LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 19/02/07 DAL BENEMERITO CAESARS
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 19/02/07 12:12 - 2827 commenti

I gusti di Caesars

Splendido ritorno al cinema di Akira Kurosawa dopo un periodo di profonda crisi culminato col tentativo di suicidio. Il film narra le avventure di una guida mongola che accompagna un ufficiale russo (Vladimir Arseniev l'autore del libro autobiografico dal quale la pellicola è tratta) impegnato lungo un periodo di svariati anni nella perlustrazione della tundra. Storia di un'amicizia molto profonda, è forse l'apice massimo della carriera del grande regista giapponese. Assolutamente da vedere.

Il Gobbo 18/10/07 08:41 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Primo scricchiolio in una carriera fin lì impeccabile. L'Imperatore soccombe al trappolone eco-buonista grondante retorica, ne vien fuori un affresco di indubbia bellezza figurativa ma senza la forza cinematografica dei suoi film migliori, pur nutriti di un umanesimo profondo. In parole più semplici, un po' barboso. Naturalmente da qui a definirlo brutto ce ne corre, i ciofeconi arriveranno a fine curriculum (e vita).

Daniela 9/02/09 13:10 - 9849 commenti

I gusti di Daniela

Elegiaco, maestoso inno al legame fra uomo e natura attraverso il ritratto di un minuto cacciatore nomade, che parla con gli animali e gli elementi naturali; nel contempo storia dell'amicizia che può nascere fra due persone diversissime per razza, cultura, condizione. Il ritmo lento, segnato dall'avvicendarsi delle stagioni, consente di immergersi nel fiume di emozioni visive offerto dalla natura dei luoghi, splendidi e selvaggi, ancora incontaminati e "innocenti" come l'indimenticabile Dersu. Commovente il finale.
MEMORABILE: La tormenta di vento sul lago gelato, le foto in bianco e nero che ritraggono Dersu, l'incontro con la tigre.

Galbo 11/02/09 05:59 - 11524 commenti

I gusti di Galbo

Il rapporto tra uomo e natura, raccontato con toni elegiaci e con un senso di attesa e stupore quasi mistico, è il tema portante del film di Akira Kurosawa che ha per protagonista un mongolo che fa da guida ad un ufficiale russo. Girato con ritmi rispettosi dei tempi naturali, il film è interpretato (benissimo) da un cast in cui spicca (nella parte del protagonista) un attore non protagonista. Bellissima la fotografia.

Rebis 22/07/09 18:17 - 2092 commenti

I gusti di Rebis

Frutto di una profonda crisi esistenziale, Dersu Uzala è l’opera che (ri)sintonizza la poetica di Kurosawa ai cicli biologici e vitali della Natura. L’incedere, maestoso e silente, sospinto tra scorci di siderale bellezza, conduce ad una percezione totalizzante e animista del creato che annienta qualsiasi forma di antropocentrismo. Pacato, emotivamente calibrato e proteso verso l’insorgere di una misteriosa quanto necessaria epifania, il film riconcilia l’uomo alle asperità del mondo, individuando il viatico e la misura della sua dimensione spirituale. Commovente.

Pigro 19/05/10 09:26 - 8109 commenti

I gusti di Pigro

L'amicizia tra un cacciatore mongolo e un ufficiale russo nel corso degli anni sullo sfondo della grande taiga siberiana. E' proprio quest'ultima il vero protagonista del film: immensa, stupefacente, insidiosa, lussureggiante, arida, dai magnifici colori e dai suoni polifonici. E alla fine è l'amicizia antica con la natura a risaltare. Un'amicizia spezzata, oggi, che Kurosawa rievoca con straordinaria spettacolarità, imponendo anche allo spettatore un ritmo naturale, diverso: lento e maestoso, ma mai sfibrante, semmai misterioso.

Giùan 30/03/12 11:54 - 3138 commenti

I gusti di Giùan

Film che segna una cesura nella carriera ma in verità nella stessa vita dell'ultimo samurai del cinema nipponico. Venuto dopo lo smacco di Tora e il tentato suicidio, è un'opera che coniuga magistralmente umanesimo e sacro senso della natura. A muoversi sul perenne scacchiere della Taiga sono non i guerrieri epici di altri suoi film ma due piccoli eroi consci della loro finitezza. Cinema sentimentale nel senso più profondo del termine, in grado di commuovere, gonfiare il cuore e donar pace ai nostri sciocchi turbinosi pensieri. Semplice Capolavoro.
MEMORABILE: La lingua in cui si esprime Dersu/Munzuk; Tutta la parte cittadina; Il finale sulla tomba.

Puppigallo 25/08/12 15:44 - 4553 commenti

I gusti di Puppigallo

"Toh guarda, è un uomo per davvero". Questo è il commento di uno dei soldati alla vista di Dersu, che passo dopo passo li conquisterà tutti, sottoscritto compreso. E' la storia di una vera amicizia, ma soprattutto di un piccolo grande uomo, semplice ma geniale proprio nella sua linearità di pensiero, nella logica che nasce dall'esperienza, dagli anni vissuti nella taiga. Un uomo buono, indissolubilmente legato alla natura e rispettoso di essa, al limite della venerazione, pur essendo un cacciatore. L'ultima parte è meno incisiva, ma resta un grande esempio di cinema poetico-avventuroso.
MEMORABILE: I segni che vede solo lui ("Voi siete come bambini, vostri occhi vede niente"); Il silenzio minaccioso del lago; la Il dramma degli "occhi cattivi".

