Riflessi in uno specchio scuro

Media utenti
Titolo originale: The offence
Anno: 1973
Genere: drammatico (colore)
Note: Tratto dall'opera teatrale "The story of yours" di John Opkins.
Numero commenti presenti: 22

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 14/06/08 DAL BENEMERITO HOMESICK
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 14/06/08 08:31 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Cupo e verboso dramma poliziesco di origine teatrale in cui tornano alcune tematiche del capolavoro La parola ai giurati (la predilezione per i luoghi chiusi e la convinzione di colpevolezza dell’accusato). L’essenza risiede tutta nel climax di tensione psicologica – che tocca l’apice in un paio di scene di cruda violenza – tra Connery, tormentato e irrazionale sergente, e Bannen, l’innocente indiziato: entrambi offrono un’eccellente prova, soprattutto il primo, che esce dai suoi soliti ruoli di eroe positivo.
MEMORABILE: L’angosciante flashback introduttivo. L’indiziato che psicanalizza il poliziotto.

Enzus79 24/02/10 08:24 - 1761 commenti

I gusti di Enzus79

Poliziesco drammatico con un grande Sean Connery. Poliziotto rancoroso nei confronti di un possibile stupratore di bambine lo ammazza in un interrogatorio: saliranno a galla tutti i rimorsi. I dialoghi la fanno da padrone, cancellando (almeno in parte) l'azione. Belle le scene con Connery e la moglie, ed ovviamente l'interrogatorio.

Giuliam 24/02/10 14:08 - 178 commenti

I gusti di Giuliam

Abbastanza noiosa la prima parte, con ritmo freddo e lento, pochi dialoghi e poche cose da considerare come la facilità che ha avuto Sean Connery di essersi adattato immediamente ad un ruolo davvero difficile da interpretare. La seconda parte è di una straordinaria teatralità. Tre lunghissime scene di solo parlato, da cui scaturisce il significato del film.

Rickblaine 24/02/10 16:02 - 635 commenti

I gusti di Rickblaine

Un grandioso Sean Connery in un film del maestro Sidney Lumet. Una storia angosciante e polemica. Un clima surreale accompagna la parte iniziale, lenta e silente fino a sfociare in una rabbia incontrollabile dello stesso protagonista. Belle le singole inquadrature, tutte con una chiave di lettura significativa per la l'intera pellicola. Ottimo il cast.
MEMORABILE: L'interrogatorio con il presunto pedofilo.

Capannelle 20/04/11 16:36 - 3702 commenti

I gusti di Capannelle

Un bel pezzo di bravura da parte di Lumet che dà i giusti contorni ad una storia tutto sommato classica. Fotografia cupa e una latente atmosfera di disperazione introducono a un percorso che porta in superficie le nevrosi di un uomo. Percorso che Lumet esplora con classicità e ruvida essenzialità, magari un po' compassato a metà film ma con grande efficacia.

Cotola 2/06/11 20:16 - 7459 commenti

I gusti di Cotola

Miscuglio, non perfettamente riuscito, tra dramma e poliziesco che si ricorda soprattutto per i toni cupi e per il disperato personaggio principale, interpretato da un bravissimo Sean Connery. Il ritmo è dilatato e la sceneggiatura è oggettivamente molto verbosa (d'altronde è tratta da un testo teatrale). Tuttavia l'interesse non manca poiché non è perfettamente chiaro quanto è accaduto o meglio non lo è del tutto nè lo sono le sue ragioni. La soluzione non colpisce ma almeno è onesta e lineare.

Pigro 19/06/11 10:58 - 7733 commenti

I gusti di Pigro

Cosa si agita negli occhi e nella memoria di un poliziotto? Una storia inquietante e cupa, come la fotografia e come il protagonista: un sergente assediato dalle immagini dei delitti e, forse, dallo stesso sguardo criminale che vorrebbe punire, magari uccidendo un presunto pedofilo durante l'interrogatorio. Film riflessivo e "sporco", che esalta i tre notevoli dialoghi dell'eccellente Connery con la moglie, con l'ispettore e con la sua vittima: affondi nella psiche dove nulla ha più certezza ed è solo buio e dolore. Magistrale.

