RX-M destinazione Luna

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Rocketship X-M
Anno: 1950
Genere: fantascienza (bianco e nero)
Note: Aka "RXM destinazione Luna".
Numero commenti presenti: 7
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/08/06 DAL BENEMERITO R.F.E.
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

R.f.e. 30/06/09 09:56 - 817 commenti

I gusti di R.f.e.

Agli albori del 1950 ci fu una sorta di gara a chi arrivava primo fra R X-M e Uomini sulla luna. Vinse la contesa questo filmetto, ma solo perché più miserello della pellicola di Pal, la quale, sebbene le riprese fossero iniziate PRIMA di quelle del presente film, essendo più costosa e laboriosa, venne distribuita dopo. R X-M sembra quasi un film girato prima degli anni '50, magari un vecchio "serial" Republic del decennio precedente, ha insomma un look decisamente retrò. Un reperto di antiquariato (o di modernariato, se preferite) e nulla più.

Pigro 14/11/10 10:51 - 7789 commenti

I gusti di Pigro

Non ci sono solo inevitabili (e ridicole) ingenuità scientifiche, ma soprattutto evitabili ingenuità di sceneggiatura, soprattutto negli spaventosi sbilanciamenti narrativi, con un'insulsa prima parte del viaggio verso la Luna a cui segue una più eccitante ma poco approfondita seconda parte di atterraggio su Marte (per un errore di rotta) in cui si scopre un lontano disastro nucleare che richiama il pericolo sulla Terra. Così, avventura, attualità, denuncia e sentimentalismo si mescolano incongruamente, affossati da abbondanti banalità.

Megatone 11/08/10 08:49 - 56 commenti

I gusti di Megatone

Nonostante il titolo ricordi Destination Moon e ne condivida la stessa trama, RX-M (Rocketship Expedition Moon) è meno scientifico nell'approccio concedendo più spazio all'avventura e alla fantasia. Gli intrepidi astronauti viaggiano in camicia e cravatta, hanno problemi di miscela (astronave Garelli o Ciao?) e guardano la Luna da un oblò. Ingenuità e innocenza, budget risicato e sense of wonder, RX-M è nostalgia canaglia. Colpisce un finale inaspettato contrario alle regole della sci-fi degli anni a venire.

Myvincent 5/01/12 21:47 - 2553 commenti

I gusti di Myvincent

Kurt Neumann, regista di b-movies, confeziona un film di fantascienza "preistorico", in cui una spedizione con destinazione Luna finisce su Marte e affronta le insidie del pianeta rosso. La nostalgia per quel periodo in bianco e nero (e filtri rossi in questo caso) fa dimenticare la scarsità dei mezzi, mentre un finale inusualmente tragico aggiunge un pizzico di tristezza all'operazione.

Daniela 16/08/19 01:50 - 9401 commenti

I gusti di Daniela

Mettono di buonumore le prime sequenze, con questi astronauti che si imbarcano per la Luna in giacca e cravatta. Poi succede un pasticcio e la gita fuori porta sull'astro d'argento si trasforma nel più impegnativo viaggio verso il pianeta rosso, non prima che Bridges abbia sfruttato il fascino lunare per corteggiare l'unica femmina a bordo. Segue esplorazione di Marte, noiosa ma con risvolti ammonitori in chiave pacifista. Fantascienza d'antiquariato, risibile per eccesso di ingenuità e faciloneria, ma riscattata dal finale inaspettatamente tragico all'insegna del più sfrenato romanticismo.
MEMORABILE: Fuori rotta, persi nello spazio: "Dobbiamo tornare indietro all'ultimo incrocio!"; L'abbraccio nell'epilogo (bello)

Rufus68 7/02/20 23:04 - 3087 commenti

I gusti di Rufus68

Prima parte barbosissima, colle sue ingenuità (la signorina a bordo, l'annuncio della partenza a un po' di giornalisti manco fosse una gita fuori porta di qualche vacanziero). Una seconda parte marziana più viva, scabra e pessimista, gravida com'è d'un messaggio di pace (si era a soli cinque anni da Hiroshima). Finale con guizzo positivista, ma sempre plumbeo; rara avis nel panorama ottimistico delle utopie sui viaggi interplanetari. Film bifronte, non riuscito, ma con irrequieti barbagli profetici.

Digital 28/06/20 11:12 - 1120 commenti

I gusti di Digital

Sarebbe facile snocciolare tutte le ingenuità presenti in questa pellicola, ma il film di Neumann riesce comunque a farsi vedere amabilmente, senza annoiare (anche grazie all’esigua durata). La prima parte è quella che convince di meno, con un profluvio di dialoghi e un’azione ridotta ai minimi termini; va meglio nella seconda, quando i nostri sbarcano su Marte. Da rimarcare il finale tutt’altro che consolatorio.  
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo R.f.e. • 10/06/09 14:44
    Call center Davinotti - 854 interventi
    Uscito in dvd per la 20th Century Fox, a un prezzo in verità piuttosto alto, € 26,99 (anche se in genere si può trovare scontato almeno a € 19,99).
    Ultima modifica: 10/06/09 23:31 da R.f.e.
  • Homevideo Digital • 24/06/16 14:21
    Segretario - 3036 interventi
    Dvd Sinister disponibile dal 20/09/2016 (trattasi di ristampa).
  • Homevideo Xtron • 24/05/18 21:46
    Servizio caffè - 1831 interventi
    Il dvd SINISTER

    Audio italiano (molto disturbato) e inglese
    Sottotitoli in italiano
    Formato video 4/3
    Durata 1h14m31s
    Extra: Trailer

    immagine a 51:03

    Ultima modifica: 25/05/18 07:56 da Zender