Lo trovi su

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 6/11/19 DAL BENEMERITO GALBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 6/11/19 18:54 - 11681 commenti

I gusti di Galbo

Alla morte del padre il riluttante Enrico V diventa re d’Inghilterra rivelandosi monarca diverso dal genitore. Opera solo vagamente ispirata al dramma di Shakespeare, il film di Michôd è una produzione molto curata per quanto attiene ad ambientazione, scenografia e costumi, mantenendo in molte parti una chiara impostazione teatrale, che deriva dalla cura per i dialoghi e per la profonda caratterizzazione dei personaggi. Ottima la scelta del cast, specie per quanto riguarda i ruoli dei personaggi di supporto.

Pigro 30/12/19 09:18 - 8489 commenti

I gusti di Pigro

Ascesa al trono e prima impresa bellica dell’inglese Enrico V in una versione molto rivisitata dell’opera di Shakespeare. Michôd trasforma il dramma storico in romanzo di formazione, quello di un adolescente che dagli anni del divertimento passa confusamente alle prime responsabilità, scoprendo lentamente in sé la maturità e attorno a sé i buoni e cattivi amici. Anche se forse a tratti monocorde e greve (complice musica continua e fotografia livida) il film è notevole, anche grazie ad almeno due potenti e struggenti scene di duello e battaglia.

Didda23 22/07/21 14:46 - 2320 commenti

I gusti di Didda23

Michôd conferma di avere una padronanza del mezzo non comune, che gli permette di spaziare fra i generi e in questo caso di girare un'ottima trasposizione dell' Enrico V scespiriano. Nonostante una certa staticità dovuta all'impostazione teatrale di talune parti recitate in maniera straordinaria, l'opera sa ravvivarsi nelle splendide (e crude) scene di battaglia. Un cast di attori scelti meravigliosamente con un eccellente Chalamet (probabilmente il miglior prospetto della sua generazione) e un Edgerton (che co-sceneggia) di rara intensità. Di gran pregio i costumi e gli ambienti.
MEMORABILE: Il confronto fra Re Enrico IV e il figlio; Il rapporto di stima fra Enrico V e Falstaff; La battaglia.

Daniela 1/08/21 11:47 - 10681 commenti

I gusti di Daniela

Dopo quella classica di Olivier e quella furente di Branagh, ecco una nuova trasposizione dell'Enrico V shakespeariano con un innesto dall'Enrico IV per dare spazio al personaggio di Falstaff. Il film di Michôd non ha la stessa riconoscibile impronta autoriale dei predecessori ma è comunque spettacolo visivamente valido, anche suggestivo per l'adozione di tonalità livide e terrose che risultano particolarmente funzionali nella messa in scena della battaglia di Azincourt. Nel cast spiccano Edgerton e Mendelsohn, discreto Chamalet, penalizzato dal personaggio ingrato Pattinson.
MEMORABILE: L'inquadratura dall'alto dei cavalieri francesi disarcionati: scatole di latta impastate nel fango.

David Michôd HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.