La sedia del Diavolo

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/09/08 DAL BENEMERITO UNDYING
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 26/01/09 00:33 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Sospettato dell'omicidio d'una ragazza, durante un amplesso in un manicomio abbandonato, Nick (Andrew Howard) si ritrova rinchiuso in una clinica per alienati mentali. Grazie al dott. Willard (David Gant) viene rilasciato, a patto di recarsi al seguito di apposita equipe medica, sul luogo dell'omicidio per approfondire le eccentriche teorie di un ex-psichiatra radiato dall'albo poiché convinto, tramite una "elaborata" sedia, di poter separare l'anima dal corpo. Eccezionale prova di regia per l'autore di Broken, sorretto da interpreti di classe. Meno riuscita la storia, con svòlta finale.

G.Godardi 3/03/09 15:05 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Molto più gustosa la visione del making of che il film stesso! Nel making si narra di un film nato praticamente senza sceneggiatura da girarsi in un tempo prestabilito con un budget limitato messo a disposizione da un produttore hollywoodiano. Per cui non stupisce affatto di trovarsi di fronte a un film senza capo né coda che cambia continuamente ritmo e marcia, lasciando alla voce over del protagonista il compito di saldare e salvare il tutto, non senza una certa provocazione e paraculaggine. Per nella sua discontinuità qualcosa di buono c'è.

Ciavazzaro 13/01/10 12:02 - 4766 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Sangue e violenza non mancano, ma il film perde parecchio nel finale, risultando inconcludente e senza capo né coda. Gli attori poi non sono grandissima cosa. Ha qualche momento buono, ma come già detto il colpo di scena finale (almeno a me) non soddisfa.

Jofielias 4/12/11 09:57 - 170 commenti

I gusti di Jofielias

Al 51° minuto Adam Mason fa dire a uno dei suoi personaggi: "Questa storia è una puttanata!". Tuttavia la sua autoconsapevolezza - e una metalettura in presa diretta da parte del cinico narratore - non basta a restituire agli spettatori l'attenzione perduta. E la rivelazione finale - come in Shadow di Zampaglione - non può nobilitare un'ora e mezza di noia da cui si salva solo l'inquietante apparizione del mostro avvolto dalle mosche.

Cotola 10/01/12 23:10 - 7611 commenti

I gusti di Cotola

Inizia quasi bene tanto da sembrare che abbia una sua dignità come film di genere, riuscendo anche un pò ad interessare. Successivamente le cose vanno meno bene: col passare dei minuti, infatti, si passa dal già visto fino ad arrivare alla delirante parte finale che prende allegramente per i fondelli lo spettatore, col rischio di farlo adirare (per usare un eufemismo) non poco. Quasi disastroso, per cui lasciate pure perdere.
MEMORABILE: Il personaggio principale che dileggia lo spettatore e le sue aspettative.

Pesten 31/10/17 20:14 - 646 commenti

I gusti di Pesten

Un film che mostra da subito la sua provenienza inglese, con quei connotati tipici dei film nati nella terra d'Albione, primo su tutti la lentezza. In principio la storia è sì classica ma presenta qualche dettaglio interessante; tuttavia scelte stilistiche forse troppo frettolose e, mi si passi il gioco di parole, eccessivamente eccessive, non fanno bene alla pellicola che nella seconda metà inizia un'inesorabile declino fino al discutibile finale.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Undying • 28/09/08 16:45
    Scrivano - 7630 interventi
    C'è Nadja Brand nel cast, che è nota per aver interpretato (e prodotto, come in questo caso) l'interessante torture-porn dal titolo Broken (da noi disponibile in DVD). Mentre Simon Boyes (già regista del citato Broken assieme ad Adam Mason) qua sceneggia. Dirige Adam Mason che ha un curriculum così così: Prey (2003); Dust (2001/II); The 13th Sign (2000).
    Considerato però che si tratta di un adrenalinico horror-omnibus, spietato e assai curato nel reparto spfx (con trucchi opera degli Altered States FX, già apprezzati per il lavoro svolto Nella Mente del Serial killer), viene spontaneo sperare che qualche label italiana si decida a proporlo anche solo in DVD...
    Aspettiamo fiduciosi...
  • Homevideo Undying • 6/10/08 21:29
    Scrivano - 7630 interventi
    Eccolo in DVD, per la vendita dal 17 dicembre...

    Un grazie alla Sony Pictures Home Entertainment, che oltre al film propone i seguenti extra:

    - Commento del regista e dello sceneggiatore
    - Dietro le quinte

    Il tutto a costo contenuto, sui 13 €.

    Bella pure la cover...

  • Curiosità Undying • 26/01/09 00:40
    Scrivano - 7630 interventi
    Il dott. Willard (David Gant) è doppiato da Michele Gammino.

    La sceneggiatura originale era molto diversa ed ha subito diverse modifiche nella lunga fase di lavorazione del film (protrattosi per oltre un anno).
    Ad esempio non erano comprese le voci fuori campo, sintomo delle riflessioni di Nick (Andrew Howard).
    Il finale era previsto con, appunto, incredibili pensieri del folle, intento a massacrare - con orgoglio - l'equipe medica: la crudeltà dei dialoghi ed il cinismo degli stessi sono stati rimossi su opportuna volontà del produttore (restano tra gli extra del DVD e sono qualcosa di davvero incredibile).
  • Homevideo Undying • 26/01/09 00:43
    Scrivano - 7630 interventi
    Eccezionale edizione in DVD, con un backstage (ripartito in tre parti) che si avvicina ai 60 minuti.
    Anche l'intero audio-commento è sottotitolato in italiano.

    Qualità audio (dolby 5.1 con poca presenza di effetti posteriori) e video (anamorfico 1.85:1) più che buona.

    Aggiungiamo al tutto un doppiaggio (italiano) da 10 e lode.
    Ultima modifica: 26/01/09 09:01 da Undying
  • Discussione Undying • 26/01/09 00:49
    Scrivano - 7630 interventi
    Graziosa sorpresa, questo film approdato direttamente in DVD.
    In primo luogo grazie alla tipicità di un protagonista al quale lo spettatore si identifica sino agli ultimi 10, incredibili, minuti.
    A seguire per le soluzioni di regia davvero intriganti (dal fermo immagine coincidente con il pensiero del protagonista, ai movimenti sfrenati e concitati simil-Raimi).

    La storia, detto tra noi, si sfilaccia e, al tòpos narrativo, si prende pure per il culo (un attore guarda in macchina e malcommenta il film in questione).

    Però i dialoghi non sono affatto banali, la destinazione del prodotto non è da teen-agers e nel complesso qualche riflessione sulla violenza (scatenata in un verosimile finale) si fa sentire.

    Potrei aggiungere molto altro, in relazione a film che hanno - per certo - ispirato questo lavoro, ma non lo farò per non rovinare la sorpresa a chi vorrà vedersi un bel horror.
    Anzi no: un bel thriller.
  • Discussione Zender • 26/01/09 08:48
    Consigliere - 43725 interventi
    Undying ebbe a dire:
    (un attore guarda in macchina e malcommenta il film in questione)
    Ecco, una cosa del genere (assai frequente in certi film) fa parte di quelle che mi fanno cascare le braccia... Quante volte l'ho sentita? "Sembra proprio un brutto film dell'orrore..."
    Ultima modifica: 26/01/09 16:49 da Zender