Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LA CLASSE - ENTRE LES MURS

All'interno del forum, per questo film:
La classe - Entre les murs
Titolo originale:Entre les murs
Dati:Anno: 2008Genere: documentario (colore)
Regia:Laurent Cantet
Cast:Cherif Bounaïdja Rachedi, François Bégaudeau, Juliette Demaille, Laura Baquela, Nassim Amrabt, Louise Grinberg
Visite:697
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 16
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 14/10/08 DAL BENEMERITO GRADA

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 30/1/09 5:50 - 10904 commenti

Un anno di un insegnante e della sua classe in una scuola media della periferia parigina; il film di Laurent Cantet si svolge in Francia ma il suo valore documentaristico è sicuramente universale. Girato con un efficacissimo stile documentaristico, La classe (ma il titolo originale, Dentro le mura, è più efficace) ci mostra il precario equilibrio che si instaura tra un insegnante e i suoi allievi in un'età difficile di questi ultimi nonchè il valore delle relazioni umane e lo spesore e difficoltà di un mestiere difficile. Da vedere.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Pigro 30/11/10 10:51 - 7282 commenti

Notevole approccio al mondo scolastico, mostrato "da dentro" (come indica il bel titolo originale) con stile simil-documentario che valorizza il contenuto. L'anno del prof di lettere in una terza media mette a nudo la scuola come puzzle inestricabile, nel quale la difficoltà di dialogo tra insegnante e studenti è segno di un malessere che qui non è spiegato ma solo indicato. Un documento "vivo" che innesca riflessione nello spettatore, ma anche un vago senso di impotenza. Raccomandabile la visione a studenti, insegnanti e soprattutto genitori.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Schramm 16/4/15 13:10 - 2288 commenti

Chi ha detto che la classe non è acqua? La classe è alta marea, tromba marina, deriva dei continenti. La classe è aporia inter-etnica. La classe è darwiniano rigurgito pre-selettivo. La classe culla di disagio e non appartenenza. Il bluff della cultura, palliativo che non cura un’umanità ferita a morte. Il bluff della grammatica da anime belle, che non sottrae a esistenze stradaiole fiere dell’analfabetismo corrente. La radiazione di insegnanti umani troppo-umani consci di avere davanti generazioni senza speranza, cui non resta che cercare di trasmettergliene. La classe è il pubblico di classe, dunque, e Cantet l’utopista battagliero, il film un tema in bianco, accecante.
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Cotola 8/8/09 10:47 - 6982 commenti

Pellicola di stampo "documentaristico" dai risultati molto interessanti. Pone vari interrogativi spingendo alla riflessione e al dibattito senza mai avere la supponenza di dare risposte certe e risolutorie. Riesce a rendere l'idea della complessità del gruppo-classe e di quanto sia difficile gestirlo e svolgere il mestiere di insegnante. Bella la sceneggiatura e davvero brillanti alcuni dialoghi. In ogni caso non un film per tutti.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 18/7/14 8:40 - 8008 commenti

Se fatto con coscienza, il mestiere di professore deve essere fra i più stressanti: qui seguiamo, nell'arco di un anno scolastico, le lezioni di un insegnante di francese in una media della periferia parigina, alle prese con una classe multietnica di adolescenti in piena età ingrata. Tutto racchiuso fra le mura del microcosmo scolastico, Cantet non vuole fornire risposte, ma porre domande, seminare dubbi, rafforzare incertezze. Un realismo convincente - i ragazzi non sembrano recitare ma mettere in scena se stessi - che costituisce il pregio maggiore del film ed insieme il suo limite.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Alla fine dell'anno scolastico, l'ultimo colloquio con una alunna che confessa di non aver imparato nulla e di non voler continuare a studiare. .
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Rebis 2/10/13 21:31 - 2073 commenti

Cantet polarizza il confronto tra alunni e docenti: tutto avviene "dentro le mura" scolastiche; la vita privata, il quotidiano sono esclusi o vi accedono per sommi capi (Bégaudeau è omosessuale? Wei verrà estradato? Souleyman riuscirà a integrarsi? Quesiti di massima...). La scuola si configura come luogo di contraddizioni vitali, di coercizione e riscatto, elaborazione e immobilismo; le regole si fanno appigli, fondamenti, convenzioni (la pretesa del "Lei"). Il quadro è parziale, ma assolutamente pertinente; il naturalismo non documenta, mira all'umanità. Eccezionali i giovani interpreti.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Deepred89 31/10/08 15:08 - 3101 commenti

Interessante e originale. Lento e quasi documentaristico ma anche piacevole e appassionante, con uno stile semi-amatoriale che per una volta risulta funzionale. Ottimi gli attori, riusciti e credibili i dialoghi (notevole quello verso la fine tra il professore e la ragazza "difficile") e molto azzeccate alcune sequenze, come quella dell'insegnante alle prese con il ragazzo dark. Consigliato a tutti.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Brainiac 1/4/09 9:25 - 1081 commenti

Bello e frustrante. Come restare schiacciati fra il sistema, le buone intenzioni ed un gruppo di pre-adolescenti aggressivi. Senza retorica, con stile aspro, il regista francese ci fa entrare nella classe, ci illude che l'eccezionale prof possa accenderne la vitalità emotiva e intellettuale ed infine (che mazzata!) ci mostra il tracollo di questi tentativi. I ragazzi non si riscattano, anzi, confusi da famiglie accomodanti o impotenti, scatenano il loro sadismo proprio sul giovane prof, l'unico a tentare la via di un dialogo non istituzionalizzato. Amaro.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I colloqui con i genitori.
I gusti di Brainiac (Commedia - Gangster - Horror)

