LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 9/10/08 DAL BENEMERITO RENATO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Renato 9/10/08 12:37 - 1591 commenti

I gusti di Renato

Film in costume che parla di due perdigiorno che si riciclano come banditi nella Londra del 18° secolo. Come altri film del periodo ("Titus", Romeo+Giulietta) si compiace di attualizzare un periodo storico più o meno lontano, ma la sostanza del film è davvero poca ed il divertimento latita. Si salvano giusto alcune scene di duello ben coreografate e naturalmente la splendida Liv Tyler.

Patrick78 16/05/09 10:15 - 357 commenti

I gusti di Patrick78

Molte analogie con lo hustoniano "La forca può attendere" in questo burlesco, energico, irriverente e rinfrescante viaggio nell'Inghilterra del XVIII secolo in cui due improvvisati banditi si dilettano tra rapine ed amori nell'alta società. Ottima ricostruzione d'ambiente, cast all'altezza, azione incessante, finale azzeccatissimo, un uso mai banale delle musiche anacronistiche di Craig Armstrong unite ad una fotografia da urlo concorrono alla riuscita della pellicola. Il regista è figlio del grande Ridley Scott. Quando si dice buon sangue non mente...

Galbo 16/04/14 17:31 - 11449 commenti

I gusti di Galbo

Jake Scott, figlio di Ridley dirige un film in costume che è una sorta di ibrido tra una pellicola avventurosa stile "cappa & spada" e una commedia brillante contemporanea, per lo stile generale e il linguaggio adoperato. Il risultato è abbastanza gradevole grazie alla simpatia dei personaggi e alla capacità del regista di dirigere con un ritmo adeguatamente sostenuto. Bravi e simpatici gli attori. Non male.

Darkknight 21/04/14 17:35 - 353 commenti

I gusti di Darkknight

Film che rileggevano l'avventura classica con ritmo e ironia ce n'erano già stati, nessuno però con lo stile fracassone e videoclipparo alla Die Hard. Se I duellanti era un film dal fascino pittorico che riscattava il ritmo lento, Jake Scott esordisce ribaltando l'operazione paterna mettendo in scena il XVIII secolo più sporco e lascivo mai visto e raccontandolo con stile moderno e ipercinetico. Ma senza la buffoneria di epigoni successivi (i Pirati con Depp ecc.). In anticipo sui tempi e per questo sottovalutato.
MEMORABILE: Escape di Craig Armstrong nella soundtrack, brano ripreso in tutte le salse.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Patrick78 • 16/05/09 10:20
    Magazziniere - 546 interventi
    Piccola curiosità che esula un po'dal contesto cinematografico per sconfinare in quello calcistico: In una scena il bravissimo Alan Cumming nella parte di un nobile bisex si rivolge a due suoi pari chiamandoli Dixon e Winterburn.Ebbene Lee Dixon e Nigel Winterburn erano rispettivamente il terzino destro ed il terzino sinistro della difesa dell'Arsenal negli Anni '90. Evidentemente il giovane Scott ha una certa passione per i Gunners...