Narciso nero

Media utenti
Titolo originale: Black narcissus
Anno: 1946
Genere: drammatico (colore)
Numero commenti presenti: 11

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 27/04/07 DAL BENEMERITO IL GOBBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 27/04/07 11:00 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Gruppo di suore apre un monastero in Tibet, ma tra difficoltà ambientali, diffidenza o ostilità degli indigeni e tensioni interne, si va male... Drammone a tinte esagerate del duo Powell-Pressburger, poeti dell'immagine e portabandiera del cinema larger than life. Passioni devastanti, ricerca pittorica da lasciare a bocca aperta (Oscar a Jack Cardiff per la fotografia), spettacolare ricostruzione (tutta in studio!) di un Tibet misterioso. Invecchiato, ma ancora affascinante.

Maineng 31/07/08 23:43 - 100 commenti

I gusti di Maineng

Un film piacevole da guardare, con una Deborah Kerr a colori. Certo non dev'essere stato facile per i registi dirigere una pellicola con delle suore come protagoniste, stando attenti a non turbare i sentimenti religiosi dei cattolici. Le religiose viste dal lato prettamente umano, con problemi, desideri e passioni. L'incontro fra culture fa da pilastro intorno al quale ruotano gli eventi della scuola diretta dalle suore. Un finale quasi scontato visto la piega che prendono gli eventi. Qualcuna può uscire di senno non potendo avere l'amore di un uomo!
MEMORABILE: Il giovane nobile indiano con la superiora: "Io mi interesso molto di Gesù Cristo". "Noi non siamo abituate a parlarne in modo così leggero".

R.f.e. 18/06/09 18:04 - 817 commenti

I gusti di R.f.e.

La contrapposizione fra l’arroganza delle suore e la pagana spontaneità dei nativi, fra la repressione sessuale autoimpostisi dalle religiose e la sensualità «naturale», libera da condizionamenti legati al concetto di peccato, di Kanchi e del giovane generale, è evidenziata da un’atmosfera pesante, torrida, visi imperlati di sudore, inquadrature studiatissime e splendidamente fotografate. Alla fine è l’ambiente ostile a vincere (i monti maestosi, il clima: quindi la Natura, incontaminata, non «convertita», né addomesticata). Capolavoro.

Rebis 18/12/10 12:19 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Esistono dimore, scrive Shirley Jackson, capaci di scoperchiare, come un vaso di Pandora, l'inconscio dei suoi abitatori... Nella Casa delle Donne, sulle cime dell'Himalaya, dove una missione di suore istituisce una scuola e un ospedale, il vento non smette mai di soffiare, i ricordi riaffiorano, la bellezza si dischiude e la Natura ricostituisce le sue regole. Immerso in un'atmosfera pazzesca, visivamente lussureggiante, è un melodramma afoso e invasato, che prende intensamente corpo e splendore ad ogni rinnovata visione. Deborah Kerr riverbera dissidio e dedizione. Stupefacente.

Cotola 3/05/11 00:11 - 7530 commenti

I gusti di Cotola

Il duo Powell-Pressburger costruisce ancora una volta (come svariate altre in futuro) un magnifico film in cui a colpire sono le componenti eterogenee ed in forte contrasto tra loro: sensi e castità; rispetto delle regole e la loro infrazione; rinuncia e ribellione; contegno e spontaneità e tanto altro ancora. Trasmette emozione pura e coinvolge sempre più col dipanarsi della storia. Molto sensuale e dallo stile lussureggiante e magniloquente, esaltato da una splendida fotografia del fido Jack Cardiff e dalle scenografie di Junge. Grandissima la Simmons.
MEMORABILE: La progressiva metamorfosi della Simmons. Il volto di Deborah Kerr.

Galbo 6/05/11 15:39 - 11388 commenti

I gusti di Galbo

Ottimo melodramma, ambientato in un'India quantomai esotica e misteriosa (e resa benissimo dalla fotografia ipercromatica). Il nucleo del film è la suberba caratterizzazione psicologica dei personaggi che vivono sulla propria pelle il conflitto tra la loro cultura e quella dei nativi. Buona la prova del cast per un film che resta nella memoria.

Giacomovie 11/07/11 00:22 - 1348 commenti

I gusti di Giacomovie

Con un dramma mosso dai contrasti dell'animo umano, Powell e Pressburger girano in studio immagini dai colori sfavillanti, con una sensualità del colore che eccita lo sguardo. I due incantano ancora con un inconfondibile tocco lussureggiante che li contraddistingue. La storia di alcune suore e dei loro tormenti interiori ha momenti concitati e trasmette un messaggio in codice: la repressione dei propri impulsi può portare alla follia; col corollario che spiritualità e misticismo non possono prescindere dalle concrete leggi della natura.
MEMORABILE: "Lavori, Sorella, lavori finché non sia troppo stanca per poter pensare".

Luchi78 7/11/11 09:59 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Drammone in bilico tra spiritualità e tentazione, ricco di insinuazioni tra le righe, dialoghi che non osano oltre la morale del tempo, tante inquadrature di occhi ammiccanti e sguardi dalle mille parole nascoste. Tutto da interpretare fino al drammatico finale. Storico.

