Nell'erba alta

Media utenti
Titolo originale: In the Tall Grass
Anno: 2019
Genere: horror (colore)
Note: Produzione Netflix tratta da un racconto di Stephen King e Joe Hill.
Numero commenti presenti: 9

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/10/19 DAL BENEMERITO RAMBO90
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il ferrini 7/10/19 00:08 - 1661 commenti

I gusti di Il ferrini

Visivamente funziona, soprattutto se si tiene conto che è nato per schermi piccoli. Pur essendo ambientato tutto in esterni riesce infatti a trasmettere una palpabile sensazione di claustrofobia; del resto quando si tratta di rimanere intrappolati dentro qualcosa Natali è un maestro. Punto debole sono invece i personaggi, davvero poco profondi per essere interessanti e ancor meno per suscitare empatia; peccato perché nonostante sia un prodotto che intrattiene, alla fine si ha l'impressione che l'idea si potesse sfruttare meglio.

Pesten 20/10/19 21:13 - 632 commenti

I gusti di Pesten

Tratto da un racconto breve di King. Quello che sembra partire come un film forse fin troppo classico, dopo qualche minuto si rivela più interessante del previsto. Gli eventi improvvisamente prendono una piega strana grazie a una serie di sbalzi temporali che si sovrappongono e donano una sorta di follia al tutto. Col tempo si aggiungono anche violenza, richiami sci-fi (immancabili in King), follia religiosa. Verso il finale magari si perde un po', ma nel complesso non è male.

Rambo90 5/10/19 01:43 - 6316 commenti

I gusti di Rambo90

Da un racconto breve ma inquietante di King e Hill, un film che allunga a dismisura il poco testo originale fino a farlo diventare ripetitivo e noioso. Ciò che raggela viene direttamente dalla pagina scritta, mentre tutto quello che è in più è superfluo o ridondante, fino a una conclusione troppo conciliatoria. Cast insignificante, compreso un Wilson invasato che sfiora il ridicolo e campo sterminato d'erba per lo più digitale che non può far paura, anzi annebbia solo la vista. Peccato perché con una maggiore aderenza poteva essere un gioiello.

Galbo 5/10/19 07:32 - 11343 commenti

I gusti di Galbo

Mentre guidano verso la California, due fratelli, Becky e Carl, si addentrano in un campo del Kansas, attirati da una richiesta di aiuto. Tratto da King, il film di Natali è un horror che funziona nel ricreare atmosfere cupe ed angosciose legate ad un luogo apparentemente idillico e in realtà minaccioso e terrorizzante, ma è più riuscito nella prima parte rispetto alla seconda, in cui appare più convenzionale con la storia maggiormente “tirata per le lunghe”. Ottima la prova di Patrick Wilson. Buono il doppiaggio italiano.

Herrkinski 6/10/19 03:42 - 5023 commenti

I gusti di Herrkinski

Ennesima trasposizione da un racconto di King (e Hill), è un horror soprannaturale che flirta con risvolti sci-fi; se l'atmosfera e l'ambientazione rimandano principalmente a Grano rosso sangue, l'orrore qui è meno evidente (poco anche il sangue) e si gioca a confondere lo spettatore in una sorta di caleidoscopio spazio/tempo in parte già visto e comunque abbastanza tedioso dopo metà film, data anche la mono-location. Il cast abbastanza anonimo e la fotografia plumbea tipica degli horror moderni non aiutano; qualche discreta intuizione visiva.

Daniela 8/10/19 22:02 - 9202 commenti

I gusti di Daniela

In viaggio verso San Diego, una donna incinta e il fratello sentono delle voci che chiedono aiuto provenire da un campo di erba alta... Lo spunto è quello del racconto scritto da King & figlio, ma lo svolgimento se ne discosta, nel tentativo di rendere più sostanzioso il plot. Tentativo poco fruttuoso perché la trama, a forza di innesti, diventa confusa e ripetitiva. Qualche sequenza riuscita c'è, ma Natali ha diretto cose più visivamente più intriganti ed anche il paragone inevitabile con l'altra pellicola "agreste" tratta da King risulta nel complesso perdente.

Pinhead80 15/10/19 11:22 - 3884 commenti

I gusti di Pinhead80

Fratello e sorella incinta si fermano con l'auto nei pressi di una chiesa. Dal campo adiacente sentiranno la voce di un bambino che si è perso e da lì sarà l'inizio di un incubo. I racconti di Stephen King hanno sempre un fascino incredibile sulla carta stampata, ma purtroppo troppo spesso non hanno la stessa resa sul piccolo/grande schermo. La protagonista femminile è alquanto odiosa, mentre gli uomini fanno a dovere la loro parte. Forse c'era troppo poco per fare della storia un lungometraggio e la pellicola alla lunga ne risente.

Taxius 16/12/19 19:51 - 1643 commenti

I gusti di Taxius

Tratto da un racconto breve di Stephen King, il film parla di un infinito campo di grano che attira su di sé sventurati viandanti imprigionandoli come se fossero all'interno di un labirinto senza via di uscita. La trama è abbastanza interessante e gioca molto sull'effetto claustrofobico del campo di grano e sul fascino dei paradossi temporali. Purtroppo i personaggi sono poco convincenti e pure la stessa star del film, ovvero Patrick Wilson (che ormai questi film se li fa tutti), appare poco convinta. Nulla di memorabile ma comunque non male.

Gestarsh99 14/02/20 16:30 - 1314 commenti

I gusti di Gestarsh99

Per Natali, al di là del Rubikone c'è un grande prato verde dove nascono devianze kinghiane. Diversamente dal "cubolavoro" anni '90, l'irrazionalità dei prolegomeni si estende a tutto il narrato, confermando che il loop perde il pelo ma non il circolo vizioso. Il regista la fa semplice mettendoci dentro quasi algoritmicamente un po' di ricorsività alla Mandelbrot, un tot di sovrapposizione in multiverso, due spicchi di Kubrick (il labirinto di Shining, il monolito di 2001), erbette alla Shyamalan e la solita manica larga di Netflix sulla bassa fiscalità nelle rifiniture logico-contenutistiche.
MEMORABILE: Il pietrone a centrocampo.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Daniela • 8/10/19 21:49
    Consigliere massimo - 5066 interventi
    Il coautore del racconto da cui è tratto il film è Joe Hill, pseudonimo di Joseph Hillstrom King, scrittore e fumettista figlio di Stephen King.
  • Curiosità Siska80 • 16/02/20 12:40
    Servizio caffè - 299 interventi
    Il regista è Vincenzo Natali che divenne famoso dopo aver diretto Cube. Comq qui, anche in Cube l’ambiente presentato era claustrofobico e le persone chiuse all’interno avevano un solo obiettivo: quello di cercare di sopravvivere, in qualche modo. Oltre a sedersi sulla sedia da regista, Vincenzo Natali ha firmato anche la sceneggiatura del film.

    Fonte: https://popcorntv.it/cinema/nellerba-alta-trama-cast-curiosita-sul-film-netflix/64741