Blindness - Cecità

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 16/08/09 DAL BENEMERITO SCHRAMM
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il ferrini 10/02/17 16:41 - 1686 commenti

I gusti di Il ferrini

Alla lunga può risultare un po' fastidiosa la fotografia costantemente sovraesposta, ma l'artificio è certamente voluto dal regista per riportarci il disagio dei vari personaggi. Ruffalo non ha un personaggio che lo faccia brillare particolarmente, al contrario della Moore che infatti diventa ben presto la vera protagonista della storia. A patto della solita sospensione dell'incredulità di fronte a prodotti di questo genere la pellicola scorre bene, il futuro post-epidemico ricorda un po' le atmosfere di Io sono leggenda. Buono.

Schramm 16/08/09 00:19 - 2414 commenti

I gusti di Schramm

Considerato il peso specifico del libro, applicare la tara a ogni sottotesto e attenersi alla buccia, vale a dire al solo strato narrativo, è davvero il meglio auspicabile? Forse sì.Non foss'altro che il plot è trainato da un'eleganza formale troppo invadente che ne disinfetta larga parte del potenziale apocalittico.Non difettano intensi passaggi di indubbio interesse (il caos urbano, gli incidenti d'auto e aerei più reali del vero, la sequenza criptoromeriana al supermercato), per il resto è arduo ravvisare in quest'onesta ma inoffensiva prova albori e allori di chi ci ha regalato City of God

Scarlett 8/11/09 20:12 - 307 commenti

I gusti di Scarlett

L'apocalisse cieca per così rendere in due parole il sunto del film. Un soggetto piuttosto originale che poteva essere sfruttato decisamente meglio. L'andamento della trama è caotica, alcune scene incomprensibili alla logica delle sequenze. La durata è eccessiva. Un finale che non lascia assolutamente nulla, neanche l'amaro che porta peraltro a desiderare una fine cruenta per tutti i videolesi protagonisti.

Lucius 9/11/09 01:48 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Da un regista talentuoso un muovo film eccelso post-apocalittico che immerge lo spettatore iu una realtà dove l'umanità è immersa in un bianco minaccioso di cecità dovuto ad un'epidemia che rende ciechi, in una nuova società di non vedenti dove l'incontrollabile è dietro l'angolo. Immagini sorprendenti ed una regia di alto livello per un lungometraggio affascinante dove la Moore, (unica a non aver perso la vista nel film) è bravissima come e più che mai dando una prova recitativa notevole. un regista di cui sentiremo sicuramente ancora parlare.

Daniela 15/11/09 12:44 - 9410 commenti

I gusti di Daniela

Impresa difficile portare sullo schermo il romanzo di Saramago, per il contenuto metaforico e nello stesso tempo il realismo della descrizione del progressivo abbruttimento della piccola comunità isolata. Meirelles ci prova con un risultato senz'altro dignitoso, ma depotenziato rispetti al testo. Anche le immagini più forti - quelli della seconda parte - rinviano ad un immaginario cinematografico già stratificato nella memoria dello spettatore, senza riuscire ad emergere per potenza o originalità. Da vedere, anche se inferiore alle aspettative.
MEMORABILE: Le donne lavano il corpo della loro compagna ammazzata di botte - scena illuminata da una luce caravaggesca

Gestarsh99 16/03/11 17:54 - 1323 commenti

I gusti di Gestarsh99

Alla stesura del suo nono romanzo, il lusitano Saramago forse non aveva ben presente che, quasi 20 anni prima di lui, un pinco pallino di nome George aveva già raffigurato nella maniera più eclatante gli spaventosi esiti regressivi causati dall'azzeramento delle strutture sociali e questa "svista" si ripercuote anche sul film. Nel convertire il libro in immagini, Meirelles tiene innaturalmente a freno i suoi impulsi materici e rifugge spettacoli di fanta-grandeur, rallentando però sconsolatamente nella prevedibilità di un dramma raffreddato e poco avvertito.
MEMORABILE: L'amara delusione intravista nel finale sul volto di Danny Glover.

Galbo 12/06/11 23:36 - 11388 commenti

I gusti di Galbo

Dal romanzo di Saramago (testo verosimilmente difficile da rendere sullo schermo) un film piuttosto efficace e di presa del talentuoso regista Meirelles. La metafora dei non vedenti è abbastanza ovvia ma lo svolgimento del film non è così scontato e il film dà il suo meglio nella ricostruzione ambientale e scenografica (buona l'idea di una collocazione geografica vaga e volutamente senza riferimenti) oltre che nella prova del valido cast.

Pinhead80 6/07/11 13:27 - 3953 commenti

I gusti di Pinhead80

In un luogo non precisato della terra si scatena un'epidemia di cecità che a mano a mano renderà le persone simili se non peggio delle bestie. Un film angosciante quello di Mereilles (soprattutto nella parte che mostra i non vedenti divisi per camerate) che però trova il suo maggior difetto in alcune incongruenze di fondo (la Moore unica vedente potrebbe impadronirsi dell'arma di Bernal ed evitare il peggio invece...) e in una parte finale inconcludente. Forse il soggetto era maggiormente adatto per una miniserie.

