Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL DESTINO DI UN GUERRIERO

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 9
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 16/11/07 DAL BENEMERITO GALBO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 16/11/07 20:16 - 11098 commenti

Ambientato nella Spagna del XVII secolo ed ispirato ad un ciclo di romanzi di Arturo Perez Reverte, Il destino di un guerriero è un film che ha ambizioni di kolossal impegnato europeo. In effetti è girato con largo uso di mezzi ed interpretato da una star come Viggo Mortensen. Il suo limite è quello di un'eccessiva pomposità e freddezza che ne fa un'opera che non riesce mai ad appassionare benché obiettivamente ben fatta e che risulta troppo lunga e ridondante. Di notevole da segnalare la fotografia con chiaroscuri dalle valenze pittoriche.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Tarabas 5/2/09 15:09 - 1647 commenti

Le vicende del Capitano di ventura Diego Alatriste, soldato senza macchia troppo vicino ai loschi intrighi della decadente corte di Spagna e dell'Inquisizione. Superproduzione europea di origine letteraria, il film è realizzato con grande cura (e certamente andrebbe visto in sala) e Mortensen è come sempre molto bravo. Però. Però il film non ha veri guizzi e il tono un po' dolente e un po'documentaristico raffredda il clima e impedisce l'immedesimazione. Troppi personaggi di contorno confondono la storia. Mancato.
I gusti di Tarabas (Commedia - Gangster - Western)

Saintgifts 2/7/11 23:53 - 4099 commenti

Il pregio di questo film, ambientato nella Spagna del 1600, è la ricostruzione di ambienti e luci (e rumori di fondo), sia in interni che in esterni, molto curati ed esatti, a rappresentare l'epoca. La regia (specie nelle scene delle battaglie) è buona e gli interpreti calati nelle loro parti. Il potere temporale, in fase di decadenza e il potere della Chiesa (si può fare anche un parallelo con il mondo attuale) descritti senza velature. La sceneggiatura impone ritmi troppo rallentati e teatrali che diminuiscono un'opera di un certo valore.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Nando 9/10/11 15:17 - 3393 commenti

Una vicenda ambientata nella Spagna del '600 in cui si mostra l'iniziale declino della potenza Iberica vista con gli occhi di un coraggioso spadaccino nonchè eroico militare. Una confezione luccicante con belle ricostruzioni nonostante la pellicola tenda lievemente al prolisso.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Piero68 19/5/10 9:20 - 2724 commenti

Mentre in Italia escono le "vacanze varie", gli spagnoli sono capaci di sfornare un film ambizioso come questo da 25 milioni di euro. Ambientazione, fotografia, sceneggiatura e tutto il resto davvero a grandi livelli. Mortensen calato nei panni di Alatriste fino all'estremo. Cast azzeccatissimo e scene dei duelli davvero ben fatte. È vero che sono di parte perché adoro i film storici, ma raramente capita di vedere film di fattura così pregevole in questo ambito (basta guardare il recente Barbarossa...). Se fosse stato made in USA avrebbe sfondato!
I gusti di Piero68 (Azione - Fantascienza - Poliziesco)

Belfagor 23/7/12 10:02 - 2608 commenti

Storia del capitano di ventura Diego Alatriste nel periodo di decadenza dell'impero spagnolo (XVII sec). Film decisamente europeo, visivamente eccellente e debitore della pittura di Velasquez, dell'Aguirre di Herzog e de Il mestiere delle armi di Olmi. Sotto le vicende dei protagonisti, quasi da cappa e spada, si nasconde una visione della storia intensa, forse antieroica, sicuramente anti-ironica (non è detto che sia un male, in certi casi). Due difetti: la durata eccessiva e Lo Verso che, seppur bravo, necessita di un doppiatore.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'inizio con i soldati che emergono dall'acqua.
I gusti di Belfagor (Commedia - Giallo - Thriller)

Satyricon 18/11/11 23:56 - 147 commenti

Accattivante Alatriste, mai sopra le righe e ben interpretato da Mortensen. Pregevole: era da tempo che non si sentiva l'odore di un film in costume così ben fatto anche se un pelino troppo lungo. Non mi ha stancato, anzi mi ha tenuta incollata fino alla fine con un'ottima storia, eccelenti fotografia e scenografia. Unico neo: un doppiaggio all'attore Lo Verso era dovuto (non sempre un buon attore è anche un buon doppiatore).
I gusti di Satyricon (Drammatico - Fantascienza - Peplum)

Soga 26/1/09 18:02 - 125 commenti

Un poderoso affresco su un’epoca, quella dell’inizio della decadenza dell’impero spagnolo, guidato da corrotti e inetti, attraverso la tormentata vicenda del capitano Alatriste, guerriero di Spagna, troppo onesto e valoroso per l’epoca in cui è vissuto. L’ambientazione è resa magnificamente, i personaggi sono intensi, la fotografia ricrea quell’atmosfera d’epoca che dona fascino e solennità al film senza renderlo troppo leccato. Un cappa e spada raffinato, la cui unica pecca potrebbe essere l’eccessiva lunghezza.
I gusti di Soga (Avventura - Commedia - Drammatico)

Urraghe 27/1/20 1:14 - 25 commenti

Kolossal di cappa e spada del capitano Diego Alatriste, antieroe magnifico, sino alla battaglia di Rocroi che concluse la supremazia militare spagnola nel 1643. Il film narra del rapporto del protagonista con la vita, i tradimenti e, soprattutto, con la morte. Film di grande impegno economico accurato nella ricostruzione storica, nei costumi e nella descrizione dei personaggi. Straordinari gli attori con un Viggo Mortensen indimenticabile. Qualche inesattezza nella battaglia finale ma coerente con la narrazione. Indispensabile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Veterani di Spagna in prima linea. I soldati più giovani in retroguardia".
I gusti di Urraghe (Documentario - Drammatico - Fantascienza)