Il nipote picchiatello

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: You're Never Too Young
Anno: 1955
Genere: comico
Note: Rifacimento con ribaltamento dei sessi di Frutto proibito di Billy Wilder (1942), con Jerry Lewis che sostituisce Ginger Rogers nel ruolo dell'adulto costretto a fingersi bambino.
Numero commenti presenti: 5
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Tra le più celebri collaborazioni del duo Jerry Lewis/Dean Martin, il film di Norman Taurog riassume bene la formula che ha visto la coppia ottenere grandi successi nel cinema dei Cinquanta. Risate e musica: le prime appannaggio di un Lewis qui scatenato nelle vesti di un undicenne (poi quattordicenne, infine venticinquenne), le seconde di un Dean Martin che non perde occasione per intromettersi liberando l'ugola (almeno quattro o cinque brani). Entrambi innamorati della dolce Nancy (Lynn), s'incontreranno ripetutamente sul set fin da quando Bob (Martin), insegnante in un collegio, incontra Wilbur (Lewis) apprendista barbiere che lo sottopone a una tragica seduta dovendo sostituire il titolare. Gli si presenterà ancora davanti in stazione... Leggi tuttodove Wilbur, travestito da undicenne per non pagare il biglietto intero, si aggrega a lui e a Nancy senza che Bob riesca a riconoscerlo. E non lo riconosce nemmeno il criminale (Burr) che dovrebbe ritrovarlo per recuperare il prezioso diamante che gli aveva furtivamente nascosto nella giacca. E' per sfuggire a quest'ultimo che Wilbur si rifugerà nel collegio femminile dove insegnano Bob e Nancy, che chiama amichevolmente zii (da cui il titolo italiano, ben diverso dall'originale YOU'RE NEVER TOO YOUNG). Come si possa confondere un adulto quasi trentenne (l'età di Lewis al tempo) per un quattordicenne è mistero che attiene ambiti esclusivamente cinematografici, ma tant'è... Il punto è che, nonostante la mimica e la gestualità di Lewis siano testimonianze di un talento innegabile per il genere che ha aperto vie al tempo sconosciute, viste oggi certe gag fanno soprattutto tenerezza. Rivisitate e omaggiate infinite volte (anche dai nostri Totò e Celentano, per dirne due), hanno perso con gli anni buona parte della loro efficacia e l'infantilismo spinto di Lewis versione scolaretto frignone rischiano di indisporre. Si apprezzano ancora le scene in cui la forza trascinante del comico interagisce con il ritmo e la musica (memorabile la lunga direzione del coro femminile), quelle in cui lo si vede sgattaiolare in casa nascondendosi all'arrivo di Bob in casa di Nancy, molto meno quando lo si lascia a briglia sciolta. Martin poi è semplicemente una spalla con una bella voce, ma anche in questo caso la scelta delle canzoni inchioda il film al suo periodo d'uscita appesantendolo non poco (e non ne avrebbe certo bisogno). Quanto all'amore per la donna contesa è una rilettura elementare di dinamiche da lovestory senza pretesa alcuna, con Nancy che prova affetto per Wilbur e lui che vorrebbe tramutare il rapporto in un sentimento ben più maturo, che Bob non fatica a capire. Il lungo finale acrobatico sugli sci d'acqua prepara il terreno per successive, infinite rivisitazioni mostrando le potenzialità dello slapstick cui s'aggancerà fortemente, ad esempio, il cinema di Paolo Villaggio. Insomma, il materiale su cui studiare non manca, ma l'impatto complessivo dell'opera pare limitato, se si considerano gli elogi tributatigli da molta critica. Oggi si direbbe un film per ragazzi, e forse nemmeno troppo cresciuti...
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 17/11/09 DAL BENEMERITO PIGRO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 8/04/20
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Pigro 17/11/09 10:02 - 7666 commenti

I gusti di Pigro

Per sfuggire a un criminale un garzone di barbiere si finge ragazzino e si nasconde in un collegio femminile. Spassosissimo: uno dei migliori film della coppia Lewis-Martin, un perfetto equilibrio tra romanticismo e comicità. E' quest'ultima che però esplode al meglio grazie a una storia fuori di testa, che Lewis interpreta alla grande con le sue facce, la sua gestualità, i suoi salterelli, sia in sketch da solista che in scene corali davvero strepitose coreografiche o musicali. Indimenticabile, da vedere assolutamente.

Galbo 19/11/09 07:51 - 11269 commenti

I gusti di Galbo

Forse il migliore tra i film interpretati da Jerry Lewis, anche in questo caso in coppia con la sua indimenticabile spalla Dean Martin. La storia è divertente e gli attori rendono al meglio, dando vita a spassose gag in cui viene messo efficacemente alla berlina il mondo degli adulti da un Lewis che interpreta un bambino!

R.f.e. 6/10/10 15:29 - 817 commenti

I gusti di R.f.e.

Una delizia assoluta, uno dei migliori e più divertenti film "di" Jerry Lewis e della coppia Martin-Lewis. Riuscita mistura di film comico e musical (memorabile la marcetta con la quale le studentesse danno il rituale benvenuto a Wilbur) altrettanto simpatica del film in bianco e nero di Billy Wilder di cui rappresenta il modernizzato e coloratissimo remake. In una antologia della commedia cinematografica statunitense degli anni '50 non dovrebbe assolutamente mancare.

Rambo90 4/07/12 23:18 - 6243 commenti

I gusti di Rambo90

Uno dei migliori prodotti della coppia Martin/Lewis, nonostante il film sia praticamente costruito sul secondo, che fa sfoggio di tutta la sua comicità e della inconfondibile mimica. Vedere Lewis comportarsi da bambino è già di per sè uno spasso, la sceneggiatura poi è di quelle ben scritte, con molte gag da ricordare. Efficace anche Burr nel ruolo del cattivo e interessante il fatto che la coppia, per una volta, non interpreti due amiconi ma bensì due rivali in amore. Ottimo.

Daniela 29/01/17 14:46 - 8962 commenti

I gusti di Daniela

La trama è la stessa del delizioso Frutto Proibito, primo film americano di Wilder; un adulto costretto a fingersi bambino che capita in mezzo ad un collegio di presunti coetanei, con tutti gli equivoci del cast. Le differenze consistono nel cambio di sesso del protagonista e nell'aggiunta di una sottotrama thriller con Burr in un ruolo da mascalzone per lui abituale nell'era pre-masoniana. Non manca una manciata di canzoni, legate alla presenza di Martin, anche se ovviamente il mattatore è Lewis. Risultato simpatico e divertente, pur senza raggiungere la grazia dell'originale.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.