Hackett 10/07/12 11:15 - 1721 commenti

I gusti di Hackett

L'accoppiata Lumet/Connery dà vita a un film che non ti aspetti. Teso, vibrante a tratti difficile da sostenere per la carica ossessiva che contiene. La pellicola si discosta ben presto dalla trama principale e devia negli oscuri luoghi del personaggio di Connery, esaurito poliziotto con troppi pesi da portare dentro. Insolito Connery, che volle fortemente il film.

Daniela 24/05/13 07:49 - 9226 commenti

I gusti di Daniela

Tenente di polizia pesta a sangue un uomo per costringerlo a confessare di essere l'autore della serie di stupri di cui sono state vittime alcune bambine... A parte il prologo descrittivo, Lumet imbadisce un film che non rinnega la sua origine teatrale, articolato per blocchi di dialoghi che mettono in luce la psiche sconvolta del protagonista: un uomo frustrato da un matrimonio malriuscito e soprattutto incapace di non farsi permeare dal male che quotidianamente deve affrontare. Certo verboso, ma ben interpretato, da rivalutare.
MEMORABILE: "Quello che posso aver fatto io non è nulla rispetto a quello che tu puoi immaginare"

Gianleo67 30/05/13 17:55 - 30 commenti

I gusti di Gianleo67

Un'atmosfera cupa, ossessiva, percorsa da una strisciante paranoia, segna questa incursione di Lumet nei meccanismi disturbanti di un dramma psicologico sotto le mentite spoglie di un anomalo poliziesco nel solco di una più consolidata tradizione del cinema britannico. Genera una dialettica della paranoia fondata sulla studiata sovrapposizione di un montaggio che alterna i blocchi di tre scene fondamentali quali altrettanti atti di uno psicodramma da camera. Titolo italiano tanto elegante quanto genericamente evocativo.
MEMORABILE: Le immagini, trasfigurate nella mente del protagonista, di una morbosa attenzione verso la piccola vittima che ha soccorso e salvato.

Didda23 13/07/15 09:39 - 2282 commenti

I gusti di Didda23

Lumet è bravissimo non tanto nella stupefacente direzione attoriale, quanto nel movimentare la staticità dell'impianto tetrale con schegge oniriche davvero impressionanti. Connery, sorprendente, dà vita a un personaggio memorabile ricco di sfumature davvero intriganti. L'opera si basa fondamentalmente su tre momenti topici (l'interrogatorio, la relazione con la moglie, il faccia a faccia con il capo) impreziositi da dialoghi serrati. Senza dubbio una piacevolissima contaminazione fra poliziesco e drammatico. Ottima l'atmosfera paranoica.
MEMORABILE: Connery che umilia la moglie con frasi di una crudeltà incredibile.

Deepred89 18/08/15 03:24 - 3272 commenti

I gusti di Deepred89

Un'impostazione troppo schematica e un ritmo di una lentezza non sempre giustificata non smorzano il clima opprimente di un dramma (con tinte gialle iniziali tutto sommato fuorvianti) ossessivo e morbosissimo, dall'atmosfera plumbea e desolata (siamo in una grigissima Inghilterra periferica), con un Connery che manda gloriosamente in frantumi la sua macchietta carismatica diventando protagonista attivo di crudeli umiliazioni, incubi a occhi aperti e pestaggi sorprendentemente insistiti. Imprescindibile apporto di Locchi nell'edizione italiana.

Aborym 19/11/16 23:43 - 28 commenti

I gusti di Aborym

Thriller psicologico con protagonista un poliziotto violento e mentalmente devastato, impegnato nella caccia a uno stupratore pedofilo. Le atmosfere sono gelide, le situazioni squallide, i personaggi desolati. Il regista Sidney Lumet punta tutte le carte sulla recitazione degli attori, i quali offrono buone quando non ottime performance (Sean Connery, ma soprattutto Ian Bannen e Trevor Howard) e firma uno dei suoi lavori più interessanti e sicuramente più sottovalutati.

