETTO ANCHE...

Minitina80 16/02/22 20:38 - 2750 commenti

I gusti di Minitina80

Suscita poco interesse e non coinvolge per la presenza di personaggi e situazioni messe in atto in maniera stereotipata e poco rilevante. L’adrenalina scorre a fiumi e carica in eccesso ogni figura che transita sullo schermo, creando un senso di nauseabondo scollamento. Il fatidico incontro potrebbe avere un significato più ampio del semplice menare le mani, ma da solo non basta a giustificare lo svolgimento che lo precede. Si apprezzano, invece, la mano esperta di Hill e la scelta di scorporare la pellicola da qualsiasi forma di epicità o artifizi volti a maggiorare l’apparenza.
MEMORABILE: Giustizia e legge sono due cose diverse.

Pessoa 11/08/22 08:14 - 2364 commenti

I gusti di Pessoa

Hill riprende l'abusato tema dell'incontro di boxe semiclandestino fra le mura del carcere e furbescamente lo interseca con le vicende personali del pugile Mike Tyson, come il protagonista arrestato per stupro. Al di là delle vicende biografiche vere o presunte, si tratta di un film di routine, girato con professionalità con le chiavi di volta messe nei punti in cui tutti se le aspettano. La prova del cast è discreta e le scene dei combattimenti sono ben girate. Né più né meno di quello che gli aspettatori si aspetterebbero da un film del genere. Onesto, ma niente di speciale.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.