LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 10/02/08 DAL BENEMERITO GALBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 11/02/08 05:53 - 11596 commenti

I gusti di Galbo

Mignon è una ragazzina francese ospitata a Roma dalla famiglia Forbicioni e oggetto dei desideri di un cugino. Bell'esordio della regista Francesca Archibugi, Mignon è partita è una commedia dal solido impianto dovuto alla buona sceneggiatura che coglie molto bene il tormentato mondo degli adolescenti e ricostruisce efficacemente il contesto di una famiglia borghese(in questo caso romana).Il film è gradevole perchè mantiene sempre un buon equilibro di humour e aspetti malinconici tipici del mondo adolescenziale. Bravi gli interpreti.

Gugly 12/02/08 17:23 - 1029 commenti

I gusti di Gugly

Film vagamente ispirato al romanzo di Elsa Morante "L'isola di Arturo" (che viene citato); anche qui un ragazzo cresce a seguito di un distacco, in mezzo ad una famiglia un po' scombinata e forse più immatura di lui. Abbastanza bravi gli adulti (dopo La Chiave la Sandrelli adora interpretare mamme) e molto bravi i ragazzi. Poco risolta e un po' buttata lì la scelta di Mignon di "buttarsi via". In ogni caso un film consigliabile.

Stefania 1/12/09 22:27 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Archibugi gioca in punta di forchetta, certo non affonda il bisturi, nel raccontarci il primo amore di questo adolescente lasciato un po' troppo solo da una famiglia mediamente incasinata. Primo amore per un'altezzosa cuginetta francese: viene da Parigi ma per lui è ultraterrena ed extraterrestre, fosse scesa da un'astronave parcheggiata al lungotevere... Tra grigio e pastello, una storia soave, ben equilibrata tra batticuori, ironia e malinconia. Un buon esordio (poi che è successo?).

Mtine 4/12/09 14:29 - 224 commenti

I gusti di Mtine

Decisamente uno di più bei film sull'adolescenza mai girati, con bravissimi attori. Francesca Archibugi punta le sue attenzioni su un ragazzo che vive il suo primo amore per una cugina francese "aliena", dal suo punto di vista. Bella soprattutto l'eleganza e la raffinatezza con cui la regista mette in scena il film, che nonostante l'abbondanza (giustificata dal contesto) di turpiloquio, mantiene sempre moderati i toni e non cade mai nello scontato. Calcolando che adesso dobbiamo accotentarci dei film sui teenager firmati Federico Moccia...

Lucius 1/11/10 12:45 - 2912 commenti

I gusti di Lucius

Forse un tantino lezioso, ma comunque in grado di rappresentare un valido spaccato del mondo adolescenziale, in una pellicola dalla sceneggiatura sentita e delicata. Una sofisticata cugina parigina arriva a Roma e scombussola una tipica famiglia italiana, facendo innamorare il terzogenito. Molti i temi trattati nel film, sapientemente dosati da una regia sobria e sensibile. Calibrata la direzione degli attori. Vulnerabile.

Saintgifts 11/01/13 00:20 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Così come è arrivata, vestita come nei romanzi del primo novecento, Mignon se n'è ripartita per una Parigi che sembra snobbare Roma, portandosi dietro il suo bell'accento "franscese". Ci mancava solo lei nella scombinata famiglia dello zio, tra cugini burini e intellettuali. Forse la Archibugi fa troppo grandi questi ragazzini, nelle parole e nei comportamenti e troppo bambini gli adulti; in ogni caso tutti si sostengono vicendevolmente e tutti imparano qualcosa dagli altri; ma soprattutto imparano da una inconsapevole e provvidenziale Mignon.

Gianleo67 7/04/13 20:50 - 30 commenti

I gusti di Gianleo67

Opera più di formazione che di analisi sociale, cerca di assecondare la poesia delle emozioni piuttosto che inseguire facili velleità naturalistiche, una mappa riconoscibile e condivisa di un comune percorso verso la maturità. La Archibugi sa rinvenire una chiave di lettura intima e segreta nella precaria psicologia di quel fragile momento di passaggio dai rudimenti dell'infanzia ai dolci rovelli di una acerba età adulta. Splendida la giovane protagonista femminile, una Céline Beauvallet già gimprescindibile Regina di Cuori.
MEMORABILE: Giorgio: "Mi venne un pensiero, quei pensieri notturni che si affacciano come necessità e si intitolano da soli: gesto teatrale si chiamava quello".

Paulaster 18/02/16 10:49 - 3112 commenti

I gusti di Paulaster

Narrazione dell'età del trambusto ormonale per i ragazzini e del malessere nell'essere nell'età di mezzo per gli adulti. Andamento ingessato della vicenda dove la poca esperienza si fa sentire nelle interpretazioni. La nota positiva è che non si cerca di fare commedia a priori, ma si descrivono molto onestamente i turbamenti del gruppo. Non viene sfruttata la romanità ma serve per creare il distinguo con la giovane francesina. Buone le musiche morbide a dare un pizzico di malinconia.

Sircharles 30/04/16 15:20 - 93 commenti

I gusti di Sircharles

Forse un po' sopravvalutato. Discreto affresco transgenerazionale in cui viene però buttata troppa carne al fuoco, non sempre in maniera ordinata. Così, spesso vicende e personaggi (soprattutto gli adulti) non risultano descritti in maniera approfondita, adagiandosi eccessivamente sui triti luoghi comuni di una certa vita da quartiere popolare. La stessa figura di Mignon rimane in chiaroscuro e la "morale" finale si presta a qualche equivoco di troppo. Soggetto comunque interessante e buon realismo nel racconto di una delicata fase giovanile.