Myvincent 10/05/16 12:04 - 2525 commenti

I gusti di Myvincent

Ottima prova attoriale per Sean Connery, qui al di fuori dei suoi stereotipi di eroe sexy e irraggiungibile. La storia ha agganci psicologici molto profondi con l'animo di chi vive le frustrazioni e le incapacità, in una maniera assoluta e senza via di scampo alcuna. Un viaggio nelle tenebre umane, in sintesi, con qualche lungaggine e rallentamento di troppo che fa perdere complessivamente appeal al racconto.

Rambo90 25/06/16 16:46 - 6318 commenti

I gusti di Rambo90

Viaggio nella psiche di un poliziotto al limite, condotto con lentezza ma professionalità da Lumet, strutturato in tre dialoghi chiave, gli ultimi due dei quali particolarmente eccellenti. Connery rende al meglio il suo personaggio e tiene lo spettatore attento anche nei punti più morti, Bannen e Howard gli fanno bene da spalla. Non c'è molto da dire sulla trama, che non fa altro che seguire il personaggio nel suo tormento, fino a un finale prevedibile. Particolarmente cupa la fotografia, così come le fredde scenografie.

Giùan 23/07/16 22:08 - 2934 commenti

I gusti di Giùan

C'è gran sostanza nel cinema di Lumet, la cui potenza espressiva però è spesso inficiata dall'impianto teatrale e da una progressione troppo cronometrica. In The offence questa tediosità narrativa è sì presente ma come sostrato generale dell'opera, contrappunto ideale allo scandaglio di una mente distorta, analizzata con ponderosa ambiguità. Geniale la soluzione dell'incipit riproposto 4 volte fino al disvelamento finale e fantastico Connery nel restituire il parossismo dissociato del suo personaggio. Eccessivi i colloqui con la moglie e il tenente.
MEMORABILE: Il ribaltamento di personalità tra Connery e Bannen durante l'interrogatorio.

Paulaster 6/12/16 10:48 - 2731 commenti

I gusti di Paulaster

Nel caso della ricerca di un pedofilo il sergente lotta per scoprirlo, per farlo confessare e per tenere a bada la sua mente ossessionata. L'impianto a sezioni non giova alla parte thriller in quanto rimane compassato e manca di fluidità. Nei singoli momenti si apprezza il preambolo, Connery in preda ad allucinazioni e la crudeltà verso la moglie (al limite del disturbante). Lumet per gran parte gira piatto, ma per sottolineare la deriva del poliziotto rende bene l'idea tanto da far aspettare qualsiasi cosa.
MEMORABILE: L'inquadratura dall'alto della luce, simbolo delle visioni di Connery.

Almicione 20/04/17 01:54 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Gli omicidi, le atrocità, le ingiustizie viste e quindi vissute si accatastano nella mente del sergente Johnson affetto da turbe e disagi psichici, scatenatisi per avere retto lungo oltre vent'anni l'orrore quotidiano - come direbbe Dylan Dog. Il tormento si converte in rabbia contro i colleghi, contro la moglie ma soprattutto contro chi ha sbagliato, emblema di una dissoluzione interiore condivisa però inconfessata perché inconfessabile, celata dalla comune e anche personale esecrazione. Buoni spunti stilistici per questo film acre e bastardo.
MEMORABILE: I cerchi bianchi che ricorrono nella pellicola accompagnati dallo slow motion.

