Judy

Media utenti
Titolo originale: Judy
Anno: 2019
Genere: biografico (colore)
Note: Racconto dell'ultima serie di concerti fatti da Judy Garland a Londra nel 1968.
Numero commenti presenti: 8

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 2/02/20 DAL BENEMERITO RAMBO90
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Rambo90 2/02/20 20:36 - 6284 commenti

I gusti di Rambo90

Un appassionato biopic che racconta di una delle tante vite rovinate dal successo e dagli obblighi hollywoodiani, sceneggiato con cura e con la giusta carica emotiva. A rendere ancora più prezioso il film è la performance di una straordinaria Zellweger, aderente al ruolo e dalla vocalità quasi perfetta. Buoni anche la ricostruzione d'epoca e il cast di contorno che, sebbene schiacciato dalla protagonista, riesce comunque a distinguersi. Molti momenti davvero commoventi. Notevole.

Josephtura 10/02/20 15:14 - 148 commenti

I gusti di Josephtura

Film biografico con struttura piuttosto lineare che trasmette molto affetto verso la figura di Judy Garland. Con molta enfasi la storia espone la solitudine dell'attore e lo sfruttamento dei bambini attori di fine anni 40. La figura della Garland, ripulita dei lati peggiori dell'alcoolismo e della tossicodipendenza, è molto coinvolgente. Brava la Zellweger, anche se ricorda sempre un po' troppo Bridget Jones. Consigliabile vederlo in lingua originale.
MEMORABILE: L'incipit e la fine in modo diverso presentano l'amore/odio patologico verso la "carriera".

Hiphop 19/02/20 11:59 - 34 commenti

I gusti di Hiphop

Non un biopic in senso classico, ma un film focalizzato su pochi emblematici giorni della fu grande diva trascorsi a Londra nel finale di una carriera lunghissima iniziata praticamente in culla. Buon film, superba interpretazione della Zellweger, bei costumi. Finale, ovviamente, già scritto. Piacevole, consigliato. Lunghezza non eccessiva, di questi tempi sicuramente un pregio.

Ira72 5/03/20 11:22 - 908 commenti

I gusti di Ira72

Biopic delicato ed elegante che non indugia troppo, pur mostrandoli, sui vizi che portarono la Garland a una morte prematura e si focalizza, invece, più sui pregi della Diva e sulla sua tormentata esistenza. Una vita fatta di solitudine, privazioni, sacrifici e matrimoni-troppi-sbagliati. Le sue spassose, famose e sarcastiche battute si alternano ai ricordi e alle esibizioni, talvolta spettacolari, altre tragiche. Una Zellweger strepitosa rende degno omaggio a una figura non facile da interpretare in cui si rischiava il rimpianto dell’originale.

Daniela 28/05/20 19:46 - 9122 commenti

I gusti di Daniela

Biopic che si focalizza su due periodi in testa/coda: la diciassettenne sul set del Mago di Oz schiavizzata dallo star system e, oltre venti anni dopo, la donna sfiorita con troppi fallimenti alle spalle che non ottiene contratti perché giudicata inaffidabile. La sceneggiatura sorvola sugli aspetti più controversi per concentrarsi sulle sventure, la regia è diligente, Zellweger offre un'interpretazione mimetica a misura di Academy: tutto cucinato a puntino, ma anche tutto molto convenzionale, a tratti troppo scopertamente ricattatorio.

Galbo 28/05/20 20:14 - 11323 commenti

I gusti di Galbo

Film biografico sull'ultima parte della carriera e della vita di Judy Garland. Il film dimostra chiaramente la sua origine teatrale e Renée Zellweger è bravissima nel rendere sullo schermo la personalità del personaggio principale offrendo una performance anche canora di tutto rispetto, giustamente premiata con l'Oscar, ma la pellicola è godibile anche per la riuscita ricostruzione ambientale e per la sceneggiatura che guardando al passato della protagonista, individua le ragioni dei suoi tormenti interiori.

Capannelle 7/06/20 20:29 - 3698 commenti

I gusti di Capannelle

Racconto dei tratti più controversi della carriera di Judy Garland, una storia di classica ascesa e caduta che caratterizza molte grandi dive hollywoodiane. In effetti il senso di ripetitività pare affiorare più volte durante la proiezione, ma ci vengono in soccorso le grandi prove della Zellweger e di chi l'ha aiutata a immedesimarsi col personaggio. Costumi, trucco e tratti facciali ricreano bene il tormento interiore dell'attrice, il suo non volersi arrendere di fronte alla malinconia e all'abbandono. Regia e montaggio di buon livello, come trama e originalità siamo nella media.

Paulaster 20/06/20 12:29 - 2693 commenti

I gusti di Paulaster

La vita della Garland concentrata sulle ultime performance. Pur non nascondendo i suoi problemi di alcolismo, il personaggio mantiene cliché hollywoodiani nell'uscita di scena in tripudio. Gli accenni ai suoi inizi sembrano indicare responsabilità nello star system e nel prezzo che bisogna pagare per avere il successo. I rapporti con la figlia Liza son solo sfiorati e le vicende matrimoniali poco approfondite. La Zellweger fa qualche smorfia, qualche battuta e sul palco ha meno vitalità della vera Judy. 
MEMORABILE: La cena a casa dei due ammiratori; Sbronza sul palco; L'assaggio della torta.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Cotola • 10/02/20 05:15
    Consigliere avanzato - 3605 interventi
    Oscar 2020 per la miglior attrice protagonista a Renée Zellweger.