Mickes2 9/10/12 16:07 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Storia di un rapporto d'amicizia e fratellanza tra un ufficiale russo (con drappello di militari al seguito) e un abile cacciatore. Sullo sfondo l'imponente bellezza e le numerose insidie della taiga siberiana. Intenso ed elegiaco inno ai sentimenti; sublime e poetica simbiosi riflessiva sul rapporto natura-uomo. Il ritmo naturale e contemplativo è quello dell'esistenza che scorre e la felicità, la malinconia e il dolore che attraversa i personaggi sono gli stessi dello spettatore, incantato da tale universalità. Struggente ed emozionante.
MEMORABILE: La legna preservata; La costruzione della capanna d'emergenza tra i ghiacci; Il secondo incontro; Dersu in casa, seduto sul letto; Il finale.

Enzus79 12/10/12 15:19 - 1889 commenti

I gusti di Enzus79

Capolavoro di Akira Kurosawa. La tematica dell'amicizia fra due uomini qui è raccontata benissimo. Bellissime le immagini che fanno da sfondo a questa storia. Dersu Urzala fa quasi tenerezza per la sua bontà. Bellissimo e meritatamente premiato con l'Oscar.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Almicione 2/07/14 01:59 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Non tipica di Kurosawa né tantomeno del cinema in generale, questa pellicola s'incentra sul confronto fra l'orientale Dersu (legato alle avite tradizioni indigene) e il capitano Arseniev (il moderno cittadino del XX secolo); ma soprattutto sul fascino provato dall'uomo civilizzato nei confronti del selvaggio (vedi "Cuore di tenebra"). Tra paesaggi spettacolari, perfettamente ripresi dall'esimia regia di Kurosawa, i due affrontano varie peripezie, che nella prima parte risultano più avvincenti rispetto alla seconda (un po' spenta). Gran lavoro.
MEMORABILE: Dersu Uzala che rende attoniti i soldati russi quando colpisce la corda; Le riprese delle immense distese innevate.

Cotola 18/07/14 16:15 - 7705 commenti

I gusti di Cotola

Splendido film dominato da una Natura potente e terribile dinanzi alla quale è necessario adeguarsi. Ad ergersi altissima c'è poi anche la figura di Dersu (che si imprime nella memoria in modo indelebile), personaggio di enorme umanità e semplicità, la cui logica stringente stupisce per candore e per la profondità che riescono a raggiungere le sue affermazioni. E' anche uno strepitoso inno all'amicizia, sentimento universale che può unire le persone più differenti tra loro. Parte finale un po' calante, ma epilogo commovente.

Pinhead80 16/05/15 14:21 - 4038 commenti

I gusti di Pinhead80

Il piccolo uomo delle grandi pianure è in realtà un grande uomo e lo scopriremo poco alla volta durante il film. Così come grande è il regista Akira Kurosawa a firmare un capolavoro di umanità e natura. Gli splendidi paesaggi fanno da cornice a una storia d'amicizia che tocca nel profondo. Laddove non esistono barriere, nella vastità della natura selvaggia, anche l'uomo riesce ad abbattere il muro interiore che lo rende ostile.

Paulaster 19/09/18 17:45 - 2927 commenti

I gusti di Paulaster

Il rapporto tra un capitano russo e un cacciatore della taiga. Film basato sulle contrapposizioni (la libertà e la cattività, l’uomo e gli animali, gli spazi e la città) nel quale il collante è l’amicizia che travalica le diversità. Kurosawa usa la filosofia della natura per descrivere che vivere con semplicità è più facile rispetto all'avere comodità che rendono schiavi e che distruggono l’ambiente circostante. Ottimo Munzuk nell'impersonare l’uomo pieno di generosità.
MEMORABILE: La fucilata alla fune; Il capriolo salvato; La capanna nella tormenta; Dersu davanti al fuoco in casa.

Bubobubo 23/01/20 21:41 - 1327 commenti

I gusti di Bubobubo

Un Kurosawa inedito che, raccontando la storia di una profonda amicizia tra un esploratore russo e un cacciatore nomade siberiano, riflette sul legame tra natura e cultura, tra uomo e paesaggio, tra finitezza e infinito, immerso nelle spire di una storia che non fa altro che impetrare la propria atavica tragicità. Carbura con più lentezza rispetto ad altre opere del maestro giapponese (pessimo, a tal proposito, il doppiaggio italiano), ma vale la pena seguirlo sino in fondo. Nei panni di Dersu Uzala recita il musicologo Munzuk.
MEMORABILE: Dispersi nella tormenta, in mezzo al nulla; Dersu mira al sacco, mancandolo; Il finale.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Raremirko • 30/11/19 01:10
    Addetto riparazione hardware - 3550 interventi
    Oscar meritato per il film che venne girato dal regista poco dopo una crisi che lo spinse pure quasi al suicidio; girato in russo, molto ben documentato, tratto dal famoso libro, tiene per tutti e 130 i minuti.

    Leale, sincero, è un riuscitissimo film sull'amicizia, in tal caso simboleggiata dal bonario piccolo uomo delle pianure.

    Notevole e favolistico.