LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 8/10/12 DAL BENEMERITO ANNA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Anna 8/10/12 20:12 - 90 commenti

I gusti di Anna

Film dedicato alla scuola ma non sulla scuola. Presenti alcuni luoghi comuni, ma invertiti i ruoli dei personaggi che di solito ci si aspetta. Grande Roberto Herlitzka che affascina e a tratti fa sorridere nonostante la malinconia che lo accompagna; il film, alla fine, lo fa lui. Scamarcio statico e poco convincente, la Buy sempre nevrotica e ansiosa in un ruolo di atipico preside liceale. Piacevole, senza troppe pretese.

Nancy 26/11/12 15:59 - 774 commenti

I gusti di Nancy

Bel film, quasi una risposta italiana allo statunitense Detachment e al canadese Monsieur Lazhar, visto che il tema è lo stesso (la scuola e i rapporti tra insegnanti e studenti). Gli attori sono azzeccati: Herlitzka in primis, ma anche la Buy (sempre più nevrotica come la Morante...) e Scamarcio, che ogni volta è una piacevole sorpresa. Notevole che si azzardi di più sulla trama amorosa tra insegnante e studente (già abbozzata citato film di Kaye). Peccato che qualche filo rosso si perda e alcuni intrecci rimangano non conclusi.

Zardoz35 10/12/12 00:21 - 251 commenti

I gusti di Zardoz35

Il disastrato mondo della scuola di oggi vissuto in un malandato liceo romano. Qui si intrecciano storie di professori e di studenti, portate avanti senza troppo filo logico. Il film è passabile, ma il finale lascia un enorme punto interrogativo su ognuna di queste storie. Molto bravo Scamarcio con la sua aria da eterno distratto, in realtà invece molto incisivo. Herlitzka incarna il professore a fine carriera ormai disincantato e disinteressato, la Buy è come sempre nevrotica. Piccola parte anche per uno Gnocchi sempre stralunato.

Nando 30/01/13 19:25 - 3495 commenti

I gusti di Nando

Uno spaccato della scuola odierna con studenti svogliati e professori in bilico tra impegno e disillusione. Narrazione discreta e cordiale in cui si dimostra che le situazioni e le persone possono cambiare registro e modo di vedere le cose. Bravo Herlitzka e alcuni degli studenti, ripetitiva la Buy e compiaciuto Scamarcio.

Cloack 77 20/03/13 10:10 - 547 commenti

I gusti di Cloack 77

Piccioni costruisce il film sulle basi solide di pilastri "risaputi", il giovane supplente pieno di illusioni (1), l'insegnante anziano che ormai ha perso ogni illusione (2), la preside che si illude (3) di poter finalmente dare un senso alla propria vocazione e alla propria vita, la ragazza che si illude (4) di poter cancellare il dolore con un rapporto diverso con l' insegnante. Tutti buoni propositi, anche costruiti con leggerezza e delicatezza, con l'aiuto di interpretazioni eccellenti (Herlitzka) che restano però soltanto buoni propositi.

Pinhead80 20/03/13 19:04 - 4005 commenti

I gusti di Pinhead80

Tre personaggi per tre ruoli all'interno della scuola. La dirigente scolastica ligia al dovere e fredda nelle relazioni (Buy); l'insegnante sull'orlo della pensione che odia tutto e tutti (Herlitzka); il supplente affascinante e pieno di voglia di fare (Scamarcio). Ne esce un film dignitoso che intreccia vita pubblica e privata dei protagonisti senza sbracare in luoghi comuni o facilonerie. Il ruolo più debole è quello disegnato su Scamarcio, mentre la Buy e Herlitzka riescono a conferire la giusta drammaticità ai personaggi.

Galbo 10/06/13 20:32 - 11451 commenti

I gusti di Galbo

Con toni sommessi e poco eclatanti, il cinema di Piccioni è spesso in grado di offrire "spaccati" realistici della società italiana. In Il rosso e il blu, il mondo della scuola viene ripreso con affettuosa partecipazione; una serie di caratteri ben scritti, che rappresentano ciascuno un credibile paradigma di una realtà che in Italia sopravvive spesso grazie alla buona volontà di chi vi lavora. Gli attori sono ben scelti e fanno egregiamente il loro dovere. Certo, non siamo ai livelli di Detachment, ma si tratta di un film gradevole.

Piero68 28/10/13 14:14 - 2781 commenti

I gusti di Piero68

L'idea di affrontare le problematiche adolescenziali legate al mondo della scuola e di offrirne uno spaccato non era niente male. Ma dall'idea ai fatti il passo è lungo e alla fine la sceneggiatura sarà di un banale unico. Si passa in maniera quasi emblematica da luoghi comuni imbarazzanti (sia per le caratterizzazioni che per le storie) a situazioni ai margini del surreale tipo la ragazza e la sua penna. Ma stringi stringi di vissuto vero c'è davvero poco. Bravo Scamarcio, meno la Buy che cerca sempre più di assomigliare alla Morante. Scarsino.

