Prima di mezzanotte

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Midnight run
Anno: 1988
Genere: commedia (colore)
Papiro: elettronico

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

L'unico vero, inestimabile punto di forza di MIDNIGHT RUN, sono i dialoghi tra l'assurdo e il comico tra Charles Grodin e Robert De Niro: il primo, con una logorroica pacatezza caratteristica del personaggio, tormenta il secondo con domande assillanti e una pedanteria da manuale, l'altro risponde con un cinismo ferreo fin quando può, poi finisce per provare per il primo una certa simpatia. Grodin è fuggito con 15 milioni rubati a un boss di Chicago, De Niro l'ha ripescato a New York e deve portarlo a Los Angeles da chi l'ha pagato per farlo (da buon cacciatore di taglie ex-sbirro qual è). Ci sarebbe l'aereo, ma Grodin non può prenderlo per una sua inguaribile fobia e quindi il film si trasforma in un prevedibile road movie, accompagnato...Leggi tutto da una colonna sonora (di Danny Elfman) terribilmente invadente e inadeguata. Martin Brest è il regista di BEVERLY HILLS COP, mescolare poliziesco e commedia lo saprebbe fare, ma qui le parti che rallentano il ritmo appesantendo mortalmente il film sono troppe. Quando i due protagonisti non fanno scattare i loro irresistibili botta e risposta (e cioè molto spesso) l'interesse scema e MIDNIGHT RUN diventa una commedia d'azione qualsiasi, priva anche di molti requisiti fondamentali per non annoiare. Ci vorrebbero comprimari disegnati meno banalmente, una storia che provi a superare il solito tema dei due protagonisti inseguiti da forze diverse (mafia, FBI, altri cacciatori di taglie concorrenti) che cercano di braccarli senza fantasia. Due ore sono troppe, è fuor di dubbio, per un film che meglio sintetizzato avrebbe potuto riservare belle sorprese.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lovejoy 14/02/08 15:27 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Il punto di forza di questa commedia d'azione è rappresentato dalla strana coppia di protagonisti De Niro/Grodin, impegnati in una gara di bravura in cui escono entrambi vincitori. Buono anche il resto del cast, con il simpatico John Ashton su tutti. Buona la regia dello specialista Brest e grande ritmo.

Galbo 17/02/08 07:30 - 11876 commenti

I gusti di Galbo

Una delle prime incursioni di Robert De Niro nel genere brillante ed anche (finora) la più riuscita, è questa divertente commedia di Martin Brest in cui il grande attore interpreta un moderno cacciatore di taglie alle prese con un contabile della malavita. Il film funziona grazie al buon feeling tra i due protagonisti (Charles Grodin è all'altezza del suo illustre collega) e alla bravura di regista e sceneggiatori di mescolare i generi realizzando una commedia che è anche road movie e film d'azione.

Caesars 2/04/08 12:52 - 3364 commenti

I gusti di Caesars

Discreta commedia che ha il suo punto di forza nell'interpretazione dei due protagonisti De Niro e Grodin (quest'ultimo non meno bravo del suo illustre collega). Per il resto ci si muove su un terreno ampiamente risaputo, ma non per questo (anche se con parecchie pause) non ci si diverte. Martin Brest è un onesto mestierante che può vantare prodotti più riusciti ed altri meno: questo tende alla prima categoria.

Hackett 14/06/08 21:49 - 1830 commenti

I gusti di Hackett

Il discreto mesteriante Brest, prima di avere velleità autoriali copiando Profumo di donna, confeziona questa buona commedia poliziesca dove l'azione non è esagerata e i dialoghi, stranamente, hanno la meglio sui colpi di pistola. Tutto il film sta sulle spalle di De Niro, che riesce a manenere un profilo basso, funzionale al tipo di storia. Simpatico.

Tomastich 7/03/10 11:07 - 1248 commenti

I gusti di Tomastich

Commedia poliziesca, molto brillante, ben recitata e pure con una giusta morale. De Niro spadroneggia insieme al suo compare/nemico Grodin; la trama on-the-road facilita la visione e lo svolgimento della pellicola. Da non sottovalutare e riscoprire.

Cotola 1/04/11 08:30 - 8347 commenti

I gusti di Cotola

Commedia on the road che pur non presentando idee particolarmente brillanti, scorre via veloce grazie ad un buon ritmo che tiene desto l’interesse dello spettatore fino alla conclusione della vicenda. De Niro è in buona forma ed anche Grodin è in parte. La regia non abbaglia ma è almeno professionale. Piacevole, se non avete particolari grilli per la testa.

Stefania 3/04/11 22:38 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

E' un buddy-movie, è un road movie, è una commedia ed è un poliziesco, ma soprattutto è un film con De Niro, che adatta la sua maschera da cinico-disilluso ad un ruolo brillante senza snaturarsi, che resta mattatore pur dividendo la scena con Grodin. Alcune sequenze di inseguimento sono emozionanti, ma tutto è nella formula del genere: resta indimenticabile l'interazione tra i due strani compagni di fuga. Al momento di separarsi, capiamo che nessuno dei due è esattamente lo stesso di prima. Come quando si è fatto un viaggio, come quando si è trovato un amico!

