LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

La dura vita da minatori durante gli ultimi mesi di scavo per il traforo del Monte Bianco. Siamo a inizio Sessanta, al juke box suonano "La terza luna" di Sedaka e l'amore twist della Pavone, ma le giornate di chi lavora per buona parte del suo tempo al buio (senza sole né luna, appunto) non riflettono proprio la stessa voglia di spensieratezza. Giovani di ogni parte d'Italia si ritrovano a condividere i drammi di chi sa come la propria salute sia costantemente a rischio (la silicosi incombe) e la morte una compagna non così lontana. Il film di Luciano Ricci prova a raccontare il loro quotidiano individuando alcuni personaggi che si divideranno il set incrociandosi in galleria, nelle baracche costruite appena...Leggi tutto fuori dall'ingresso del tunnel, nei paesi vicini per qualche raro momento di svago... Chi compare di più è inizialmente la coppia Ivo Garrani/Giancarlo Sbragia: il primo è il valente caposquadra, il secondo uno dei tanti malati di silicosi costantemente indecisi se continuare a rischiare l'aggravarsi della malattia o mollare. Hanno un figlio in comune, nato da una donna ormai defunta che non ha mai detto chi dei due ne fosse il vero padre. Vanno d'accordo, ma sarà Sbragia a restare di più sul set guadagnandosi il ruolo di protagonista, considerando la precoce uscita di scena di Garrani. Chi invece sta sulle prime in disparte per guadagnare progressivamente spazio è Massimo Tonna: nel ruolo del bel manovale del Sud, s'innamora di una bella ragazza del posto (Vergano) decidendo di chiudere con la fidanzata del suo paese d'origine, il cui fratello parte presto in missione punitiva. Una storia d'amore tradizonale che non dice poi molto, così come ancora meno offre un Lando Buzzanca in posizione estremamente defilata, che condivide il suo segmento con Franco Giacobini mostrando un dinamismo e una guasconeria sconosciuti agli altri personaggi, che sembran tutti usciti da qualche film neorealista (soprattutto un Umberto Raho con moglie e figli a carico). Lando è più incline agli scherzi, sfoggia un dialetto spesso semi-incomprensibile, come gli altri sogna di mettere qualche soldo da parte per poi fuggire quanto prima, proprio come l'amico calabrese che sposato a una ragazza che lavora a Torino come baby-sitter evidenzia una timidezza e una compita educazione che meglio di altri personaggi comunica un mondo ormai lontanissimo dal nostro. Non succede granché, durante il film, ma l'insolito ambiente, il meritevole riferimento a un momento importante della nostra storia (quello del congiungimento sotto il tunnel degli operai italiani con quelli francesi che scavavano in direzione opposta), la semplicità dei sentimenti impediscono si possano poi criticare troppo alcune scelte stilistiche o di sceneggiatura. In fondo i piccoli drammi privati fungono da pretesto utile a raccontare cosa accadesse allora in quello strano mondo, senza sole né luna. Aiutato da un parco attori senza nomi particolarmente di spicco (Buzzanca al tempo non era certo ancora un divo), il film si avvale di una fotografia non eccezionale ma d'effetto nel suo elegante bianco e nero. Peccato non sia proprio facile rendere interessanti i diversi microepisodi...
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 30/05/20 DAL BENEMERITO B. LEGNANI POI DAVINOTTATO IL GIORNO 4/07/20
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 30/05/20 14:25 - 4689 commenti

I gusti di B. Legnani

Vicende di minatori al lavoro al traforo del Monte Bianco. Retorico oltre il giusto, inverosimile in alcune situazioni, talora illogico nel montaggio, si salva parzialmente per alcune interpretazioni, su tutte quelle di Sbragia e di Garrani, che forniscono al film un motivo di visione. Buzzanca fa il galletto, la Stanic ha più di un perché, la Solinas è carina come sempre, Raho e Giacobini corretti. Più che come film in sé, vale come testimonianza di un sacrificio possente, dato che narra anche situazioni realmente accadute, come le valanghe che si abbatterono sulle casette dei minatori.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.