Il serpente

Media utenti
Titolo originale: Le serpent
Anno: 1973
Genere: spionaggio (colore)
Note: Tratto dal libro “Le 13eme suicide” di Pierre Nord.
Numero commenti presenti: 9

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/07/10 DAL BENEMERITO HOMESICK
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 18/07/10 17:16 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Il riferimento a fatti sulla guerra fredda documentati dal romanzo dello scrittore-spia Pierre Nord non basta ad innalzare il livello qualitativo di una pellicola lenta e pletorica che dispiega il solito polveroso repertorio spionistico di infiltrati, microfoni e telecamere nascoste, interrogatori con la macchina della verità e misteriosi suicidi. Regia smorta e anonima. Nel cast di stelle internazionali brillano di prima magnitudo Brynner, Bogarde e Noiret, mentre la colonna sonora di Morricone orchestrata da Nicolai diffonde una gradevole aria di italianità.

Nando 10/02/11 13:52 - 3498 commenti

I gusti di Nando

Un discreto calderone spionistico in cui tra filmati di repertorio ed un, lievemente prolisso, sviluppo narrativo, si affronta l'arcinoto tema della guerra fredda. La pellicola cerca l'analisi avvalendosi di un cast di prim'ordine e di una corretta colonna sonora, ma rimane nel limbo della media.

Lythops 6/04/11 17:31 - 980 commenti

I gusti di Lythops

Nel calderone di film (quasi) anonimi del genere espionage/polar francese entra anche "Le Serpent" diretto da un Verneuil non proprio in gran forma che dirige attori importanti anche se a livello, purtroppo, a volte fumettistico. Una trama banale e risaputa per chi leggeva cronache o libri sulla guerra fredda in quegli anni, supportata da una fotografia piuttosto anonima e dalle musiche di Ennio Morricone orchestrate con l'organico in voga a quegli anni e la voce di Edda dell'Orso.

Fauno 12/08/15 15:19 - 1955 commenti

I gusti di Fauno

Un ottimo film di spionaggio sul clima della guerra fredda. L'attenzione non deve calare, ma il cast mondiale e una discreta suspense facilitano l'impresa. Troppo facile capire che sotto c'è un inganno, ma solo chi alla fine saprà soffocarlo capirà a cosa il medesimo volesse mirare. Violento fisicamente e ancor più moralmente, specie nel dossier televisivo sull'addetto alla sicurezza accusato di doppio gioco, ed è molto interessante nella descrizione delle potenzialità della CIA. Eccellenti Noiret, Fonda e la Lisi, mentre Brinner e Bogarde non deludono.
MEMORABILE: "...Un serpente che ha visto il Paradiso non è più affidabile".

Nicola81 9/08/16 14:42 - 2047 commenti

I gusti di Nicola81

Caduto in disgrazia in patria, colonnello russo di stanza in Francia si consegna agli americani. Qualcuno trama nell'ombra... Solido film di spionaggio che, pur non potendo contare su un ritmo frenetico, si lascia ugualmente apprezzare per il realismo e la serietà con cui vengono narrati gli intrighi della guerra fredda. Nessuna concessione allo spettacolo e a gesta eroiche e il discrimine, più che tra buoni e cattivi, è tra chi compie il proprio dovere e chi invece gioca su più tavoli. Strepitoso il cast, efficaci le musiche di Morricone.
MEMORABILE: La macchina della verità; L'omicidio acquatico; Il finale.

Pessoa 1/06/17 23:18 - 1357 commenti

I gusti di Pessoa

Spy story ambientata ai tempi della Guerra Fredda, con intrighi e doppiogiochisti che si muovono fra Francia, Russia, Usa e le due Germanie. Niente che non si fosse già abbondantemente visto al cinema e che oggi ha perso completamente la sua attualità. La sceneggiatura piuttosto piatta non aiuta a sollevare dalla mediocrità una storia priva di momenti avvincenti che dipana con fatica per più di due ore una matassa prevedibile da subito agli spettatori meno sprovveduti. Un film lento e noioso che si salva in parte grazie al buon cast. Evitabile!

Rufus68 27/12/17 23:24 - 3220 commenti

I gusti di Rufus68

Anemico nella regia (Verneuil ci mette solo un po' di esperienza) e con vistosi rallentamenti. Nonostante questo (e nonostante alcuni sbilanciamenti politici oggi datatissimi), il film riesce, forse involontariamente, a ricreare un credibile clima di paranoia e sospetto. Il gran cast internazionale non viene sprecato invano: Brinner, Fonda e un ambiguo Bogarde danno il loro contributo; Noiret, però, con la sua finta bonomia, è una spanna sopra a tutti.

Noodles 8/11/19 16:59 - 991 commenti

I gusti di Noodles

I film di spionaggio, specie quelli degli anni '70, hanno sempre un po' il difetto di attorcigliarsi su se stessi. Se poi a questo si uniscono una regia piatta, un ritmo soporifero e un'atmosfera più da documentario che da film (complice soprattutto la voce narrante), allora la frittata è fatta. Un film dalle potenzialità non sfruttate. A poco serve il cast stellare, che si conferma grandissimo, ma non salva questa pellicola noiosa. Non male il finale.

Myvincent 30/11/20 19:36 - 2660 commenti

I gusti di Myvincent

Il cast è straordinario con stelle internazionali americane, francesi e attori italiani. La trama è un congegno intricato ma perfetto, con storie di delazione e omicidi a sangue freddo. Al solito colpisce l'atmosfera di viscida incertezza, per cui niente è sicuro e nessuno al di sopra di ogni sospetto. Peccato per la freddezza narrativa e la resa finale fin troppo ben oleata, nei tempi e nei modi. Va bene come esercizio di stile.

Yul Brynner HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.