Goodbye Emmanuelle

Media utenti
Titolo originale: Good-bye, Emmanuelle
Anno: 1977
Genere: erotico (colore)
Note: Terzo capitolo della saga di Emmanuelle. ma non "Emmanuelle 3".
Numero commenti presenti: 6

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/07/08 DAL BENEMERITO LOVEJOY
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lovejoy 5/07/08 14:18 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Terzo capitolo della saga di Emmanuelle che giunge picchi di bruttezza assoluta, ma inferiori ai successivi. Le scene che dovrebbero essere erotiche suscitano risate a crepapelle e gli attori fanno altrettanto, a partire dal solito Orsini, al suo peggio. Regia inesistente. E purtroppo, non è finita qui.

Luchi78 20/04/11 11:21 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Arrivederci Emmanuelle, ed era pure ora vista l'inconsistenza di quest'ennesimo episodio della saga "white", dove la pur affascinante Sylvia Kristel non riesce a dare l'impronta erotica come nel primo discreto Emmanuelle. La trama è banale e piatta, gli sbadigli si sprecano e neanche la splendida location (Seychelles) riesce a risollevare la situazione. Evitabile.

Ishiwara 25/08/11 18:39 - 214 commenti

I gusti di Ishiwara

Parzialmente legato al secondo capitolo, sul cui livello il film si allinea. Non è né migliore (purtroppo) né peggiore (sarebbe stato duro). Naturalmente lo scenario esotico è d'obbligo, ma stavolta sono più trendy le Seychelles che non Hong Kong. Recitazione pedestre e sceneggiatura raffazzonata. La Kristel si spoglia sempre volentieri, ma come attrice peggiora costantemente. Almeno nel primo episodio un minimo di impegno c'era, ma quando la sceneggiatura ed il regista chiedono così poco agli attori... Difficile desiderare episodi successivi.
MEMORABILE: L'esilarante racconto del vecchio sulla morte della moglie...

Daidae 19/02/12 03:08 - 2719 commenti

I gusti di Daidae

Non bruttissimo, visto che il peggio arriverà dopo, ma si tratta di un'opera erotica vuota e noiosa. La trama è trita e ritrita: la coppia borghese che vive di vizi e raffinate perversioni. Orsini, ottimo attore italiano, qui non è al suo meglio, la Kristel oltre a non essere bellissima è attricetta da poco. Tutto sommato però il film è mediocre, non completamente scarso.

Herrkinski 6/02/17 22:03 - 4963 commenti

I gusti di Herrkinski

Mai stato un fan della serie; ho sempre preferito l'Emanuelle nera massaccesiana, pur nella sua comunque diffusa mediocrità. Questo terzo installamento dell'originale prototipo francese è un classico esotico-erotico basato sulle voglie e i vizi della protagonista (la solita Kristel, per quelli a cui piace) e dei personaggi di contorno; ben poco da segnalare se non l'ambientazione alle Seychelles (ben fotografate), la discreta prestazione del cast e l'interessante ost di Gainsbourg, a cavallo tra reggae, jazz e funky. Solo per completisti...

Lucius 25/05/19 10:14 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Uno dei migliori (se non il migliore) dell'intera saga. E non solo per la suggestiva ambientazione alle Seychelles, ma perché racchiude in sé tutta la filosofia di vita sull'amore libero di Emmanuelle (la stessa di Tintorera). C'è la trama, c'è il pensiero (i discorsi tutt'altro che banali, anzi) e un finale dai risvolti amari e imprevedibili. L'erotismo è degno di nota, con nudi integrali femminili e maschili e pose eleganti e mai volgari. Orsini in un ruolo audace per un rapporto di coppia privo di qualsiasi inibizione. Open your mind!
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Musiche Il Dandi • 26/10/14 19:25
    Contratto a progetto - 1427 interventi
    Le musiche del film e la canzone omonima sono di Serge Gainsbourg: https://www.youtube.com/watch?v=nKoP8FW8VHY La colonna sonora originale è stata pubblicata integralmente solo su vinile per il mercato giapponese, ma il singolo omonimo è incluso nel triplo cd box antologico Le Cinéma De Serge Gainsbourg - Musiques De Films 1959-1990. Da notare, oltre a elementi già usuali come la predominanza del piano Fender Rodhes e l'uso della voce femminile della (allora) compagna Jane Birkin, la prima comparsa nelle musiche di Gainsbourg di ritmiche dub reggae che influenzeranno pesantemente i successivi album che il cantautore avrebbe a breve registrato a Kingston con i Wailers (Aux Armes et caetera, 1979 e Mauvaises nouvelles des étoiles, 1980)
    Ultima modifica: 26/10/14 19:26 da Il Dandi
  • Musiche Lucius • 4/08/19 10:08
    Scrivano - 8423 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius, il 45 giri originale:
    Ultima modifica: 4/08/19 10:17 da Zender