Cotola 19/08/11 12:50 - 7529 commenti

I gusti di Cotola

Il discontinuo e "furbetto" Meirelles, si cimenta col difficile e denso romanzo di Saramago. Pretendere risultati affini alla pagina scritta era eccessivo (anche per la particolarità della prosa del portoghese, ardua da rendersi in immagini), tuttavia il risultato è comunque deludente, poichè non avvince particolarmente (ed è anche ben poco originale) e non colpisce nemmeno da un punto di vista visivo. Il regista poi è incerto sulla strada da intraprendere, restando così nel mezzo tra il "semplice" film di genere qualcosa di più "complesso".

Enzus79 28/08/11 10:43 - 1802 commenti

I gusti di Enzus79

Per fortuna il grande romanzo di Josè Saramago non è stato "saccheggiato" come altri. Meirelles si è dimostrato un bravo regista, distaccandosi di poco dalla storia scritta dal portoghese. Bellissime e coinvolgenti le immagini. Bravi gli attori, specie Ruffalo.

Capannelle 8/09/11 15:28 - 3723 commenti

I gusti di Capannelle

Un film che ha diviso gli spettatori ma sfido chiunque a dire che siano due ore perse. La vicenda non è esente da passaggi inverosimili ma rimane intrigante e la mano di Meirelles, a metà tra Shamalayan e Boyle, dirige con ottimo stile e una discreta personalità cross-genere. Da rimarcare le prove della Moore e di Ruffalo, nelle retrofile anche Glover e la Oh. Film perfettibile ma che rimane impresso, col merito di non ricorrere a scene troppo esplicite.

Monzaparco 20/01/12 00:39 - 41 commenti

I gusti di Monzaparco

Sono rimasto sconcertato non tanto dall'assoluta pochezza e incongruenza del film ma dal fatto che sia stato diretto da Fernando Meirelles, di cui ho potuto apprezzare City of God ma sopratutto The constant gardener, onirico e toccante. Sembra una involuzione inspiegabile, qualcosa si deve essere rotto... Fin dall'inizio sembra un B Movie catastrofico e si trascina stancamente fino alla fine senza un sussulto; scontato, noioso e inverosimile.

Mickes2 13/05/14 14:08 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

“Siamo ciechi che, pur vedendo, non vedono”. Fedele trasposizione, con tutte le riserve del caso, dello straordinario romanzo di Saramago. Il potere cieco, il buio della ragione secondo Meirelles che, da par suo, rimane umilmente fedele al suo stile scegliendo la strada del film di genere apocalittico, con buoni risultati. Nel complesso siamo molto lontani dalle implicazioni psicologiche, etiche, morali e sociali nonché dalla torbida e claustrofobica atmosfera della pagina scritta, ma abbastanza vicino all’emotività dei personaggi. Buono.
MEMORABILE: L'incipit.

Rullo 4/08/14 20:58 - 388 commenti

I gusti di Rullo

Un film dal sapore misterioso e apocalittico, che fa della focalizzazione sui personaggi non solo il proprio cavallo di battaglia ma anche il suo punto debole. Molti passaggi infatti sono frettolosi, inconcludenti, deludono le premesse. Sembra quasi una compressione eccessiva di ciò che accade nel libro. Tutto sommato però la tecnica di Meirelles è innegabile, così come le prove attoriali di grande spessore. Purtroppo lascia poco, neanche una riflessione finale.

Ryo 22/01/15 03:59 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Ottima trasposizione del romanzo di Saramago, nobel per la letteratura. Prima parte con ritmo molto ponderato che crea la giusta dose di aspettativa, mentre da un certo punto in poi la velocità narrativa si fa più concitata quasi trasmettendo fretta di concludere. Buona la scelta di riempire il film con numerosi riferimenti al bianco, che alla lunga stancano, ma forse l'intento era proprio quello. Recitazione eccelsa di tutti gli attori, scelti benissimo per i rispettivi personaggi. Anche le musiche sono tutte quante azzeccate.

Saintgifts 6/05/15 11:18 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

In una realtà dove per motivi sconosciuti tutti stanno diventando ciechi, azzerando (o cambiando) così tutte le differenze sociali, gli avvantaggiati sono coloro che già erano ciechi, quindi abituati a muoversi nel buio; e l'unico personaggio che non perde la vista, ma che sembra approfittare poco di questa sua superiorità, è una donna buona. Scritto e filmato con l'evidente intenzione di dire qualcosa (oltre alla descrizione della nuova realtà senza uno dei nostri sensi) per scoprire quanto sia mutevole la nostra "umanità". Buono.
MEMORABILE: L'assurda richiesta dei beni personali in cambio di cibo: l'uomo perde la vista ma non il vizio.

