LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 30/04/18 DAL BENEMERITO BUIOMEGA71
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Buiomega71 30/04/18 00:45 - 2212 commenti

I gusti di Buiomega71

Suggestiva immersione nel folklore e nei meandri dell'arcano delle credenze popolari di quell'italia cara ai Fulci, agli Avati e ai Rondi. Polito rievoca atmosfere fiabesche nere intinte nel witch movie, tra follia pandemica dedita al linciaggio, maternità e un prefinale orrorifico tra megere vere e presunte (il volto della Janara, la sua oscura figura baviana, le sue lacrime, i bambini spettri, il rituale). A tratti pare una fiction (il tradimento del marito o il prete con terribile slang inglese), ma pervasa da un fascino malefico che si fa apprezzare.
MEMORABILE: L'apparizione finale della Janara stivalettiana; La chiusa terrifica con il baby call; Il linciaggio del prete; La cerimonia "esorcistica" al fiume.

Rufus68 30/06/19 15:43 - 3015 commenti

I gusti di Rufus68

Le buone intenzioni ci sono tutte, dal tentativo di donare una forma compiuta al ripescaggio del folclore provinciale come teatro dell'orrore italiano (l'unico possibile). Purtroppo tali propositi rimangono sulla carta. La mancanza di un cast adeguato fa scadere l'atmosfera a quella esitante e stucchevole delle telenovelle nostrane tanto che, a tratti, si ha l'impressione di stare sul set di Un posto al sole. Il disastro ne innesca altri (trama, dialoghi) e di streghe e maledizioni, alla fine, non rimane che cenere televisiva.

Lupus73 8/07/20 01:51 - 507 commenti

I gusti di Lupus73

In un paesino del beneventano scompaiono bambini e le superstizioni locali indicano la leggenda della janara (strega locale). Affascinante per l'atmosfera oscura, pregna di tradizione popolare del Meridione e per l'ambientazione vernacolare (ma il vernacolo è assente dai dialoghi). Sceneggiatura interessante (ma a tratti da soap) che trova i suoi limiti nel finale piuttosto fiacco e nell'interpretazione troppo "accademica" del cast. Una visione ci può stare, ma tra gli horror/thriller (recenti) a tema popolare nostrano meglio In fondo al bosco o i lavori di Bianchini.
MEMORABILE: Il soggetto basato sul folclore popolare beneventano che riguarda le streghe del noce
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Buiomega71 • 30/04/18 10:23
    Pianificazione e progetti - 21679 interventi
    Suggestiva immersione nel folklore e nel mistero arcaico delle credenze di quell'Italia superstiziosa e ancorata alle leggende tanto cara ai Fulci, agli Avati e ai Rondi Il giovane regista napoletano Roberto Bontà Polito getta una luce sinistra sul piccolo paesino di San Lupo (nel beneventino), e sulla leggenda della Janara (sorta di fattucchiera che viveva nei boschi e gettava fatture e malocchi, rimasta incinta da forze maligne venne messa al rogo dalla sacra inquisizione, maledicendo gli abitanti di San Lupo), creando un mix affascinante tra la fiaba nera e il più classico dei "witch movie" Polito evita accuratamente effettacci e scivoloni nel macchiettistico, per concentrarsi sull'atmosfera maligna e occulta che regna nel paesino, donando un punto di vista prettamente personale e quasi intimistico della paura. Tra follie pandemiche di una folla inferocita pronta al linciaggio, cerimonie "esorcistiche" sul bordo di un fiume, invocazioni rituali, maternità messe in serio pericolo (la Janara rapisce i bambini-o meglio, se li porta con sè cadaverelli- e si avventa su donne gravide, cercando quella gravidanza perduta che gli abitanti le tolsero nella notte dei secoli), un paesino dove i bambini spariscono senza lasciare traccia (un pò come nei Bambini di Cold Rock), ma che tornano sotto forma di spettri inquieti nelle allucinazioni premonitrici della protagonista (come nel secondo della Strega di Blair, dove la Janara può apparire come la "cugina" italiana), fino all'apparizione finale della Janara stessa, che si strugge in lacrime dannate (colandole anche dal naso), condannata a cercare il suo bambino per l'eternità, in una manifestazione baviana con il tocco di Sergio Stivaletti e chiusa inaspettata quando agghiacciante sul visore di un baby call Polito torna a rivangare i fasti del nostro cinema gotico, con un tocco di realismo, di quella fetta oscura del bel paese di cui L'arcano incantatore, Non si sevizia un paperino e Il Demonio sono stati i numi tutelari, tra leggende, fattucchiere, maledizioni, sospiri, lamenti rochi e paure radicate dettate dall'oscurantismo del passato, bambini che scompaiono e la donna vista come portatrice di male e sventure Non tutto fila liscio (parentesi da fiction come il marito della bruttina protagonista che se la fà con la sorella più bona e spregiudicata, il prete con ridicolo slang inglese stile la Tassoni del Bosco, le pasticche messe nel tè senza un reale perchè), ma nonostante un budget discreto il regista riesce a creare un aurea piena di richiami sinistri e maligni, con squarci onirici (gli incubi di Marta, i bambini fantasma) e la costante presenza ostile della strega, nelle fotografie , nell'aria opprimente che si respira a San Lupo, nell'odio medievale della popolazione che vive nel terrore e che sfocia nel linciaggio, tra fughe nei cunicoli, case maledette diroccate nel bosco e riti occulti. Buona prova del cast e ottimo l'apparato tecnico (dalle musiche di Sandro Di Stefano alla fotografia di Roberto Lucarelli) con le suggestive location di San Lupo che stanno a metà tra i Taviani e i paesini lucani fulciani. Il nuovo cinema di genere italiano ripesca le sue origini, e il risultato e tutt'altro che disprezzabile La canzone della Janara, sui titoli di coda, è cantanta da Eugenio Bennato e Pietra Montecorvino
    Ultima modifica: 30/04/18 22:02 da Buiomega71
  • Homevideo Buiomega71 • 30/04/18 10:25
    Pianificazione e progetti - 21679 interventi
    Buono il dvd edito dalla Alfabat Formato: 1.85:1 Audio : italiano (in presa diretta) Nessun sottotitolo Come extra solo il trailer Durata effettiva: 1h, 27m e 47s