Bruce 3/06/14 12:27 - 1007 commenti

I gusti di Bruce

Simpatica e divertente commedia americana, ben ritmata da una azzeccata colonna sonora, con De Niro mattatore e in piena forma. Un road movie, vagamente thriller, dove tra strampalati cacciatori di taglie, onesti e traditori, mafiosi da strapazzo e poliziotti da ridere, stravince l'amicizia. Adatto a tutti e assai positivo.

Rambo90 15/08/18 17:23 - 7109 commenti

I gusti di Rambo90

Action comedy ormai classica, che combina situazioni da buddy movie a inseguimenti e sparatorie on the road. Ci si diverte molto, il ritmo è alto e la sceneggiatura sa fornire i giusti presupposti per una storia insieme simpatica e coinvolgente. De Niro e Grodin sono un'ottima coppia ed entrambi calati perfettamente nei rispettivi ruoli, con un contorno di buoni caratteristi (Kotto su tutti). Buona la colonna sonora. Da non perdere.

Taxius 21/10/18 18:08 - 1652 commenti

I gusti di Taxius

Simpatica e divertente commedia poliziesca on the road che ha come protagonisti De Niro e Charles Grodin, rispettivamente un cacciatore di taglie e il suo prigioniero. Martin Brest gira un film frizzante e pieno di ritmo che non si prende un momento di pausa; un continuo susseguirsi di sparatorie, botte, inseguimenti e situazioni divertenti. La trama è molto semplice, ma l'inedita coppia protagonista funziona alla grande e la regia è ottima. Un bel film sull'amicizia che merita una visione.

Joe Pantoliano HA RECITATO ANCHE IN...

Rigoletto 22/12/18 19:26 - 1727 commenti

I gusti di Rigoletto

Nel vederlo si ha la netta sensazione di una trasposizione cinematografica di ciò che in musica è stato il "Contrappunto bestiale alla mente" di Banchieri: alla volpe De Niro viene affiancata la colomba Grodin ed entrambi devono guardarsi dal mastino Ashton (e Kotto) e dai trucchi della serpe Pantoliano, tutti uniti nello stendere l'armonia finale. Ce n'è quanto basta perché lo spettatore si diverta in un action comedy forse un po' dilatato nei tempi ma sicuramente capace di strappare qualche sana risata.

Rocchiola 2/02/20 09:42 - 933 commenti

I gusti di Rocchiola

Dopo Vivere alla grande e Beverly Hills cop Brest si conferma uno dei nomi di punta della commedia d’azione anni 80 con questo film che mescola avventura on the road, poliziesco e buddy movie. La vicenda è tirata un po' troppo per le lunghe e le parentesi action appaiono fuori luogo. Di contro i personaggi sono ben caratterizzati con un fondo d’amarezza più profondo della media. De Niro tratteggia con sobrietà la figura di perdente di fronte a un’ultima occasione di riscatto e i comprimari hanno le facce giuste. Leggero ma con gusto.
MEMORABILE: "Vado a prendere qualche ciambella"; La visita di Jack all’ex-moglie; L’uso improprio del distintivo sottratto all’agente Alonzo Mosely.

Paulaster 6/04/21 10:57 - 3641 commenti

I gusti di Paulaster

Cacciatore di taglie deve consegnare un latitante prima che arrivi la mafia. Commedia dai risvolti action in un classico road movie coi protagonisti dalle buone intenzioni. Molto variegato il viaggio a destinazione dove si potevano sforbiciare un paio di situazioni e evitare eccessi come le sparatorie in mezzo alla strada o l'elicottero esploso. Comunque tutto funziona come tempi e pure come incastri. De Niro concede man mano spazio a Grodin e la coppia funziona. Conclusione che accontenta tutti in stile Un biglietto in due.
MEMORABILE: Il trucco dei 20 dollari falsi; Aggrappato all'aereo in partenza; I soldi dalla figlia che non vedeva da 9 anni (!).

Daniela 21/05/21 11:31 - 11523 commenti

I gusti di Daniela

Moderno cacciatore di taglie deve riacciuffare entro breve tempo un contabile che, uscito su cauzione, se l'è svignata prima del processo... il discontinuo Brest azzecca forse quella che è la sua migliore regia: merito di una sceneggiatura ben articolata ricca di colpi di scena e soprattutto di una coppia affiatata di protagonisti, con Grodin che sotto la sua aria da brav'uomo pusillanime si rivela astuto manipolatore contrapposto a De Niro, convincente in un ruolo comico senza quelle sbracature che poi contrassegneranno spesso le sue interpretazioni in ruoli nello stesso genere.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Rocchiola • 2/02/20 09:49
    Call center Davinotti - 1224 interventi
    Il DVD della Universal è ormai fuori catalogo ma risulta ancora reperibile a prezzi medio-bassi anche nel versione inglese con audio italiano. Peccato che malgrado l'indicazione widescreen in copertina il video sia del tipo non anamorfico con l'immagine rimpicciolita al centro dello schermo da zoomare per riportarla al corretto inquadramento in 16:9 a tuto schermo. A parte questo non trascurabile difetto le immagini appaiono pulite e nitide anche se la definizione con lo zoom perde decisamente d'incisività. Audio 2.0 chiaro e mediamente potente.