Supercruel 11/5/09 20:18 - 498 commenti

Buonissimo film dal taglio secco e documentaristico che offre uno spaccato di un anno in una scuola parigina. La telecamera segue i comportamenti, le espressioni facciali e i dialoghi in maniera "maniacale", quasi come fosse un pezzo di cronaca, donando alla pellicola un notevole effetto realista. Non si scade mai nella banalità e il conflitto/confronto tra insegnanti e alunni è sviscerato in maniera intelligente, in perenne bilico tra ottimismo e rassegnazione. Nella sua semplicità, poi, il finale è durissimo. Da vedere.
I gusti di Supercruel (Azione - Fantascienza - Horror)

Pinhead80 9/4/13 1:49 - 3431 commenti

Interpretato dallo stesso autore del libro da cui è tratto il film (parliamo di François Bégaudeau), La classe è un film che mostra un anno scolastico di una scuola della banlieue Parigina, vissuta da un professore di letteratura francese. All'interno della classe non si riesce mai a ceare un momento di vera condivisione. Lo stile con cui è girata l'opera fa pensare spesso al documentario. Un ottimo esempio di come capiti che la scuola, nel tentativo di abbattere le barriere culturali, contribuisca a rafforzarle.
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Stefania 17/8/09 14:18 - 1600 commenti

Fuori dalla classe c'è il mondo: da lì, i ragazzi portano il loro smarrimento, il loro senso di impotenza, mascherato di indifferenza o aggressività, nei confronti di una realtà che li rende alienati. E dall'interno della classe all'esterno che cosa porteranno? Nel migliore dei casi, se, come "la sgallettata" della classe, avranno letto Platone, porteranno ulteriori "margini di dubbio", che consentiranno loro di criticare la realtà, anziché aggredirla o subirla. Film documentario non facile da seguire, ma appagante.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "E Socrate fermava la gente per strada e chiedeva cose tipo: sei sicuro di pensare quello che pensi? E allora se lo chiedevano anche loro...".
I gusti di Stefania (Commedia - Drammatico - Giallo)

Mickes2 12/8/11 21:03 - 1551 commenti

Delizioso film di Cantet che indaga, attraverso una classe di studenti parigini, i piccoli-grandi problemi che possono affiorare in un paese multi-etnico come la Francia. Si passa da futili ma ficcanti disquisizioni come la coniugazione del congiuntivo imperfetto, alla frustrazione dei professori; dal risentimento di Souleymane ai problemi burocratici dell’immigrazione. Partecipe e rispettoso, Carnet si districa tra gli sguardi e i comportamenti delle persone che popolano la scuola, facendo risaltare ogni argomento e donando la giusta profondità.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il professore che perde la pazienza e "sbotta" nei confronti dei poco rispettosi studenti.
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Xamini   5/2/09 16:47 - 894 commenti

Tre telecamere a mano: una sulla faccia del professore (quel Bégaudeau che ha scritto il libro da cui sono tratti i contenuti), una sugli studenti e una dedicata a cogliere momenti imprevisti. Nel chiuso delle mura scolastiche di questa scuola periferica, si recita a soggetto senza veri attori e la trama è praticamente assente; così ne risulta un documento indubbiamente interessante (ne scaturiranno discussioni a non finire), pure se piuttosto noioso, in diverse circostanze. Lo classifico come sperimentale e meritevole di considerazione.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: In un contesto di realismo sempre a cavallo tra l'ottimismo e la tenacia del professore e il pessimismo di fondo, giungono lapidarie le parole finali.
I gusti di Xamini (Commedia - Drammatico - Fantastico)

Cloack 77 20/8/12 17:04 - 547 commenti

Perché non un documentario? Cosa distingue La classe da un documentario? Perché recitare quando si vuole mostrare la realtà o esserne il più attinenti possibile? Dov'è la mano del regista? Sicuramente nella direzione degli attori non professionisti, ma un buon documentarista avrebbe raggiunto gli stessi risultati. La classe è un film che a me è piaciuto, ma di cui mi sfuggono l'essenza e il senso.
I gusti di Cloack 77 (Drammatico - Horror - Western)

Grada 15/10/08 2:15 - 25 commenti

Cronaca di un anno di scuola media in banlieue. Quadro di una situazione povera di contenuti e in perenne tensione per il sommarsi di problematiche multietniche, adolescenziali e di rapporto docente/allievi. La faticosa ricerca in classe di un linguaggio minimo comune giunge a risultati modesti come volutamente e realisticamente modeste sono le realtà coinvolte. Francesi come sempre maestri nell'indagare il linguaggio della quotidianità. Qui l'ottimo regista sceglie un taglio da sceneggiato YV, ma l'ispirazione resta efficacemente giornalistica.
I gusti di Grada (Commedia - Drammatico - Giallo)

Madame_s 27/9/09 15:40 - 11 commenti

Amaro e crudelissimo. Le camere a mano riprendono impietosamente - ma senza alcun commento - tutti i protagonisti: chi è schiacciato dal sistema, chi vi si oppone blandamente, chi si ribella con coraggio. E forse la realtà non è poi così semplice da decifrare: anche la "sgallettata" legge Platone.
I gusti di Madame_s (Documentario - Drammatico - Teatro)