Un uomo qualunque

Media utenti
Titolo originale: He Was a Quiet Man
Anno: 2007
Genere: drammatico (colore)
Numero commenti presenti: 10

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/09/08 DAL BENEMERITO ELSUP
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Elsup 29/09/08 00:01 - 140 commenti

I gusti di Elsup

Decisamente non mi è piaciuto. Non perché non abbia una trama valida, ma sinceramente è abbastanza noioso, lento e soprattutto non riesce a trasmettere nessuna emozione, se non un po' di fastidio. Christian Slater, che fa la parte del classico impiegato frustrato, è fuori parte.

G.Godardi 17/06/09 17:01 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Sociopatico e un po' schizofrenico impiegato pianifica di fare una piccola strage nell'azienda nella quale lavora. Purtroppo viene preceduto da un collega: non gli resta che far fuori quest'ultimo e divenire suo malgrano un eroe. Curiosa e interessante pellicola, sull'onda di Taxi driver e Un giorno di ordinaria follia, ma filtrata tutta da un'ottica grottesca (in alcuni momenti ricorda pure Fantozzi!) e surreale, con evidenti debiti da Lynch e Gondry. Funziona bene fino quasi alla fine, quando si accortoccia su se stesso. Irriconoscibile (e bravo) Slater.

Brainiac 20/06/09 18:40 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

Descrivere il disagio mentale non è impresa agevole, il rischio che si corre è quello di cadere nei clichè e qui ci sono tutti (la vita squallida del dipendente vessato dai colleghi, i vicini che lo ignorano, la solitudine). Il regista decide di usare il registro surreale, ma mostrare un pesce rosso parlante dopo cinque minuti non aiuta certo l'identificazione dello spettatore. Ci sono delle belle scene, battute riuscite, Slater è credibile ma trattare certi argomenti (le stragi) con tanto cinismo mi è sembrato, veramente, di un cattivo gusto inaccetabile.

Capannelle 20/07/09 12:03 - 3806 commenti

I gusti di Capannelle

E bravo Coppello, hai provato a fare il film originale ad alto tasso di surreale ma la creatura ti è un po' sfuggita di mano. Tra l'altro bisogna aspettare mezzora prima di fare la prima vera risata (quando lei in ospedale gli dice "avvicinati") e nel proseguio il film non prende una direzione decisa. Un'idea degna di nota e con qualche frecciatina alle ipocrisie (colleghi, promozioni, affetto), quindi, ma che doveva essere gestita meglio.

Daniela 23/07/09 07:57 - 9980 commenti

I gusti di Daniela

Nel descrivere un giorno di ordinaria follia, il regista adotta la chiave del grottesco con tocchi surreali, per un risultato discontinuo ma comunque interessante. Slater non è il primo nome che viene in mente per il ruolo dell'impiegatuccio umiliato ed offeso, soprattutto avendo nel cast Macy (utilizzato come mega.dir.gen.gran.fig.putt.), che però sarebbe stata una scelta troppo scontata. Il finale, come tutti quelli che si mangiano la coda, lascia perplessi ma, ripercorrendo la storia a ritroso, non si può dire che i conti non tornino
MEMORABILE: L'addetto alla fotocopiatrice: usare il modello XZW$SXZ non è facile come usare una pistola...

Kinodrop 27/05/14 17:35 - 1735 commenti

I gusti di Kinodrop

Storiella sfocata e spesso fuori tono sul classico impiegato vessato e grigio, che rimugina tutti i giorni come vendicarsi nell'azienda in cui lavora e farsi valere. I continui cambi di registro, dal drammatico al surreale, dal realistico al grottesco finiscono per offuscare la trama e rendere incongruo anche il finale. Sacrificato H. Macy e legnoso il pur bravo Slater. Si apprezza solo il commento sonoro che dona qualche spinta al piattume dell'insieme. I pesci parlanti son proprio "fuor d'acqua". Noioso.

Furetto60 1/09/14 11:02 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Diverso dal Douglas alle prese con la propria ordinaria follia, l’impiegatucolo fantozziano interpretato da Slater, autore di una prova di notevole spessore, vive in una dimensione paranormale, onirica, ossessiva, riuscendo persino a elevarsi a soglie impensate. Il dialogo con i pesci, che potrebbe indurre a pensare a una virata su lidi tragicomici, rientra nell’affresco della tormentata e fragile personalità del protagonista. Nel complesso un film originale e interessante.
MEMORABILE: I cinque minuti iniziali.

Il ferrini 2/12/15 01:29 - 1782 commenti

I gusti di Il ferrini

Grandioso Slater, capace di trasmettere la frustrazione e la violenza latente del suo personaggio in ogni inquadratura. Ma soprattutto un bel film, visionario, potente, perfino crudele nel mettere a nudo la mediocrità, vero e unico mostro di questa storia. Ottima anche la regia; man mano che il racconto si dipana le atmosfere si fanno più dense, i colori più carichi, quasi a intraprendere un vertiginoso viaggio nel malessere esistenziale del protagonista. Un'esperienza notevole.
MEMORABILE: Slater che con un finto pulsante in mano immagina di far esplodere il palazzo in cui lavora.

Redeyes 13/08/20 11:20 - 2232 commenti

I gusti di Redeyes

Il nostro uomo tranquillo e vessato ha un piccolo bug, e questa paranoia lo porta non solo a fare ciò che fa ma a immaginarne le conseguenze e le diramazioni. Il suo giorno di ordinaria follia esplode schizzando il monitor di micro storie grottesche, ma nella perpetua ricerca di un black houmor o cinismo divertente, se si preferisce, ci perdiamo la profondità dell'oscuro animo umano. Stante la desacralizzazione dell'arrivismo, del becero bullismo, del disagio, senza la giusta qualità finiamo per arrivare stanchi e tediati al colpo di scena finale.

Bubobubo 22/02/21 13:33 - 1343 commenti

I gusti di Bubobubo

Alterna alcune ottime intuizioni (il primo approccio in ospedale fra Bob-Slater e Venessa-Cuthbert, il gigantesco ufficio del megadirettore, il comunque prevedibile finale) ad altre grossolane cadute di stile (i pedestri sfx dell'esplosione del palazzaccio, il dialogo schizofrenico coi pesci dell'acquario). L'intenzione di giocare sul margine di situazioni grottesche, per quanto stereotipiche, è da subito evidente a partire dalla fisionomia dei personaggi: ma è la storia in sé a perdere di attrattiva col passare dei minuti, rinchiusa in sé stessa come la psiche del protagonista.
MEMORABILE: Il finale.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Raremirko • 24/12/20 23:29
    Addetto riparazione hardware - 3574 interventi
    Interessante pellicola di Cappello (suo anche il valido America yakuza); bene Slater in una mise molto diversa dal solito, benino Macy, che si vede troppo poco.

    Il film regge bene quasi sino al finale, dove risulta essere poco chiaro.


    Un originale mix tra Salce e Schumacher, che meriterebbe di uscire dal dimenticatoio.