La dalia azzurra

Media utenti
Titolo originale: The blue dahlia
Anno: 1946
Genere: gangster/noir (bianco e nero)
Note: Sceneggiatura di Raymond Chandler.
Numero commenti presenti: 8

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/01/11 DAL BENEMERITO STEFANIA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Stefania 13/01/11 01:43 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Congedato dal fronte, l'ex-aviatore Johnny è sospettato dell'omicidio della moglie, alcolizzata e fedifraga. Dovrà nascondersi e trovare il vero colpevole con l'aiuto di due ex-commilitoni e dell'affascinante Joyce, che l'ha stregato... I dialoghi taglienti sono puro "hard boiled", così come la disillusa amarezza dei caratteri, la Los Angeles di piombo, di jazz e di neon. Ma la censura impose un finale consolatorio, una soluzione forzata che sparge zucchero, non sale, sulle ferite ancora aperte di Johnny, di Joyce, di tutti. Peccato, ma resta un bel noir, disforico con finale (finto) euforico!
MEMORABILE: Calzante il protagonista Alan Ladd: "il nano più alto del mondo", dicevano? Io direi piuttosto... il più sexy!

Saintgifts 1/02/11 22:48 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Il soggetto è di Raymond Chandler e anche la sceneggiatura, l'unica che ha scritto per il cinema. Non c'è Marlowe, ma c'è Alan Ladd nei panni di un valoroso comandante di ritorno dalla guerra con due suoi compagni. La mano del maestro si riconosce, oltre che per l'originale intreccio della storia, nell'invenzione dei personaggi, tutti fortemente caratterizzati e ben rappresentati da attori molto in parte, dove, oltre a Ladd e alla Lake, spicca un bravo William Bendix. La mancanza di calore nella recitazione funziona per questo tipo di noir.

Homesick 27/01/13 16:46 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

A dispetto del finale sbrigativo e monco – a quanto pare provocato dalle pressioni della Marina statunitense - è un titolo cui la filmografia thriller-noir futura non deve poco: il progressivo stringersi dell’intreccio poliziesco intorno alle indagini di un innocente in fuga (nonché marito cornuto), le frequenti scene d’azione, l’ambigua figura del detective e il personaggio psichicamente instabile di Bendix, insieme falsa pista e vittima dell’atroce guerra appena conclusa. Ladd se la cava pur non possedendo il physique du rôle e consolida la sua proficua partnership con la Lake.
MEMORABILE: Bendix ossessionato dalla musica e dal ricordo della donna che strappa i petali; il fiammifero acceso con un colpo di pistola.

Tarabas 30/01/13 10:33 - 1716 commenti

I gusti di Tarabas

Tratto da un romanzo incompiuto, che Chandler riciclò per lo schermo. Un reduce dal fronte del Pacifico scopre che la moglie, fedifraga e alcolizzata, ha causato la morte del figlio e frequenta un giro losco. Più importante (per l'accumulo di temi che diverranno classici) che interessante, girato senza guizzi, ha il suo principale valore nelle interpretazioni splendide di un gran cast, dominato dalla Lake, suadente e ambigua e da Bendix nel ruolo del reduce suonato e violento. Finale inconcludente.

Galbo 4/08/13 21:36 - 11445 commenti

I gusti di Galbo

Scritto da Chandler, è un noir abbastanza tradizionale ma nel contempo "robusto"; questo grazie alla buona sceneggiatura d'autore che nobilita (anche attraverso bei dialoghi) una storia non particolarmente originale. Del cast, un pò sottotono Alan Ladd, spiccano Veronica Lake e William Bendix.

Daniela 8/02/15 17:25 - 9623 commenti

I gusti di Daniela

Quando viene assassinata una donna infedele, il primo ad essere sospettato è il marito, un reduce appena tornato dal fronte... Chandler sceneggia, la coppia Ladd & Lake fornisce il collaudato charme, il cast di contorno annovera le facce giuste, infine da Marshall, altrove bravo artigiano, si poteva attendere una regia più che discreta. Invece è proprio la regia il punto debole di questo noir: piatta, impersonale, non valorizza la storia e spreca un bel personaggio, quello interpretato dal grosso ed instabile Bendix, sempre sull'orlo dell'esplosione di follia. Vedibile, ma poco riuscito.

Rambo90 12/10/20 17:26 - 6423 commenti

I gusti di Rambo90

Un buon noir, con una prima parte molto intrigante e un intreccio misterioso che aggancia subito lo spettatore. Chandler scrive benissimo e come da sua abitudine affolla il plot di personaggi e motivazioni; peccato che nella seconda parte la tensione scemi progressivamente fino ad un finale non troppo convincente (quello originale concepito dallo scrittore era decisamente più plausibile). Ladd se la cava, ma i comprimari fanno meglio e in particolare rimane impresso Bendix. Ritmo molto svelto per un film tutto sommato invecchiato bene.

Nicola81 19/10/20 18:17 - 1998 commenti

I gusti di Nicola81

Nonostante la sceneggiatura rechi la firma illustre di Raymond Chandler, questo noir mantiene meno di quanto promette, vuoi per una regia piuttosto anonima (il prolifico Marshall era attivo soprattutto nella commedia brillante), vuoi per quel finale sbrigativo e buonista imposto dalle pressioni della marina statunitense. Di rilievo invece la prova del cast: il personaggio più interessante è il reduce suonato e irascibile di Bendix, ma l'alchimia della coppia protagonista è innegabile; Veronica Lake aveva soltanto 24 anni, ma la sua carriera volse al declino proprio dopo questo film.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Mco • 2/08/13 00:09
    Scrivano - 9684 interventi
    In DVD dal 27 Agosto 2013 per Golem Video.
  • Homevideo Digital • 4/06/19 10:56
    Segretario - 3039 interventi
    Dvd Sinister (Restaurato in hd) disponibile dal 19/07/2019.
    Ultima modifica: 4/06/19 10:57 da Digital