Rigoletto 22/02/19 11:05 - 1504 commenti

I gusti di Rigoletto

Cupo e deprimente (ma non in senso negativo) nel suo sondare gli abissi della psiche e i rapporti vittima-carnefice-vittima; in questa centrifuga emotiva l'incauto spettatore troverà più di un motivo per dubitare dei protagonisti. Lumet realizza un film compatto, che trova interpreti ideali in un iracondo Connery e in un Bannen capace di dare più volte scacco matto. Dialoghi ben realizzati immersi in un'atmosfera di dramma collettivo perenne.
MEMORABILE: Praticamente tutte le scene nelle quali Connery duetta con la Merchant, Howard e Bannen.

Rocchiola 2/05/18 14:22 - 857 commenti

I gusti di Rocchiola

Lumet in trasferta inglese firma un poliziesco dolente con un Connery poliziotto disturbato che è l’antitesi dell’Agente 007. Se si esclude qualche breve excursus in esterni a caccia del molestatore di bambine e la confessione notturna con la moglie, il resto del film è totalmente incentrato sul claustrofobico interrogatorio al presunto colpevole, nel quale è quasi l’indiziato a far confessare il poliziotto che in una specie di seduta psicanalitica rivela i suoi lati oscuri. Teatrale, verboso e cupo, andò incontro a un immeritato insuccesso.
MEMORABILE: Il dialogo tra Connery e la Merchant; L’interrogatorio di Trevor Howard a Connery; Il pestaggio dell'indiziato.

Nicola81 25/03/19 13:09 - 1925 commenti

I gusti di Nicola81

Sergente di polizia si trova di fronte un sospetto violentatore seriale di ragazzine: esplodono la rabbia e la frustrazione accumulate in vent'anni di carriera e in un matrimonio infelice. Film tra i meno acclamati di Lumet, ma non per questo da sottovalutare, che dopo una partenza aderente ai canoni del thriller poliziesco si trasforma in un dramma che tradisce la sua matrice teatrale. Lento, claustrofobico, a tratti anche disturbante, ma ottimamente interpretato, soprattutto da un Sean Connery lontanissimo dai ruoli che lo hanno reso celebre.

Keyser3 9/05/20 23:29 - 103 commenti

I gusti di Keyser3

Non fra i più famosi lavori di Lumet, è un film cupo, teso, difficile. L'impressione è che sarebbe potuto essere un capolavoro, se non soffrisse di discontinuità: preparatoria, eccessivamente lenta la prima parte, splendido il finale con la riproposizione integrale dell'interrogatorio. Connery bravo in un ruolo negativo, schiavo dei suoi demoni; Ian Bannen (che beneficia del doppiaggio dell'ottimo Graziani) bravissimo, attore spesso sottovalutato.
MEMORABILE: Il flusso di coscienza di Johnson, in cui riemergono le vittime del passato.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Daniela • 15/07/15 12:46
    Consigliere massimo - 5072 interventi
    Caesars ebbe a dire:
    Già, sicuramente uno dei Lumet meno noti anche perchè di non semplice reperibiltà. Personalmente non l'ho mai visto, ma mi piacerebbe assai colmare questa mia lacuna.

    Si, difficile da reperire... Io l'ho visto solo un paio di anni fa, ne avevo sentito parlare ovviamente ma come opera minore, invece non solo l'ho trovato apprezzabile ma è pure cresciuto nel ricordo.
    Credo che uno dei motivi, se non il principale, per cui è diventato un film quasi "desaparecido" sia legato al ruolo interpretato da Sean Connery: non si tratta di uno poliziotto tosto, magari violento ma comunque retto e tutto d'un pezzo, quanto di una personalità disturbata, con molte zone d'ombra. Nel confronto fra il presunto pedofilo assassino, sembra lui quello che ha più problemi. Certo Connery in carriera ha anche interpretato ruoli negativi, perfino da assassino avido e calcolatore (non faccio l'esempio per non spoilerare), ma, per quanto ricordi, questo nel film di Lumet è il personaggio più "sporco" e compromesso, moralmente ambiguo, e poco si accorda col resto della sua filmografia.

