Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONLE LOCATION

Commenti L'IMPRESSIONE DI MMJImpressione Davinotti

Nel disperato tentativo di sfruttare ogni successo cinematografico possibile, i cinematografari italiani prendono in prestito il bravo Pablito Calvo da MARCELLINO, PANE E VINO e, quattro anni dopo, lo affiancano al grande Totò sperando di recuperare le atmosfere chapliniane de IL MONELLO mescolandole col Dickens di “Oliver Twist”. La speranza è quella di commuovere e far ridere amaro. Ebbene, va dato atto agli sceneggiatori Pasquale Festa Campanile, Massimo Franciosa, Diego Fabbri e Antonio Musu (pure regista) di esserci riusciti. La vicenda, benché...Leggi tutto ampiamente scontata e semplicistica, effettivamente muove a compassione; sia per la comprovata attitudine del piccolo Pablito Calvo al ruolo sia per l'estrema bravura di Totò, che in uno dei suoi personaggi più classici (il ladro morto di fame) fornisce un'altra straordinaria prova d'attore. Anche alle prese con un copione non eccelso il Principe regala momenti di autentica magia, riuscendo a far ridere in un ambito che non sembrava esattamente il più confacente (i tempi del MONELLO sono lontani...). Il film, che ovviamente cede quando Totò scompare dalla scena per lasciare temporaneamente il testimone al piccolo collega (e al redivivo Fanfulla, che nel ruolo di sfruttatore di minori non pare il massimo), ha momenti di ristagno dovuti a una regia mediocre, ma anche altri di grande umanità. Certo, chi identifica (ed è facile) TOTO’ E MARCELLINO con un’operazione buonista spudoratamente commerciale troverà facili agganci per dimostrarlo, ma raramente Totò ha avuto la possibilità di sfoderare tutto il suo talento di attore comico/drammatico. E in Memmo Carotenuto/guardia trova una spalla di rispetto.

Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
1
1!
2
2!
3
3!
4
4!
5

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione ( vale mezzo pallino)
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lovejoy 4/07/08 18:03 - 1823 commenti

I gusti di Lovejoy

Discreta pellicola che miscela abilmente il dramma con la commedia. Buona mano di Musu in cabina di regia, con un ritmo piacevole, personaggi ben delineati e interpreti bravi davanti la macchina da presa. Forse non sarà uno dei migliori del grande comico ma si segue piacevolmente.

Rambo90 2/07/10 18:05 - 7745 commenti

I gusti di Rambo90

L'idea di affiancare il divetto del momento Pablito Calvo al principe della risata poteva generare una commedia stile Il monello; qui invece si vola più basso con molti facili sentimentalismi e poco spazio alla verve di Totò. Comunque il risultato non è spregevole, il film si fa vedere e si segnala l'ottima partecipazione di Memmo Carotenuto.

Graf 12/09/13 02:17 - 708 commenti

I gusti di Graf

Avevo letto peste e corna su questo film. Invece siamo di fronte a una pellicola onesta che diverte e rincuora. Ricorda solo nel titolo lo splendido film di Ladislao Vajda ma in realtà siamo di fronte a un “lacrima movie” anticipato, immerso in un duro clima neorealista, innervato da rimandi filologici nobili come il Monello di Chaplin, imbevuto dagli umori che provengono direttamente dai drammi strazianti di Matarazzo e permeato da un degno pathos umano e cristiano. Totò risalta nella sua lucida recitazione che è sia comica che drammatica.
MEMORABILE: Schietti e gustosi i duetti tra Totò e il vigile Zefirino interpretato da un Memmo Carotenuto in stato di grazia.

Minitina80 14/04/15 09:18 - 3002 commenti

I gusti di Minitina80

Una commedia ordinaria in cui Totò riesce a far emergere anche un po' della sua vena malinconica di attore. Non ha nulla a che vedere con il film che ha reso celebre Pablito Calvo e anche il sentimentalismo in esso contenuto punta a tutt’altro registro. Forse, se fosse durato qualcosina in meno, avrebbe reso anche di più, ma è tutto sommato accettabile.