Markus 25/06/18 16:06 - 3403 commenti

I gusti di Markus

Roma, 1988. La serenità di un'anonima famiglia (in particolare quella del terzogenito tredicenne) viene turbata dall'arrivo di una bella cuginetta parigina. Pur seguendo il nutrito filone giovanilistico/sentimentale in voga negli Anni '80, il felice esordio di Francesca Archibugi riesce nel tentativo di seguirne i sacri dettami senza mai scadere in banalità sempre dietro l'angolo in analoghe operazioni di quel periodo. Le introspezioni psicologiche appaiono convincenti grazie e soprattutto a una buona scrittura dei dialoghi.

Daniela Morelli HA RECITATO ANCHE IN...

Hearty76 6/08/19 16:19 - 228 commenti

I gusti di Hearty76

Scorrevole commedia con un allure tra l'instant movie e la fiction familiare. I protagonisti sono ragazzi di scuola, con i loro naturali turbamenti e la loro frizzante allegria. La marcia in più è data da una garbata lente di malinconia adulta, che come un morbido filtro rende a tratti i giovani ribelli più maturi e introspettivi. Momenti di melodramma e comicità si susseguono in sordina senza macchinosi dialoghi. La Sandrelli non spicca nel ruolo ma a modo suo è rassicurante. Nel complesso un buon quadretto dalle amabili tinte filosofeggianti.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Markus • 4/12/09 23:27
    Scrivano - 4808 interventi
    Analisi ineccepibile, Stefania; tuttavia mi sento di dar supporto al cuginetto ogni volta che rivedo il film. La Archibugi l'ha pensata giusta: ha puntato sul realistico. E' proprio il caso di dirlo: è stato il "cacio" sui maccheroni :-D.
    Ultima modifica: 29/03/16 12:46 da Markus
  • Curiosità Markus • 6/12/09 11:45
    Scrivano - 4808 interventi
    Al lancio del film, un numero di Panorama del 4 dicembre 1988:

  • Discussione Zender • 6/12/09 13:21
    Consigliere - 44453 interventi
    Markus nelle curiosità del film ebbe a dire:
    Al lancio del film, un numero di Panorama del 4 dicembre 1988:


    Bellissimo Markus! "M'avete scaciottato"??? Ma dev'essere stupendo sto film! Un vero giovanilistic!
  • Discussione Gugly • 6/12/09 19:11
    Segretario - 4667 interventi
    Markus ebbe a dire:
    Stefania ebbe a dire:
    Gugly ebbe a dire:
    Anche io ricordo il film come uno dei miei preferiti di un certo periodo.
    Locandina maliziosa? Mah...non ci ho mai fatto caso, mi faceva pena la protagonista che si buttava via per attirare su di sè l'attenzione di adulti distratti.

    Non capisco perché dici "buttarsi via". A me pare di ricordare che Cacio, il borgataro, non le dispiacesse, d'altra parte prima o poi con qualcuno doveva capitare. Quanto all'attirare l'attenzione degli adulti, questo mi pare il modo più innocuo e piacevole per farlo. No, a me la storiella con Cacio mi sembra una scelta ottima! Poi, mi pare che lei in realtà incinta non ci rimane, per cui va tutto bene!


    in fin dei conti la faccenda di sesso è reale e riscontrabile da noi tutti nell'adolescenza: lei è bella e giustamente "s'è fatta" il borgataro belloccio, preferendolo allo "sfigato" che le voleva bene e non aveva il coraggio di dichiararlo. E' la storia del mondo! Il "buttata via" cui allude Gugly, deduco sia dal fatto che Cacio, a parte l'spetto fisico (cosa non da poco!) è un pò ignorantotto...



    Non vorrei essere razzista, ma una ragazza come Mignon in altri contesti un ragazzo del genere non lo avrebbe proprio visto.

    Uuuuah, mi avete sdrammatizzato uno dei film cult della mia adolescenza !
  • Discussione Markus • 6/12/09 20:37
    Scrivano - 4808 interventi
    ...come sai sono orientato al trash e alle sdrammatizzazioni! :D
  • Discussione Gugly • 6/12/09 20:46
    Segretario - 4667 interventi
    Markus ebbe a dire:
    ...come sai sono orientato al trash e alle sdrammatizzazioni! :D



    Fai bene,in questo caso ci sta, Giorgio era tenero, ma troppo secchione sfigato!
  • Curiosità Lucius • 1/11/10 12:47
    Scrivano - 8500 interventi
    Il film che va a vedere al cinema, uno dei ragazzini della famiglia romana, è "Germania anno zero" di Rossellini.
  • Curiosità Zender • 20/06/16 19:03
    Consigliere - 44453 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film:

  • Discussione Mauro • 17/09/18 21:43
    Disoccupato - 9970 interventi
    Il ruolo della giornalista che intervista Giorgio è stato interpretato dalla regista Francesca Archibugi
    Ultima modifica: 17/09/18 21:43 da Mauro
  • Curiosità Buiomega71 • 16/11/20 18:55
    Pianificazione e progetti - 22654 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi & Canzoni della Prima Visione Tv (terza edizione del ciclo: "Viaggio intorno all'uomo-Giovani", condotto da Sergio Zavoli, venerdì 18 gennaio 1991) di Mignon è partita:

    [img size=424]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images54/mignon.jpg[/img]