    Se non riesci a reperirlo, fatti dare da Zender la mia email, vedo cosa possa fare :o)
    Ultima modifica: 15/07/15 12:55 da Daniela
  • Discussione Buiomega71 • 15/07/15 17:15
    Pianificazione e progetti - 21765 interventi
    Caesars ebbe a dire:
    Già, sicuramente uno dei Lumet meno noti anche perchè di non semplice reperibiltà. Personalmente non l'ho mai visto, ma mi piacerebbe assai colmare questa mia lacuna.

    Io ho la vhs della Warner, consigliatissimo Caesars, credo proprio che non ti deluderà. E forse il capolavoro di Lumet (per quanto mi riguarda)

    Ha qualcosa anche del Passo dell'assassino di Hayers (altro mio personal cult), vuoi per le bimbe uccise , vuoi per il pedofilo assassino sospettato, vuoi per l'atmosfera zozza e malsana che si respira per tutto il film.
    Ultima modifica: 15/07/15 17:16 da Buiomega71
  • Discussione Digital • 15/07/15 17:29
    Segretario - 3026 interventi
    Cavolacci, mi avete fatto venir voglia di guardarlo! Anche se il pericolo tedio è in agguato.. :-D
  • Discussione Didda23 • 15/07/15 19:33
    Comunicazione esterna - 5712 interventi
    Se l'impianto teatrale tendenzialmente ti piace non dovresti aver alcun problema...
  • Discussione Digital • 15/07/15 19:39
    Segretario - 3026 interventi
    Didda23 ebbe a dire:
    Se l'impianto teatrale tendenzialmente ti piace non dovresti aver alcun problema...
    Tendenzialmente lo detesto (a parte rare eccezioni tipo La casa dal tappeto giallo). Mah, comunque provo a concedergli una chance.
  • Discussione Buiomega71 • 15/07/15 20:29
    Pianificazione e progetti - 21765 interventi
    Digital ebbe a dire:
    Didda23 ebbe a dire:
    Se l'impianto teatrale tendenzialmente ti piace non dovresti aver alcun problema...
    Tendenzialmente lo detesto (a parte rare eccezioni tipo La casa dal tappeto giallo). Mah, comunque provo a concedergli una chance.


    Digital, son quasi sicuro che ti piacerà ;)
  • Discussione Caesars • 16/07/15 15:47
    Scrivano - 10501 interventi
    Grazie Daniela, per la gentile offerta. Vedo se riesco a reperirlo altrimenti chiedo a Zender e mi faccio vivo (magari dopo le ferie di agosto).
  • Discussione Caesars • 17/07/15 08:48
    Scrivano - 10501 interventi
    Daniela, sono riuscito a procurarmelo. Comunque, ancora grazie.
  • Discussione Daniela • 17/07/15 08:53
    Consigliere massimo - 5072 interventi
    Caesars ebbe a dire:
    Daniela, sono riuscito a procurarmelo. Comunque, ancora grazie.

    Ok e alla prossima :o)
    PS: buona visione!
  • Homevideo Rocchiola • 2/05/18 14:42
    Call center Davinotti - 1124 interventi
    Il DVD della MGM recante anche nella versione italiana il titolo originale "The Offence", è ormai fuori catalogo ma con un po' di fortuna lo si può ancora trovare in qualche videoteca ben fornita ed è comunque disponibile via Internet su Amazon ed altri siti analoghi.
    In merito alla qualità bisogna dire che l'immagine presenta in alcune sequenze un livello di definizione scadente (soprattutto quelle in esterno, mentre è meglio nei primi piani ed in alcune scene in interno) e l'audio italiano mono che in alcuni passaggi sembra fuori sincrono.
    Se si ha padronanza della lingua inglese meglio il Bluray americano della Kino Lorber o quello inglese della Eureka serie "Masters Of Cinema" (che però presenta un immagine lievemente più scura).

    http://www.dvdbeaver.com/film5/blu-ray_reviews_66/the_offence_blu-ray.htm
    Ultima modifica: 2/05/18 14:45 da Rocchiola