Cerca per genere
Attori/registi più presenti

DERANGED: CONFESSIONS OF A NECROPHILE

All'interno del forum, per questo film:
Deranged: confessions of a necrophile
Titolo originale:Deranged: confessions of a necrophile
Dati:Anno: 1974Genere: thriller (colore)
Regia:Jeff Gillen, Alan Ormsby
Cast:Roberts Blossom, Cosette Lee, Leslie Carlson, Robert Warner, Marcia Diamond, Brian Smeagle, Arlene Gillen, Robert McHeady, Marian Waldman
Note:ispirato alla vera storia del serial killer Ed Gein
Visite:997
Il film ricorda:Il collezionista (a Matalo!)
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 10
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Undying 21/6/10 18:11 - 3875 commenti

La morte della madre è causa dell'esplosione di follia, sino ad allora sopìta, nella mente di Ezra Cobb, contadino di mezza età che si ritrova - d'improvviso - l'inusitata passione di riempire casa con cadaveri trafugati dal cimitero locale, per poi passare alle donne, inizialmente vive. La misoginia, dettata dall'autorità materna, si manifesta in azioni necrofile e prive di contenimento morale. Il primo, vero film ispirato alla tragica figura di Ed Gein, indescrivibile travestito con tendenze necrofile alla base di molteplici pellicole quali Psycho, TCM e Il silenzio degli innocenti.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le sequenze attorno al tavolo, con presenza di cadaveri mummificati; la contorta psicologia e la convincente immedesimazione di Roberts Blossom.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Puppigallo 17/2/08 9:51 - 4068 commenti

Tratto da un fatto realmente accaduto, è quello che io definisco un film D.O.M. (denominazione d’origine marcia), come Non aprite quella porta. Ezra, pur essendo un personaggio decisamente inquietante (mentalmente deviato), riesce persino a suscitare compassione (la sua purezza forzata da una madre possessiva e ultrareligiosa). Ma la compassione scompare quando il protagonista entra in azione. E’ un resoconto di ciò che dovrebbe essere accaduto, con tanto di esperto. Ma se non fosse per il bravo protagonista, la pellicola sarebbe pesantuccia.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Ezra reagisce “malino” alle avance di una sensitiva (le spara in faccia). A tavola con le mummie.
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Schramm 19/11/07 21:24 - 2107 commenti

I primi 25' riescono ad ammorbare e disturbare come pochi. Via via l'atmosfera malsanissima dell'incipit si stempera un po', ma il film resta notevole, impeccabilmente sorretto com'è da un Robert Blossom da mani spellate. Consigliato, specie a quanti salutano in certa monnezza di questi ultimi anni la rinascita dell'horror. Guardino questo e imparino la differenza.
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Ciavazzaro 31/5/09 11:49 - 4659 commenti

Interessante. Ammettendo che il cast non recita molto bene, il film riesce a creare una buona atmosfera. L'unico salvabile del cast è, ovviamente, il protagonista, da citare le sue scene con la medium, o la ragazza che si porta a casa per farle conoscere la "famiglia". Sporco e malsano, un più che buon film.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'inquadratura finale.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Matalo! 26/2/15 11:43 - 1333 commenti

Mediocre con qualche punta. La regia è basic ma con una punta rilevante: la "caccia" alla commessa. Se mai un film ha avuto un protagonista perfetto, Deranged è uno di questi. Blossom incarna fisicamente e recitativamente il protagonista alla perfezione. Primo tempo di comicità (in)volontaria (la seduta spiritica, degna di Ed Wood) e piuttosto modesto; poi, con il primo rapimento, ha dei guizzi interessanti. Pessima la figura del giornalista che, tra l'altro, a metà film scompare. Il vero Gein comunque fece di peggio. Un film asfitico, poteva essere migliore.
I gusti di Matalo! (Commedia - Gangster - Western)

Herrkinski 26/11/10 11:48 - 3833 commenti

Notevole horror settantiano, impreziosito da un interprete pressochè perfetto (lo straordinario Blossom) e dai realistici effetti speciali del "mago" Tom Savini. La storia è ovviamente un resoconto della vita e delle turpi azioni del serial killer Ed Gein, raccontata con una certa precisione storica, seppur non manchi qualche tocco puramente cinematografico. A convincere è l'atmosfera, malsana ed opprimente, macabra e disgustosa, come solo pochi film d'epoca riuscivano a ricreare; il ritmo adeguato mantiene alta l'attenzione per tutto il film.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Trivex 26/9/09 15:26 - 1345 commenti

Il racconto potrebbe essere banale, se non fosse una storia vera, quindi non giudicabile (la storia, s'intende). Per il resto il film è davvero insano, ammorbato all'inverosimile di follia. Molto lento, narra la vicenda cercando di essere autentico anche nei tempi, per quanto possibile. Il sangue scorre con parsimonia, ma ci sono un paio di scene, tra cui lo squartamento finale, che impressionano non poco. Il taglio pseudo-documentaristico è discutibile, ma poco toglie dalle considerazioni estremamente positive su questo piccolo spaccato di cinema e di storia (vera).
I gusti di Trivex (Horror - Poliziesco - Thriller)

Rufus68 2/3/18 14:00 - 1912 commenti

Blossom può uscire tranquillamente dal film ed entrare nel famoso quadro "American gothic": sarebbe perfetto. Il regista sceglie il realismo, spesso urtante nella mancanza di una "bella" patina cinematografica e riesce a farci capire davvero cos'è la malattia mentale (colta nella sua purezza) e cosa lo squallore di certa provincia americana, tra bar oscuri, case rurali fatiscenti e trabiccoli ammaccati. Essenziale pur negli affondi macabri e capace di creare la costante atmosfera allucinata (che va oltre la visione) della banalità del male.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Minitina80 29/4/15 8:51 - 1638 commenti

Seppur tratto da una storia vera, ciò che inquieta veramente è il realismo con cui viene rappresentata la follia di Ezra, la sua apparente normalità che nasconde un uomo mentalmente disturbato. La performance di Blossom è straordinaria; il suo sguardo è capace di raggelare il sangue. È crudo e morboso nei suoi momenti di assordante silenzio. Non ci sono ricami o inutili spettacolarizzazioni, solo tanta ferocia in grado di annichilire gli ultimi due decenni almeno di pellicole horror.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Jena 23/1/11 12:34 - 845 commenti

Film piuttosto buono, se si considera la pochezza dei mezzi a dispozione. punto di forza rimane senza dubbio l'interpretazione di Blossom, che mostra uno degli sguardi piu allucinati mai visti al cinema. Alcune scene sono veramente allucinanti, come quella in cui la grassona invoca il marito defunto per farsi "possedere" da Ezra o la scena con Ezra travestito da donna in mezzo ai cadaveri. Molte scene sono presenti anche in Non aprite quella porta, ma essendo i film usciti in contemporanea non sapremo mai chi ha copiato... Un po' brusco il finale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Ezra scuoia la barista appesa nel fienile; mette la maschera di pelle umana sulla faccia della madre defunta.
I gusti di Jena (Fantascienza - Fantastico - Horror)