Il mistero della signora scomparsa

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: The Lady Vanishes
Anno: 1979
Genere: thriller (colore)
Note: Remake di "La signora scompare" (1938).
Numero commenti presenti: 14
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Superflua revisione Hammer del classico di Hitchcock, ne riprende in pieno l'impianto cercando di puntare ancor di più sulla brillantezza dei dialoghi aggiornando il rapporto tra i due protagonisti e aggiungendovi qualche piccantezza ovviamente impensabile ai tempi dell'originale. Purtroppo Anthony Page non è Hitchcock e in questo potrebbe esaurirsi il paragone. Invece va sottolineato che soprattutto Elliott Gould (altrove autore di prove ironiche riuscite) non ha il fascino che nell'originale era proprio di Michael Redgrave. E Cybill Shepherd, che fa di tutto per apparire spigliata, divertente e molto in gamba, finisce con l'ottenere l'effetto opposto...Leggi tutto cadendo in eccessi irritanti. Insomma, una coppia poco simpatica cui s'aggiunge una Angela Lansbury (la signora scomparsa, per l'appunto) a sua volta lontana dalla buffa interpretazione di May Whitty. Si ritrovano tutti e tre su un treno che nel 1939, alla vigilia della Seconda Guerra Mondiale, dovrà portarli dalla Baviera alla Svizzera. Robert (Gould), fotografo americano della rivista "Life" e Amanda (Shepherd), nota eriditiera specializzata in matrimoni e divorzi a soli trent'anni, si erano però già conosciuti la sera prima nell'albergo che li ospitava, dove lei si era sentita male dopo un'improbabile imitazione di Hitler in pubblico. Si ritrovano casualmente in treno ma non subito, perché inizialmente a fare amicizia sono Amanda e miss Froy (Lansbury), una bambinaia inglese maestra di musica piuttosto invadente che condivide con la donna una cena al vagone ristorante e che siede davanti a lei nello scompartimento. Il tempo di addormentarsi che al risveglio Amanda non la ritrova più; ma quel che è peggio, ed è più singolare, è che chi l'ha vista insiste nel ripetere che quella signora non è mai esistita, lasciando intendere alla bella ereditiera di avere le traveggole. Pure un medico che si aggira per i vagoni (Lom) non pare prendere troppo sul serio la donna e lo stesso Robert, che presto finisce per rivederla, sembra assecondarla più per l'avvenenza che non per la reale convinzione che stia dicendo la verità. Eppure chi guarda ha l'ovvia sensazione che qualcosa non stia andando per il verso giusto, in quello che poi era un tipico meccanismo hitchcockiano all'epoca mirabilmente messo in scena per uno dei migliori e più compiuti film del periodo inglese del Maestro. Il remake svela l'inconsistenza di fondo del plot e manca del virtuosismo registico di Hitchcock, che aveva fatto del film un terreno su cui sperimentare tecniche d'effetto all'interno di un vagone ricostruito interamente in studio. Debole l'ultima parte in cui subentra l'azione e ancor di più il finale con cantata. Del gruppo il migliore pare Herbert Lom, una volta di più impeccabile in un ruolo insieme candido e ambiguo. Il cast è comunque di tutto rispetto e la storia resta buona, pur se qui eccessivamente seppellita da dosi massicce di ironia forzata e sorrisini complici...
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 8/06/08 DAL BENEMERITO GALBO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 11/08/20
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 9/06/08 05:44 - 11391 commenti

I gusti di Galbo

Su un treno diretto in Svizzera nel 1939 avviene la misteriosa scomparsa della governante di un generale tedesco. Una passeggera del treno cerca di risolvere il mistero aiutata da un giornalista. Remake del film diretto nel 1938 da Alfred Hitchcock, il film non regge il paragone con l'originale a causa di una sceneggiatura piuttosto approssimativa e per il tono indeciso a volte tra il thriller e il farsesco. Anche gli interpreti sono poco adeguati. Banale.

Lovejoy 9/06/08 16:25 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Mediocre ripresa di un classico di Hitchcock. La regia di Page, un buon professionista proveniente dalla tv, è poco più che corretta e la storia tutto sommato funziona, anche grazie ad un buon cast. La Lansbury è in buona vena e simpatica come sempre. Gould e la Shepherd sono affiatati e Lom è sempre efficace. Non disprezzabile ma non vale certo quanto l'originale.

Ciavazzaro 16/11/08 12:16 - 4763 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Remake del classico La signora scompare di Hitchcock e ultima produzione hammer (per ora almeno). Non paragonabile al classico degli Anni Trenta, il ritmo delude un pochino, la Sheperd è stupenda, la Lansbury perfetta e c'e pure Lom, ma la Hammer avrebbe dovuto chiudere con un bell'horror. Dimenticabile.

Pigro 5/03/09 10:13 - 7795 commenti

I gusti di Pigro

Una simpatica vecchietta scompare misteriosamente durante un viaggio in treno: è il remake di La signora scompare. Partire da Hitchcock porta inevitabilmente alla banalizzazione e alla superficialità: eppure questa edizione non è male. Il film ha tutto sommato un discreto ritmo, e inoltre gli attori sono ben calati nei personaggi. Insomma, godibile.

Funesto 16/06/10 11:33 - 525 commenti

I gusti di Funesto

Stupendo. Premetto di non aver visto il film di Alfred Hitchcock, ma questo l'ho trovato encomiabile, con un cast di bravissimi attori: Gould e la Shepherd sono scatenati e molto affiatati, la Lansbury è davvero azzeccatissima e adorabile, Lom è un dottore che oscilla tra il brillante e il malinconico in modo convincente. Regia e fotografia rimarchevoli valorizzano il tutto. Valida la sceneggiatura. Indimenticabile quando la cabarettista (la Shepherd) si ricorda della scritta "Froy" sul finestrino accanto al tavolo nel vagone ristorante.
MEMORABILE: "FROY! MISS FROY! Lì, SUL FINESTRINO!... scomparsa...!"