Pigro 22/08/15 09:35 - 7794 commenti

I gusti di Pigro

Un apologo sulla società, un saggio di etologia camuffato da apocalisse visionaria, in cui tutti diventano ciechi e rinchiusi in spaventosi lager. Meirelles dà corpo al romanzo morale di Saramago, immergendolo in una fotografia abbacinante e focalizzando lo sguardo sui dettagli. Cattura l’attenzione, tra fantascienza e horror (zombi), incalza lo spettatore con situazioni disturbanti e pathos emotivo. Anche se il finale è prevedibile il film è un viaggio avventuroso nella paura dell’ignoto e soprattutto di ciò che è noto: le relazioni umane.

Didda23 15/03/18 09:12 - 2287 commenti

I gusti di Didda23

Il sottobosco fitto di metafore del testo originario vengono mantenute dosando bene autorialità e cinema manstream con buoni dialoghi e personaggi abbastanza riusciti, eccezion datta per Bernal, oltremodo bidimensionale e stereotipato. Seppur nobile, il tentativo di Meirelles di sostanziare la forma donandogli un significato più che generare soddisfazione crea fastidio per colpa di una fotografia esageratamente sovraesposta. Un film che indubbiamente fa riflettere sull'eccessiva deriva egoistica dell'individuo che per risollevarsi ha bisogno di riscoprire le radici comunitarie.
MEMORABILE: Il sacrificio delle donne; La scena al supermercato di chiara matrice romeriana; Il cieco nato cieco.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Gestarsh99 • 16/05/11 00:40
    Scrivano - 14515 interventi
    Disponibile in edizione Blu-Ray Disc dal 24/05/2011 per Cecchi Gori:



    DATI TECNICI

    * Lingue Italiano
    * Sottotitoli Italiano
    * Schermo Anamorfico 1080p High Definition
    * Audio Dolby Digital 5.1 True Hd
  • Discussione Didda23 • 20/08/11 13:19
    Comunicazione esterna - 5717 interventi
    Caro Cotola,sbaglio o ti stai facendo un'abbuffata di titoli che sta trasmettendo sky??Se hai la possibilità dell'Hd di segnalo Inferno di Argento stasera in seconda serata su Sky cinema Classics..Può essere un'occasione per gustarsi ancora di più il capolavoro Argentiano...
  • Discussione Cotola • 20/08/11 14:03
    Consigliere avanzato - 3629 interventi
    Più o meno Didda. Qualche film l'ho ripescato
    grazie ai consigli Davinottiani (specie quelli
    di Buio). Altri li ho ripescati autonomamente.
    Però sono avvantaggiato dal fatto di avere mysky così li registro e poi li vedo con calma Per esempio Blindness è uno di questi.

    Grazie del consiglio per Inferno. Avevo proprio
    voglia di rivederlo (è una vita che non lo faccio). Stavo proprio pensando di visionarlo
    dal mio dvd in questi giorni, ma adesso l'opportunità dell'alta definizione non me la
    faccio scappare.
  • Discussione Didda23 • 20/08/11 16:35
    Comunicazione esterna - 5717 interventi
    Prego,si Mysky è davvero una figata.Fammi sapere cosa ne pensi della vsione in Hd di Inferno..
  • Discussione Zender • 20/08/11 20:45
    Consigliere - 43533 interventi
    Ahah, prevedo nuova onda di giufrecce causa Sky...
  • Discussione Didda23 • 20/08/11 20:46
    Comunicazione esterna - 5717 interventi
    Semmai il rischio era alle 17:05 con Indipendence day....
  • Discussione Gestarsh99 • 10/09/11 15:56
    Scrivano - 14515 interventi
    Capannelle ebbe a scrivere:
    ...a metà tra Shamalayan e Boyle...


    Ottima sintesi, che condivido appieno!
    C'è nel film una certa sospensione estatica e congelata che ricorda da vicino le pellicole di Shyamalan, come pure è innegabile quella desolata asciuttezza apocalittica che aveva caratterizzato l'ottimo 28 Giorni dopo.
    Anche se nel complesso questa trasposizione di Meirelles non mi ha convinto per nulla...
  • Discussione Capannelle • 11/09/11 00:05
    Scrivano - 2505 interventi
    Per me è stata una bella sorpresa e mi appresto a vedere Costant Gardener per vedere se Meirelles fa 3 su 3.

    PS Il nome del regista di origini indiane lo avevo scritto a memoria.. credevo di far peggio eheh.
  • Discussione Capannelle • 2/01/12 10:19
    Scrivano - 2505 interventi
    Rivisto vale ancora i 3 pallini e mezzo. Ho apprezzato ancora di più la musica e una forma abbastanza originale del racconto.

    Eppure, consensi di pubblico e di critica ne ha avuti ben pochi.

    A chi interessasse su YT c'è il Making of con effetti speciali e descrizione delle location
    Ultima modifica: 2/01/12 15:12 da Capannelle
  • Discussione Lucius • 6/01/12 23:08
    Scrivano - 8325 interventi
    Un film per me meraviglioso.Condivido in pieno.