Pessoa 23/12/18 09:30 - 2476 commenti

I gusti di Pessoa

Commedia in cui le esigenze di mercato affiancano Totò al giovane Pablito Calvo. La storia spinge sul pedale del patetico che solo l'anima comica del Principe riesce a evitare. La confezione resta ordinaria ma si segnalano alcune belle location romane, urbane e agresti. Notevole l'apporto di Carotenuto, che si conferma spalla di lusso per Totò. Per una volta hanno senso anche le scene senza l'attore napoletano. Probabilmente la mano di un regista come Monicelli, che sapeva parlare ai bambini, ne avrebbe fatto un piccolo capolavoro. Discreto.
MEMORABILE: La scena finale dei fuochi d'artificio su tutte.

Smoker85 22/07/19 19:37 - 491 commenti

I gusti di Smoker85

Dall'incontro tra il Principe e l'orfanello divenuto famoso nel 1955 (sebbene in realtà il personaggio di Calvo abbia una storia diversa) nasce un film altalenante, sospeso tra la comicità di Totò, in alcuni punti anche abbastanza spassosa e l'eccessiva melanconia del piccolo Pablito, che tocca pericolose vette allorquando l'orfano viene affidato alle "cure" del perfido zio, interpretato alla perfezione da Fanfulla. Ottima anche l'interazione tra Totò e Carotenuto. Non il miglior film del Principe, ma comunque riuscito.

Siska80 20/07/20 16:53 - 4045 commenti

I gusti di Siska80

Bella l'idea accostare il bimbo prodigio al fenomenale Totò, ancora una volta in un ruolo drammatico: infatti, nonostante qualche gag iniziale, è una pena al cuore assistere alle umiliazioni che l'orfano Marcellino subisce dal perfido zio scroccone (il bravo Fanfulla). Nonostante il cast non eccelso (a parte i tre attori sopra menzionati), ne vien comunque fuori un film bellissimo che mette il dito nella piaga dei maltrattamenti e dello sfruttamento minorile in ambio familiare. Finale commovente: il Principe fa sorridere e scendere anche qualche lacrima; cosa chiedere di più?

Reeves 17/06/22 12:08 - 2408 commenti

I gusti di Reeves

Totò è quasi messo in mezzo in un film che vuole unire il lacrimoso Pablito Calvo con la comicità anarchica del grande attore napoletano. Purtroppo il mix non riesce troppo bene: è come se i due elementi non riuscissero mai a fondersi, rallentando inoltre la narrazione. E anche i comprimari, pur bravi (soprattutto Memmo Carotenuto) non riescono più di tanto a salvare il film.

Giùan 19/08/22 14:40 - 4678 commenti

I gusti di Giùan

"Episodio" spurio della Totoiade come testimoniano la presenza di regista (Musu), sceneggiatori (Franciosa e Campanile) e coprotagonista (Calvo) non delle sue abituali "scuderie". Anche questo contribuisce a farne un film strascicato e sottotono in cui la storia si consuma quasi controvoglia. Calvo e il Principe son bravi ma il loro incontro è un addizione che non porta ad alcuna nuova somma di comico più patetico. Le musiche di Rustichelli ulcerano vieppiù la grigia atmosfera di questa garbata e nulla più telenovela antelitteram che ha poco di dickensiano. Bravo zio Fanfulla.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Spazio vuotoLocandina Il prezzo della gloriaSpazio vuotoLocandina Fermata d'autobusSpazio vuotoLocandina Quel lupo mannaro di mio maritoSpazio vuotoLocandina Mi gioco la moglie... a Las Vegas
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Discussione Reeves • 17/06/22 11:55
    Formatore stagisti - 722 interventi
    Aiuto regista del film é Giorgio Arlorio, poi sceneggiatore di successo.