LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/05/07 DAL BENEMERITO B. LEGNANI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 28/05/07 23:20 - 4787 commenti

I gusti di B. Legnani

Monocorde e strascicato. Assunto politicamente corretto, ma di slanci di fantasia nemmeno l’ombra. Dialoghi banalotti. I due protagonisti, Luc Merenda e Zeudi Araya, saranno pure bellissimi, ma come attori sono rigidi come baccalà, né vale la scusa che recitano in un nebbioso inverno ferrarese. Il contorno del cast (tolta la sensuosa bellezza della Brochard) non brilla più di tanto, per cui ci si deve consolare guardando gli anziani, Caterina Boratto ed un Guido Alberti non troppo convinto.
MEMORABILE: Alberti che consiglia la pillola.

Undying 7/05/08 22:24 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Prima de Il Corpo e dopo "Angeli Bianchi... Angeli Neri", Scattini sigla una pellicola troppo lenta, anche se destinata a lanciare nell'olimpo cinematografico (ma si tratta di un percorso diluìto nel tempo per solo una decina di pellicole) la bellezza di colore Zeudi Araya, che dà prova d'esser poco portata a recitare su un set, pur efficacemente allestito come in questo caso. Belle presenze (Lucretia Love) mal sfruttate; bravi attori (Luc Merenda) stoppati da una sceneggiatura che deraglia (pur con buone intenzioni) in più contesti dai binari...

Fauno 16/12/10 11:09 - 1936 commenti

I gusti di Fauno

Altro film di denuncia sul modo di vegetare e di schiacciare la noia in una città come Ferrara. Il regista è molto funzionale nel rendere particolarmente bravi e odiosi come non mai tutti i personaggi, specie il trio Merenda-Love-Brochard e a salvare soltanto l'ignara e malcapitata protagonista di colore, la quale per fortuna non si adatterà al circostante marciume. Personalmente posso dire che anche ora chi ci arriva da fuori viene redarguito sul modo di vivere e sulle cose da evitare di fare... finché questo non esplode e manda tutti a ranare.
MEMORABILE: I flash finali sulle cavolate dette lungo il corso del film.

Homesick 6/05/11 18:39 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

La Dune Buggy nel deserto nubiano e i servizi fotografici della Venere Nera Zeudi Araya appongono l’esornativa cornice esotica per un dépliant sul razzismo della borghesia provinciale più oziosa, gretta e ipocrita, di cui la crisi di coppia – coraggiose, per i tempi, le drastiche scelte finali - è immediato corollario. Privo di picchi o cadute, lo svolgimento è piano e regolare e gli interpreti, nella loro medietas espressiva, non sbagliano i ritratti di amici falsi, invidiosi e calunniatori: un bel gradino sopra tutti Guido Alberti, il monsignor acqua cheta.

Il Gobbo 21/06/11 10:42 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Film non spiacevole, visivamente elegante, scritto per di più da un nostro beniamino (Leo Chiosso), ma infarcito di stereotipi e afflitto da sottolineature insistite che sconfinano qua e là nella caricatura. Protagonisti un po' ebeti, meglio il cast di contorno con un grande Franco Ressel improbabilissimo seduttore e fantastico Dracula nella scena del ballo in maschera (la migliore del film).
MEMORABILE: Monsignor Alberti: "Io sono figlio di Ogino-Knaus"

Daidae 2/07/14 17:50 - 2762 commenti

I gusti di Daidae

Appena passabile. Il cast è quasi perfetto e gli attori (non tutti però) per una volta hanno il perfetto physique du rôle per rappresentare una marcissima borghesia dedita a corna, razzismo malcelato, invidie e altri vizi. Luc Merenda e la Araya invece sono statici ed espressivi come due querce. Somma finale: un filmetto passabile ma per niente entusiasmante.
MEMORABILE: La festa in maschera trashissima; La immancabile bottiglia di J&B inquadrata nei minuti finali.

Deepred89 20/08/14 15:28 - 3311 commenti

I gusti di Deepred89

Incontenibile rigurgito antiborghese (con annesso elogio dell'esotico), efficace nella prima parte, gridata e superficiale nel messaggio ma ben scritta e fascinosa. Poi la volontà di far precipitare la vicenda porta a scelte di bassa lega (il ricatto) o mal calibrate (l'improvviso cambiamento del personaggio di Merenda) che demoralizzano il tutto, fino a un finale passabile ma scontato. Bella ambientazione nella Ferrara invernale, perfetto phisique du rôle dei due protagonisti, buon cast secondario, discreta colonna sonora. Occasione sprecata.

Herrkinski 3/08/17 15:38 - 5295 commenti

I gusti di Herrkinski

Quasi uno pseudo-sequel de La ragazza dalla pelle di luna, dove l'Araya viene "importata" in una provinciale Ferrara dal playboy Merenda. Dopo l'inizio tipicamente esotico si passa all'invernale Ferrara (fotografata molto bene), dove gli scontri sociali/razziali con amici e famiglie borghesi, nonchè col clero, costituiscono la maggior parte del film; non mancano anche amare riflessioni sulla gelosia e sul maschilismo. Doppiaggio a tratti pessimo ma i messaggi di Scattini restano efficaci, con scene drammatiche e di una certa intensità emotiva.

Il Dandi 3/08/20 12:36 - 1849 commenti

I gusti di Il Dandi

Dopo La ragazza dalla pelle di luna ritroviamo Zeudi Araya nella cornice più contrastante possibile, cioè quella della provincia emiliana (Ferrara, per giunta fotografata in un'elegante ambientazione invernale) animata da una borghesia cinica e ipocrita: il paese, a dispetto dell'opulenza, è piccolo e la gente mormora divertendosi a sabotare il proprio simile che "ha sposato una negra", che al massimo resta desiderabile solo come trofeo esotico. Regìa elegante, peccato per i banalissimi dialoghi che non aiutano la legnosità degli interpreti.
MEMORABILE: La festa in maschera (spiccano i costumi nazisti e da drughi); La réclame della Dune Buggy.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.