Daniela 19/11/13 15:44 - 9411 commenti

I gusti di Daniela

Un gruppo di suore viene inviato in Himalaya per aprire una missione in un edificio sperduto già sede di un harem. La madre superiora deve fronteggiare la natura ostile e la diffidenza dei paesani, mentre la sensualità di cui è impregnato il luogo turba i sensi delle sue consorelle... Melodramma dai colori accesi (splendida la fotografia di Cardiff), dominato da un vento incessante, reale e metaforico, che scuote cose e persone. Alla prese con un personaggio dalla sessualità repressa, Deborah Kerr è al solito eccellente ma è la "pazza" Kathleen Byron a restare più impressa. Film affascinante.

Delpiero89 23/09/14 18:48 - 263 commenti

I gusti di Delpiero89

Affascinante quadro indiano della coppia Powell-Pressburger. Il film mostra senza dubbio qualche cedimento vista l'età e forse il suo difetto maggiore sta nella caratterizzazione fenotipica uniforme delle suore, tant'è che la somiglianza tra loro rimane fortissima da renderle poco distinguibili. Certe immagini sono, al contrario, ancora oggi ricchissime di forza e di impatto.

Deepred89 12/09/15 00:11 - 3283 commenti

I gusti di Deepred89

Un'atmosfera magica e rarefatta accarezza una tormentata storia di logoramenti interiori e istinti repressi che sale, sale e sale fino a esplodere, ma il botto - tempi ancora non maturi? - scuote meno del previsto, anche se poi ci si guarda indietro e ci si accorge di come tutto combaci perfettamente. Cast femminile perfetto, Farrar forse non adattissimo (fascino troppo 40's), momenti di puro stupore visivo sparsi qua e là. Un'esperienza cinematografica unica, non priva di cali o datatezze (i flashback), ma assolutamente da compiere.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Noir • 9/02/11 21:55
    Galoppino - 575 interventi
    Dal 22/02/2011 per Flamingo Video.



    Un gruppo di giovani monache, guidate dalla volitiva Sister Clodagh (Kerr), riceve l’incarico di creare un convento sulle cime dell’Himalaya, un luogo impervio e sospeso nel tempo. L’isolamento, il rapporto difficile con i nativi e con l’ufficiale inglese Dean (Farrar), portano alla ribalta pulsioni e ricordi prima sopiti nel cuore delle sorelle, fino a quando l’attrazione per Dean spingerà l’inquieta Sister Ruth (Byron) a infrangere ogni regola e a trascinare il convento nella follia e nella violenza. Powell e Pressburger mettono in scena con forza straordinaria la lotta perenne tra volontà idealistica e passioni terrene, affidandosi a un cast strepitoso guidato da Deborah Kerr. In sintonia con il temperamento visionario di Michael Powell, Jack Cardiff firma una fotografia superlativa, pietra miliare nell’uso espressivo del colore e premiata con l’Oscar.

    Supporto:
    DVD
    Durata:
    97'
    Formato Video:
    1,33:1
    Formato Audio:
    Italiano dual mono 2.0--Inglese dual mono 2.0
    Sottotitoli:
    Italiano
    Contenuti Extra:

    Vieri Razzini sul film
    Trailer originale
    Galleria fotografica
    Immagini dietro le quinte
    Accesso diretto a 16 scene
    Ultima modifica: 9/02/11 22:03 da Noir
  • Homevideo Rebis • 7/03/11 15:22
    Comunicazione esterna - 4283 interventi
    Il film è stato inserito nel cofanetto Flamingo dedicato a Powell e Pressburger contenente anche Scarpette Rosse e Duello a Berlino ciascuno nella sua singola custodia!

    La qualità audio e video è anche in questo caso eccellente, ma c'è qualche problema relativo all'integralità... ma al contrario :) vale a dire che sono state reinserite le sequenze tagliate all'epoca ma anziché far subentrare in automatico l'audio inglese con i subbi italiani il film resta senza dialoghi e con i soli rumori d'ambiente... nessun problema invece se decidete di vedere il film in lingua originale con i sottotitoli... Per le specifiche tecniche rimando al post precedente di Noir.
    Ultima modifica: 7/03/11 16:03 da Rebis
  • Homevideo Noir • 17/04/11 16:39
    Galoppino - 575 interventi
    Scusa non ho capito molto bene: ma i sottotitoli per le scene integrate si attivano oppure no?
  • Homevideo Rebis • 18/04/11 08:23
    Comunicazione esterna - 4283 interventi
    Noir ebbe a dire:
    Scusa non ho capito molto bene: ma i sottotitoli per le scene integrate si attivano oppure no?

    I sottotitoli in italiano ci sono per tutta la durata del film se lo guardi in lingua originale, mentre se lo guardi doppiato in italiano i sottotitoli per le scene reintegrate non si attivano in automatico e l'audio italiano precipita per lasciare spazio solo ai rumori d'ambiente...
  • Homevideo Noir • 18/04/11 15:36
    Galoppino - 575 interventi
    Ok, grazie.
  • Homevideo Digital • 20/07/11 10:31
    Segretario - 3036 interventi


    A ottobre la Flamingo Video propone l'edizione singola di questo affascinante film del duo Powell-Pressburger.
  • Curiosità Daniela • 19/11/13 15:54
    Consigliere massimo - 5145 interventi
    Soggetto dal romanzo della scrittrice inglese Rumer Godden.
    Nel 1948 il film vinse due Oscar:
    Jack Cardiff per la fotografia
    Alfred Junge per la scenografia
    Entrambi lavorarono in altri film diretti dalla coppia Michael Powell ed Emeric Pressburger