L'impostore - Film (1997)

L'impostore
Media utenti
Titolo originale: Deceiver
Anno: 1997
Genere: thriller (colore)
Note: I gemelli Jonas e Josh Pate sono autori anche di soggetto e di sceneggiatura.
Lo trovi su

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 12/09/11 DAL BENEMERITO DANIELA
1
1!
2
2!
3
3!
4
4!
5

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione ( vale mezzo pallino)
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 12/09/11 07:39 - 12731 commenti

I gusti di Daniela

Rampollo di ricchissima famiglia è l'unico indiziato per il brutale omicidio di una prostituta. Due detective, ciascuno con i propri guai personali, cercano di farlo confessare con l'ausilio della macchina della verità ma le patologie del tizio (epilettico ed alcolizzato) falsano i risultati. Thriller da camera che si svolge quasi interamente nella stanza dell'interrogatorio, piacevole da seguire anche se il ribaltamento dei ruoli appare artificioso. Cast di prestigio anche nei ruoli minori, con Roth che gigioneggia a ruota libera.

Didda23 30/08/12 14:58 - 2432 commenti

I gusti di Didda23

I gemelli Pate, oltre a dirigere con diligenza e con qualche inquadratura davvero riuscita specie nel vorticoso triangolo fra Roth, Rooker e Penn, scrivono una notevole sceneggiatura dagli sviluppi imprevedibili, condendo il tutto con scontri dialettici godibilissimi. Ottima la prova dell'intero cast, soprattutto quella dello scomparso Penn, capace di interpretare con naturalezza l'americano medio. Il finale aperto fa scaturire più di un interrogativo.
MEMORABILE: Rooker che obbliga la Arquette a lavare per terra, umiliandola pesantemente; L'attacco epilettico di Roth nella stanza degli interrogatori.

Nando 19/02/13 17:40 - 3833 commenti

I gusti di Nando

Thriller psicologico totalmente ambientato in interni in cui si assiste allo scontro, soprattutto verbale, tra un indiziato di omicidio e due detective con qualche scheletro nell'armadio. Buono lo sviluppo narrativo con il finale ambiguo. Roth gigioneggia egregiamente, Penn e Rooker appaiono vittime sacrificali della lucida pazzia di Roth. L'Arquette meglio della Zellweger.

Tarabas 12/07/13 19:04 - 1880 commenti

I gusti di Tarabas

Un disadattato di ottima famiglia con elevato QI viene sottoposto alla macchina della verità: ha ucciso o no una squillo? I due poliziotti che lo indagano hanno peraltro qualche macchia sulla fedina. Gioco delle parti molto formalistico e piuttosto disonesto per come accumula elementi nuovi, che lo spettatore mai potrebbe conoscere o desumere. Il meccanismo funziona se si accetta di essere guidati da un narratore onnisciente. Film di pura recitazione, seppure di altissimo livello, che acutamente Ebert appaia a I soliti sospetti.

Myvincent 17/03/20 07:28 - 3776 commenti

I gusti di Myvincent

Il presunto assassino di una prostituta sfida sfacciatamente, con tutti i suoi scaltri mezzi, la macchina della verità e sarà un duello all'ultimo respiro nei confronti dei poliziotti che si occupano del caso. Trattasi di un kammerspiel decisamente ben fatto, dove spicca la geniale professionalità di Tim Roth, dove però l'eccesso di verbosità nei dialoghi toglie fluidità al ritmo, regalando ambiguità a tutto spiano, specie nel finale shock.
MEMORABILE: L'usuale recitazione sopra le righe della Zellweger.

Ira72 15/06/21 08:56 - 1319 commenti

I gusti di Ira72

Classico esempio di quando, per fare un buon lavoro, non occorrono sempre effetti speciali strabilianti. Merito di un cast in parte e di una sceneggiatura riuscita. Se Tim Roth, nei panni del cinico, sofferente, psichiatrico James, annoiato rampollo di famiglia, vanta un'interpretazione ad effetto, non da meno sono Rooker e Penn nel tentativo di tenergli testa. Più defilati i ruoli delle interpreti femminili. Anche i dialoghi sono ben congegnati. Epilogo inaspettato e godibilissimo.

Kinodrop 27/03/23 19:14 - 3018 commenti

I gusti di Kinodrop

Accusato dell'omicidio di una ragazza, un uomo ricco destremamente intelligente (anche se patologicamente compromesso) viene sottoposto alla macchina della verità da due poliziotti altrettanto problematici. Ne scaturirà un duello verbale un po' prolisso ma interessante, per i risvolti filosofici sul libero arbitrio e sulla "consistenza" della verità, in un tira e molla con un'inversione dei ruoli un po' tirata per i capelli. Sebbene quasi tutto girato nella stanza dell'interrogatorio, risulta abbastanza fluido e dinamico grazie a una regia efficace e a un trio di ottimi attori.

Anthonyvm 12/10/23 00:42 - 5831 commenti

I gusti di Anthonyvm

Thriller dal taglio teatrale la cui intricata struttura deve forse qualcosa alla lezione di Bryan Singer di due anni prima: anche qui confessioni e menzogne vanno a comporre un fitto reticolato di flashback di dubbia veridicità, sottraendo e aggiungendo a ondate alterne elementi utili alla risoluzione del mistero. E anche se non tutti gli incastri sembrano combaciare perfettamente, anche per qualche forzatura nelle dinamiche psicologiche dei protagonisti, la conclusione riesce a sorprendere. Più divertente che soddisfacente, ma l'ottimo cast e la regia dinamica valgono una visione.
MEMORABILE: Le pericolose crisi epilettiche di Tim Roth; Michael Rooker e la moglie fedifraga; Il videotape compromettente; "Un anno dopo": colpo di coda finale.

Tim Roth HA RECITATO ANCHE IN...

Spazio vuotoLocandina InvincibileSpazio vuotoLocandina Vincent & TheoSpazio vuotoLocandina Il cuoco, il ladro, sua moglie e l'amanteSpazio vuotoLocandina Le iene - Cani da rapina
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.