Ziovania 2/09/13 17:54 - 337 commenti

I gusti di Ziovania

Un liceo romano è l’occasione per gettare uno sguardo sui (pochi) pregi e (molti) difetti della scuola italiana, la cui tenuta sembra più che altro garantita dall’impegno quotidiano di chi opera sul campo. Piccioni racconta quattro storie con tatto e leggerezza anche se l’unica che riesce a coinvolgere è quella del vecchio professore, cinico e disilluso il quale vede riaccendersi la passione per il suo lavoro. **!

Ilcassiere 28/12/13 10:22 - 283 commenti

I gusti di Ilcassiere

Il triste declino della nostra scuola odierna raccontato attraverso le vicende non solo scolastiche, ma anche e soprattutto private, di docenti e studenti. Commedia leggera, con una buona dose di malinconia, che qua e là sfiora il dramma umano di alcuni dei personaggi principali. C'è qualche affinità con Scialla!, anche se si ride di meno. Comunque gradevole.

Dengus 15/04/14 20:39 - 349 commenti

I gusti di Dengus

Lo scontro generazionale tra un maturo e disilluso professore in odore di pensione (Herlitzka è anzianotto per essere ancora in servizio) e il giovane ed entusiasta supplente interpretato da Scamarcio. Un film che mette a confronto almeno quattro generazioni, ossia quella dei ragazzi, quella del prof giovane, quella della preside (una brava Buy) e quella dell'anziano prof (bravissimo Herlitzka). Un garbato e leggero ritratto dolceamaro delle singole emozioni, ben curato e gradevole. C'è anche Er Patata che litiga con Scamarcio.

Gabrius79 13/10/14 23:51 - 1206 commenti

I gusti di Gabrius79

Un tentativo non del tutto riuscito di affrontare le tematiche sulla scuola ai giorni d'oggi. A volte la storia risulta un po' sfilacciata e inconcludente, ma la prova degli attori riscatta il tutto (in particolare Herlitzka, ma anche la Buy e Scamarcio non sono da meno).

Kinodrop 31/03/16 23:15 - 1598 commenti

I gusti di Kinodrop

Un'infilzata di luoghi comuni e di stereotipi che rasentano il macchiettistico tra il libro cuore e Scialla (ma molto al di sotto). Siamo in un liceo romano, con la "fauna" tipica di studenti svogliati e umanamente indifferenti e di professori fin troppo tipicizzati (il giovane supplente, il disilluso vecchio, la preside nevrotica alla ricerca di un ruolo autentico). Sceneggiatura imbarazzante per una trama fittizia e inconcludente; qualche guizzo nella prova di Herlitzka, mentre la Buy reitera se stessa e Scamarcio gira a vuoto. Televisivissimo.
MEMORABILE: "Professore la mia penna"; Il supplente alle prese con penne e sedia; La preside e i rotoli di carta igienica; Le lacrimucce della Buy.

Lou 30/05/17 23:23 - 985 commenti

I gusti di Lou

Un film piacevole e illuminante sul mondo della scuola pubblica italiana, di cui racconta le difficoltà con leggerezza e ironia. Tratto dall'omonimo libro di Lodoli, lo scrittore-insegnante che di scuola se ne intende, il film di Piccioni intreccia storie di varia umanità con partecipata vicinanza a quegli insegnanti che si arrabattano per fare del loro meglio, nonostante tutto. Ottimo Herlitzka nella parte del professore anziano, ironico e disilluso.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Mco • 3/02/13 23:35
    Scrivano - 9687 interventi
    Dal 19 Febbraio 2013 in DVD per Teodora Film.
  • Discussione Ruber • 3/08/16 22:54
    Compilatore d’emergenza - 9009 interventi
    L'interpretazione di Herlitzka in questo film è SENSAZIONALE! Cinico, burbero, annoiato questo è il vero Herlitzka che mi piace, cosi come mi era piaciuto in Boris nella parte di Orlando Serpentieri. Spero di rivederlo in altri ruoli simili a questo.
  • Discussione Raremirko • 3/08/16 22:58
    Addetto riparazione hardware - 3505 interventi
    Ruber ebbe a dire:
    L'interpretazione di Herlitzka in questo film è SENSAZIONALE! Cinico, burbero, annoiato questo è il vero Herlitzka che mi piace, cosi come mi era piaciuto in Boris nella parte di Orlando Serpentieri. Spero di rivederlo in altri ruoli simili a questo.


    Vero, vero, ha fatto insomma la macchietta del professore, e spesso nella realtà le cose stanno davvero così.

    Bene anche gli altri attori.