Malevolence

Media utenti
Titolo originale: Malevolence
Anno: 2004
Genere: horror (colore)
Note: Seguito da "Bereavement" (2010).
Numero commenti presenti: 5

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 21/03/07 DAL BENEMERITO UNDYING
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 21/03/07 20:58 - 3840 commenti

I gusti di Undying

Tre galeotti decidono di compiere un furto in una banca, ma qualcosa non funziona e sono costretti a fuggire dopo aver preso in ostaggio una donna e la figlia: riparano quindi all'interno di un mattatoio abbandonato, dimora di un feroce serial killer... A dispetto di una totale assenza di splatter e gore, il film palesa in diversi contesti le sue referenze: Halloween e Venerdì 13. Ma lo fa con garbo e mestiere, riuscendo a rapire l'attenzione e generando una buona dose di "tensione"...

Puppigallo 27/01/08 09:59 - 4509 commenti

I gusti di Puppigallo

L'idea era buona (rapinatori, ostaggi e un misterioso serial killer come terzo incomodo). Giusta anche la lunga notte, col buio a fare da sudario alla sinistra vicenda. Peccato che, quando non c'è lo psicopatico (e per quasi tutta la pellicola lo si vede poco), il film sia lento, troppo parlato (anche a vanvera) e piutosto noioso. Eppure un po' di atmosfera pesante e di tensione si riescono a respirare. Ma non bastano a salvare una prodotto, spesso quasi amatoriale, che comunque un'occhiata la merita.
MEMORABILE: La ragazza morta piazzata sotto a uno scheletro umano con cranio bovino.

Sunchaser 5/11/08 18:46 - 127 commenti

I gusti di Sunchaser

L'idea di partenza è Tarantiniana - banditi in un fuga dopo una sanguinosa rapina - ma i dialoghi sono demenziali e gli attori sembrano in perenne imbarazzo. Quando il film diventa uno dei tanti cloni di Halloween, poi, lo sconforto diventa totale. Steven Mena è regista, sceneggiatore, produttore e autore delle musiche. Non c'è che dire: pessimo in tutti i campi.

Pumpkh75 8/01/19 14:16 - 1314 commenti

I gusti di Pumpkh75

Può bastare per una sufficienza prendere gli ambienti di Non aprite quella porta, farli abitare da un clone di Jason Vorhees versione L’Assassino ti siede accanto e riempire il tutto con una situazione rapina/ostaggi giusto per non far vedere di aver sbirciato il compito del compagno di banco? La risposta è un secco no, sebbene l’audace Mena, factotum senza il becco di un quattrino, crei inaspettatamente qualche momento di tensione e capisca quanto possa essere dannoso copiar anche la firma in calce. Volenteroso ma spelacchiato.

Daniela 5/09/19 02:52 - 9399 commenti

I gusti di Daniela

A seguito di un colpo in banca fallimentare, tre rapinatori in fuga con due ostaggi capitano in un posto isolato dove ha stabilito la sua base un serial killer... Dopo una sequenza senza dialoghi di una certa efficacia, le cose si mettono male per i personaggi ma soprattutto per noi spettatori: il mix fra "fuga con malloppo" e "psicopatico mascherato alla Jason" non carbura per via di una sceneggiatura scopiazzata e approssimativa, la regia è modesta e priva di guizzi, gli attori sono di livello dilettantesco. Film trascurabilissimo.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.