Il Gobbo 6/09/10 09:22 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Prima che il "remake" diventasse la ragion d'essere di un'industria per lo più si rifacevano film classici, a volte già quasi perfetti. Questo è uno di quei casi, ma anche un rifacimento gradevole, ben interpretato e condotto senza guizzi ma correttamente dal regista. D'altronde, i film di Hitchcock si possono anche rifare (anche se non sarebbe il caso), ma Hitchcock no.

Rambo90 31/10/14 17:53 - 6347 commenti

I gusti di Rambo90

Giallo rosa molto simpatico, in cui la parte mystery funziona molto bene (soprattutto all'inizio) e i tocchi ironici sono ben piazzati dando spesso ai dialoghi uno stile da commedia brillante. Ottima la ricostruzione d'epoca, simile a quella dei coevi film ispirati dalla Christie e buono il cast, in cui spiccano una radiosa Shepherd, il simpatico Gould e la signora in giallo per eccellenza. Gradevole.

Myvincent 2/12/14 06:30 - 2558 commenti

I gusti di Myvincent

Come non divertirsi con questa gustosa commedia gialla che praticamente si svolge su un treno, sempre in corsa verso sviluppi e situazioni esilaranti? Cybill Shepherd è una Marilyn di tutto rispetto e Elliott Gould un giornalista imbranato, decisi insieme a svelare gli aspetti di una storia alquanto misteriosa. Ritmo irresistibile e battute ricche di humuor all'inglese fanno il resto.

Daniela 4/02/15 12:31 - 9415 commenti

I gusti di Daniela

A distanza di 40 anni, remake del giallo-rosa di zio Alfred, certo non indecoroso ma non in grado di replicare il sottile equilibrio dell'originale fra suspence spionistica e battibecchi da commedia brillante, essendo piuttosto sbilanciato verso il farsesco. A parte l'inossidabile Angela Lansbury nel ruolo della "lady vanishes" del titolo e il simpatico Lom, Shepherd e Gould non risultano molto ben assortiti. Vedibile ed anche godibile, a patto di non fare troppi confronti con l'originale, considerata la regia piatta ed il ritmo a singhiozzo.

Nicola81 30/08/16 10:37 - 1957 commenti

I gusti di Nicola81

Remake di un vecchio film di Hitchcock, è il classico mix tra giallo spionistico e commedia brillante. Nonostante la sceneggiatura non convinca fino in fondo (sul lato mistery non tutto è chiarito e certi siparietti comici spezzano eccessivamente la tensione) si tratta di un prodotto godibile e divertente, dal ritmo incalzante e con interpreti azzeccati (la Sheperd è incantevole e simpatica). Buona l'ambientazione in Baviera alla viglia della II guerra mondiale, anche se poi quasi tutto si svolge all'interno del treno. Discrete le musiche.

Faggi 13/05/16 15:58 - 1505 commenti

I gusti di Faggi

Ricordo molto bene che da ragazzino questo film mi divertiva molto (non conoscevo l'originale di Hitchcock). Rivisto oggi e a distanza di tempo lo devo ridimensionare. Tuttavia è un giallo (marcatamente rosa) dignitoso e Cybill Shepherd è straordinaria: brava, bella e con la giusta vivacità. È intrattenimento di qualità e senza grilli per la testa. Consigliato.

Ultimo 22/12/16 09:29 - 1360 commenti

I gusti di Ultimo

Buon film giallo, del quale ho apprezzato particolarmente la ricostruzione storica (siamo nel 1939, all'alba della Seconda Guerra Mondiale) e la prova di alcuni personaggi (Angela Lansbury su tutti). Remake dell'ottimo film di Hitchcock, funziona sopratutto nella prima parte quando, dal momento della scomparsa della governante, la curiosità dello spettatore inizia a salire. Se avete visto l'originale già saprete cosa accade, ma lo apprezzerete in ogni caso. Buono.

Pessoa 30/01/19 23:18 - 1160 commenti

I gusti di Pessoa

Page omaggia un classico di Hitchkock con la deferenza che si deve ai maestri, quasi si trattasse di un esercizio stilistico, attento a non toccare gli ingranaggi precisi della macchina messa a punto dal genio londinese quarant'anni prima. Le poche digressioni dal tessuto originario hanno buon gusto e puntano su una comicità piuttosto facile che agevola la lettura della storia ma le toglie tensione. Buona la prova del cast, con Gould e la Landsbury che trovano il giusto linguaggio cinematografico. Si guarda senza noia, ma senza magia.

Ryo 5/02/20 01:54 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Come per la maggior parte dei remake un film non necessario. L'originale è un classico e generalmente considerato il migliore dei primi lavori britannici di Hitchcock. Ma senza dover fare paragoni e gustandoselo, questo remake in realtà è decente: bello e ben diretto, anche nei ruoli secondari. I due protagonisti sono piacevolmente grintosi. Un difetto è semmai che la sceneggiatura non crea abbastanza ambiguità e non pone dubbi sulla sanità di Cybil.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Ciavazzaro • 28/11/09 12:01
    Vice capo scrivano - 5600 interventi
    Jean Anderson nella versione originale del film è doppiata.

    Fonte:Imdb
  • Curiosità Buiomega71 • 22/03/19 19:11
    Pianificazione e progetti - 21924 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (venerdì 19 settembre 1986) di Il mistero della signora scomparsa: