La moglie ingenua e il marito malato - Corto (1989)

La moglie ingenua e il marito malato
Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1989
Genere: corto/mediometraggio (colore)
Note: Tratto dall'omonima commedia in tre atti di Achille Campanile. Il film fa parte del ciclo televisivo "Amori" assieme ad altri 5 mediometraggi.

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONLE LOCATION

Commenti L'IMPRESSIONE DI MMJImpressione Davinotti

Tv movie di chiarissima impostazione teatrale (d'altra parte è tratto dall'omonima commedia in tre atti di Achile Campanile), LA MOGLIE INGENUA E IL MARITO MALATO porta sulla scena un gran numero di volti noti per raccontare la storia (ad alto tasso metaforico) di un marito (Rey) che un giorno si ritrova in testa un bel paio di corna vere e proprie. La storia era cominciata prima però, quando un distinto topo d'appartamento (Giuffrè), colto in flagrante dal padrone di casa (Benti), si vedeva intrattenersi con quest'ultimo facendosi perdonare e cominciando a rievocare i tempi in cui "frequentava" la casa dei vecchi proprietari, a cui si era affezionato....Leggi tutto Una sera, mentre aveva dovuto nascondersi per evitare di farsi sorprendere, aveva assistito alla terribile vicenda che riviviamo quindi tutta in flashback, con questo marito cornuto alle prese con amici, medici e semplici vicini di casa ai quali dapprima tenta di celare le corna per poi infervorarsi cercando una persona con cui sfogare la rabbia. Naturalmente spunterà fuori anche la moglie ingenua del titolo... Un film tutto costruito sui dialoghi, con Rey che recita in un italiano stentato, Bonacelli che peggiora volutamente il suo, di italiano, e discrete performance della Sandrelli, della Leone e più in generale dell'intero cast. Tra le brevi partecipazioni spicca quella di Diego Abatantuono, investigatore privato che si presenta dal marito cornuto perché pare sappia molto delle scappatelle della moglie "ingenua". Sono cinque minuti al massimo, ma che confermano Abatantuono come ottimo attore dagli spiccati accenti ironici, che è un peccato veder uscire di scena così presto. Confezione televisiva, assenza totale di esterni, ma una regia solida alle spalle di tutto si vede; per cui, al di là della modestia della sceneggiatura e forse anche in virtù della breve durata (un'oretta al massimo) il film si lascia seguire senza troppi rimpianti. La valenza metaforica del film, che tocca un argomento notoriamente molto caro agli italiani (le corna) supera ogni altro intento artistico andando ad inserirsi in un ambito tipicamente bunueliano (la presenza di Fernando Rey nel ruolo di protagonista assoluto non è quindi casuale). Saggiamente contenuto nella durata (nemmeno un'ora), è comunque ugualmente ripetitivo (anche nelle gag del ladro Giuffré che tenta sempre di sottrarre qualcosa mentre racconta la storia a Benti). Vedibile, ma niente di più.

Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 10/07/11 DAL DAVINOTTI
1
1!
2
2!
3
3!
4
4!
5

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione ( vale mezzo pallino)
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Nancy 17/10/11 21:26 - 778 commenti

I gusti di Nancy

Una sceneggiatura con qualche buco, che si regge comunque bene per via della breve durata del film. Un cast di alto livello per uno sceneggiato televisivo che si sviluppa grazie a una serie di flashback ripetuti di un ladro che racconta al derubato la sua affezione per la casa in cui viene scoperto a rubare. L'idea di base non è male, ma è lasciata un po' troppo a se stessa senza altri escamotage narrativi per vivacizzare l'interesse dello spettatore. Godibile comunque, si sente una buona influenza monicelliana.

Pinhead80 2/11/17 15:48 - 4877 commenti

I gusti di Pinhead80

Mediometraggio tratto dall'omonima opera letteraria di Achille Campanile. Monicelli si cimenta nell'operazione avvalendosi di un cast di tutto rispetto che di certo non sfigura. Inoltre la breve durata rende snella la storia, che si svolge interamente all'interno di un grande appartamento. Lo sviluppo è simpatico e la recitazione tipicamente teatrale. Gustoso.

Markus 10/11/17 15:50 - 3702 commenti

I gusti di Markus

Il titolo evoca l'ennesima commedia scollacciata Anni '70, invece ha ben più nobile provenienza in quanto è un tv-movie basato su un'opera letteraria di costume. Stuolo di nomi celebri del cinema e soprattutto della prosa d'antan per una sporadica regia televisiva di Monicelli di chiaro stampo teatrale (location tutta di interni). Non si ride mai, se non a denti stretti e l'andamento - per quanto sostenuto dal testo di derivazione - stenta a decollare ed è negativamente inficiato da un eccesso di verbosità (aiuta le breve durata).

Mario Monicelli HA DIRETTO ANCHE...

Spazio vuotoLocandina Totò cerca casaSpazio vuotoLocandina Guardie e ladriSpazio vuotoLocandina Totò e le donneSpazio vuotoLocandina Totò e i re di Roma
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Musiche Lucius • 10/04/13 20:21
    Scrivano - 9041 interventi
    Il brano "Il valzer della moglie ingenua" è incluso nell'lp Amori, targato Reteitalia.
    Rif.Discografico BL74126.

    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius,l'lp originale che racchiude i brani della serie "Amori":

    Ultima modifica: 12/04/13 17:09 da Zender
  • Curiosità Zender • 12/04/13 16:50
    Capo scrivano - 48015 interventi
    IL FILM FA PARTE DEL CICLO "AMORI" (1989)
    Parte oggi un ciclo di film per la tv intitolato Amori, costituito da sei titoli diversi che vantano altrettante firme prestigiosissime: Dino Risi, Mario Monicelli, Alberto Lattuda, Lina Wertmüller, Nanni Loy e Luigi Magni. Stasera si parte con "Il vizio di vivere", racconto di Dino Risi ispirato alla vicenda, autentica, di Rosanna Benzi (…)
    Amori è una produzione di varie tv. Intimorisce però scroprire alla voce “produttori esecutivi” per tutti e sei i film il nome dei fratelli Vanzina.
    Fonte: articolo della Stampa scovato da Panza (e Kanon e Fedemelis).

    Vennero trasmessi:

    1) Il vizio di vivere (Dino Risi) [18.04.1989]
    2) La moglie ingenua e il marito malato (Mario Monicelli) [24.04.1989]
    3) Mano rubata (Alberto Lattuada) [02.05.1989]
    4) Il decimo clandestino (Lina Wertmüller) [16.05.1989]
    5) Gioco di società (Nanni Loy) [23.05.1989]
    6) Cinema (Luigi Magni) [30.05.1989]
  • Discussione Mauro • 28/05/18 21:20
    Disoccupato - 12108 interventi
    E' scomparso Pippo Caruso
  • Homevideo Ruber • 20/04/20 16:01
    Formatore stagisti - 9267 interventi
    Non e mai uscito neanche in vhs.
  • Homevideo Buiomega71 • 12/12/23 10:23
    Consigliere - 26195 interventi
    In dvd per Mustang Entertainment, compreso nel cofanetto SERIE AMORI, disponibile dal 28/12/2023
    Ultima modifica: 12/12/23 10:30 da Buiomega71